Art. 2394 bis – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Azioni di responsabilità nelle procedure concorsuali

Articolo 2394 bis - codice civile

In caso di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria le azioni di responsabilità previste dai precedenti articoli spettano al curatore del fallimento, al commissario liquidatore e al commissario straordinario.

Articolo 2394 bis - Codice Civile

In caso di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria le azioni di responsabilità previste dai precedenti articoli spettano al curatore del fallimento, al commissario liquidatore e al commissario straordinario.

Massime

Il curatore fallimentare è legittimato, tanto in sede penale, quanto in sede civile, all’esercizio di qualsiasi azione di responsabilità sia ammessa contro gli amministratori di società, anche per i fatti di bancarotta preferenziale commessi mediante pagamenti eseguiti in violazione della “par condicio creditorum”. Cass. civ. Sezioni Unite, 23 gennaio 2017, n. 1641

Qualora il curatore fallimentare di una società di capitali eserciti l’azione di responsabilità verso l’ex amministratore imputato di “mala gestio” (nella specie, per violazione del divieto di nuove operazioni dopo la perdita del capitale sociale), il mancato rinvenimento della contabilità d’impresa non determina in modo automatico che l’ex amministratore risponda della differenza tra l’attivo e il passivo accertati in sede fallimentare, potendo il giudice di merito applicare il criterio differenziale soltanto in funzione equitativa, attraverso l’indicazione delle ragioni che non hanno permesso di accertare gli specifici effetti pregiudizievoli della condotta e che rendono plausibile ascrivere al convenuto l’intero sbilancio patrimoniale. Cass. civ. sez. I, 4 luglio 2012, n. 11155

Il curatore del fallimento di un consorzio con attività esterna non è legittimato ad esercitare, nei confronti degli amministratori del consorzio, l’azione di responsabilità eventualmente spettante a coloro che vantino pretese creditorie a valere sul fondo consortile e lamentino l’incapienza di questo, ovvero abbiano subito danni diretti per essere stati fuorviati dalla violazione dei criteri legali che presiedono alla redazione della situazione patrimoniale del consorzio, restando questa un’azione risarcitoria individuale nella titolarità di ciascun singolo creditore nei confronti dell’amministratore del consorzio, che è soggetto diverso dal fallito, e che non è, egli stesso, fallito. Invero, i consorzi, pur quelli con attività esterna, costituiscono enti ben diversi dalla società per azioni, sia dal punto di vista strutturale, sia per le finalità in relazione alle quali operano, e sia per il modo di essere della loro base economico-finanziaria, con conseguente impossibilità di un’applicazione analogica dell’azione di responsabilità dei creditori sociali contemplata dall’art. 2394 c.c. e, per l’ipotesi di fallimento, dal successivo art. 2394 bis c.c. Cass. civ. sez. I, 3 giugno 2010, n. 13465

Il curatore del fallimento di un consorzio con attività esterna non è legittimato ad esercitare, nei confronti degli amministratori del medesimo consorzio, l’azione di responsabilità extracontrattuale per lesione dei diritti di credito, ai sensi dell’art. 2043 c.c. non trovando nel patrimonio del consorzio la titolarità di un’azione di responsabilità già spettante all’ente (dato che per l’art. 2608 c.c. gli amministratori rispondono verso i consorziati e non verso il consorzio), e non potendo invocare una norma speciale che gli attribuisca, sul modello dell’art. 2394 (ora 2394 bis) c.c. il potere di agire per conto dei creditori nei confronti di un soggetto diverso dal fallito, né potendo a tal fine giovarsi dell’art. 146 della legge fall. perché la speciale disciplina del capo X della legge fallimentare è circoscritta all’ipotesi di fallimento di società, onde sarebbe arbitrario riferirla anche alla diversa figura del consorzio. Cass. civ. sez. I, 3 giugno 2010, n. 13465

Il curatore fallimentare è legittimato ad agire, ai sensi dell’art. 146 della legge fall. in correlazione con l’art. 2393 c.c. nei confronti della banca, quale terzo responsabile solidale del danno cagionato alla società fallita per effetto dell’abusivo ricorso al credito da parte dell’amministratore della predetta società, senza che possa assumere rilievo il mancato esercizio dell’azione contro l’amministratore infedele, in quanto, ai sensi dell’art. 2055 c.c. se un unico evento dannoso è imputabile a più persone, sotto il profilo dell’efficienza causale delle singole condotte, sorge a carico delle stesse un’obbligazione solidale, il cui adempimento può essere richiesto, per l’intero, anche ad un solo responsabile. Cass. civ. sez. I, 1 giugno 2010, n. 13413

Il curatore del fallimento, quando agisce ai fini della reintegrazione del patrimonio del fallito, esercita un’azione di massa e svolge un’attività distinta ed autonoma rispetto a quella che avrebbe potuto svolgere il fallito stesso, ponendosi perciò necessariamente nella posizione di terzo. Allorché egli eserciti l’azione di responsabilità contro gli amministratori della società fallita ( art. 146, secondo comma del R.D. 16 marzo 1942, n. 267 ), secondo le norme degli artt. 2392 e 2393 del c.c. il contenuto delle azioni contemplate dai detti articoli diventa inscindibile, onde è irrilevante la questione relativa all’asserita conformità dell’operato (anche se illegittimo ) dell’amministratore della società fallita alla volontà espressa dai soci del tempo, non essendo tale volontà opponibile al curatore. Cass. civ. sez. I, 23 giugno 2008, n. 17033

 

 

Istituti giuridici

Novità giuridiche