(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Invalidità della fusione

Articolo 2504 quater - Codice Civile

Eseguite le iscrizioni dell’atto di fusione a norma del secondo comma dell’articolo 2504, l’invalidità dell’atto di fusione non può essere pronunciata.
Resta salvo il diritto al risarcimento del danno eventualmente spettante ai soci o ai terzi danneggiati dalla fusione.

Articolo 2504 quater - Codice Civile

Eseguite le iscrizioni dell’atto di fusione a norma del secondo comma dell’articolo 2504, l’invalidità dell’atto di fusione non può essere pronunciata.
Resta salvo il diritto al risarcimento del danno eventualmente spettante ai soci o ai terzi danneggiati dalla fusione.

Note

Massime

In tema di fusione tra società, la preclusione della declaratoria di invalidità dell’atto di fusione, sancita dall’art. 2504 quater c.c. quale effetto dell’iscrizione nel registro delle imprese, tutela l’affidamento dei terzi e la certezza dei trafci, sicché, quando l’iscrizione dell’atto di fusione nel registro delle imprese sia avvenuta in base ad una sequenza procedimentale priva di riconoscibili anomalie esteriori, l’inesistenza giuridica di una delle delibere assembleari propedeutiche alla fusione, nei limiti in cui essa possa essere ipotizzata, non determina l’inesistenza giuridica dell’atto di fusione, ormai iscritto nel registro, restando esclusa l’impugnabilità di quest’ultimo e risultando carente, pertanto, l’interesse all’accertamento dell’inesistenza della delibera prodromica. Cass. civ. sez. I, 1 giugno 2012, n. 8864

La disposizione di cui all’art. 2504 quater c.c. richiamata anche per le operazioni di scissione dall’art. 2504 novies (oggi art. 2506 ter c.c. ), secondo cui, una volta eseguita l’iscrizione dell’atto di fusione delle società, l’invalidità dello stesso non può più essere dichiarata, pone una preclusione di carattere assoluto, che riguarda tanto il caso in cui si deducano vizi inerenti direttamente all’atto di fusione, quanto l’ipotesi in cui i vizi concernano il procedimento di formazione dell’atto e della sua iscrizione ; tale preclusione rimane operante anche nel caso in cui si asserisca che l’impugnativa è meramente preordinata ad una futura ed ipotetica azione di risarcimento del danno nei confronti degli amministratori o di terzi. Cass. civ. sez. I, 20 dicembre 2005, n. 28242

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati