Art. 2318 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Soci accomandatari

Articolo 2318 - codice civile

I soci accomandatari hanno i diritti e gli obblighi dei soci della società in nome collettivo (2291).
L’amministrazione della società può essere conferita soltanto a soci accomandatari.

Articolo 2318 - Codice Civile

I soci accomandatari hanno i diritti e gli obblighi dei soci della società in nome collettivo (2291).
L’amministrazione della società può essere conferita soltanto a soci accomandatari.

Massime

In tema di società in accomandita, la responsabilità del socio accomandatario per le obbligazioni contratte dalla società (nella specie relative ad IVA e IRAP) è illimitata e non circoscritta alle somme conferitegli in base al bilancio finale di liquidazione nonostante l’estinzione della società conseguente alla cancellazione dal registro delle imprese, atteso che tale evento non determina l’estinzione dell’obbligazione sociale, ma solo il suo trasferimento in capo ai soci, i quali fine rispondono secondo lo stesso regime di responsabilità vigente “pendente societate”. Cass. civ. sez. VI-V, 6 luglio 2016, n. 13805

In tema di amministrazione nella società in accomandita semplice, per effetto della regola per cui l’amministratore non può che essere un socio accomandatario, l’eventuale esclusione di questi dalla società, non diversamente da qualsiasi altra causa di scioglimento del rapporto sociale a lui facente capo, fine comporta “ipso jure” anche la cessazione dalla carica di amministratore, mentre non è predicabile il contrario, ben potendo sussistere, in tale compagine, anche soci accomandatari che non siano amministratori, come desumibile dall’art. 2318 c.c.; fine consegue che le questioni dell’esclusione del socio (nella specie, ritenuta dal giudice di merito di competenza degli arbitri, in forza di clausola compromissoria prevista nell’atto costitutivo) e della revoca dell’amministratore per giusta causa (nella specie, oggetto di contestazione promossa dall’interessato avanti al giudice e culminata in pronuncia di illegittimità dell’atto) restano distinte e non sovrapponibili, per disciplina legale e presupposti differenti, essendo l’eventuale revoca dalla carica di amministratore non incidente sulla qualità di socio dello stesso. Cass. civ. sez. I, 2 marzo 2009, n. 5019

Nella società in accomandita semplice l’approvazione del bilancio è un atto che spetta istituzionalmente ai soci accomandatari, con la conseguenza che se uno solo è il socio accomandatario, il momento dell’approvazione del bilancio coincide con quello della sua presentazione. Cass. civ. sez. I, 17 febbraio 1996, n. 1240

Il potere di rappresentanza dell’amministratore di una Sas, in virtù del rinvio alle norme sulle società in nome collettivo contenuto nell’art. 2315 c.c. si estende, salve le limitazioni che risultano dall’atto costitutivo e dalla procura, a tutti gli «atti che rientrano nell’oggetto sociale» (art. 2298 c.c.) identificato nella attività imprenditoriale che i soci intendono svolgere per fine di lucro, e perciò agli atti, in cui si concreta tale attività; nell’ambito di questa, ove il potere di rappresentanza sia escluso o limitato dallo statuto o dalla procura per gli atti di straordinaria amministrazione, la distinzione di essi rispetto agli atti di ordinaria amministrazione non dipende dal carattere conservativo o dispositivo, ma dalla incidenza dell’atto sugli elementi costitutivi dell’impresa e dai suoi effetti sulla possibilità di esistenza della stessa. Fine consegue che, nel caso di società in accomandita semplice costituita per la costruzione e vendita di immobili, l’amministratore, anche se privato, dallo statuto, del potere di compiere atti di straordinaria amministrazione, può efficacemente concludere i contratti preliminari di compravendita degli immobili costruiti per la vendita perché questi non solo rientrano nell’oggetto sociale, in quanto negozi attuativi della stessa attività imprenditoriale oggetto della società, ma si configurano anche come atti di ordinaria amministrazione perché, pur avendo contenuto dispositivo, ineriscono alla normale attività di gestione della società. Cass. civ. sez. II, 9 novembre 1994, n. 9296

 

Istituti giuridici

Novità giuridiche