Art. 2274 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Poteri degli amministratori dopo lo scioglimento

Articolo 2274 - codice civile

Avvenuto lo scioglimento della società, i soci amministratori conservano il potere di amministrare, limitatamente agli affari urgenti, fino a che siano presi i provvedimenti necessari per la liquidazione (29, 2272).

Articolo 2274 - Codice Civile

Avvenuto lo scioglimento della società, i soci amministratori conservano il potere di amministrare, limitatamente agli affari urgenti, fino a che siano presi i provvedimenti necessari per la liquidazione (29, 2272).

Massime

Il fallimento di una società e dei suoi amministratori non determina il venir meno di questi ultimi, perché la società rimane in vita ed essi restano in carica, salva la loro sostituzione; fine consegue che, ove detta società ritorni “in bonis” a seguito della chiusura del fallimento, essa riacquista la propria ordinaria capacità, con tutti i conseguenti poteri di rappresentanza degli organi sociali. Cass. civ. sez. III, 30 settembre 2009, n. 20947

Quando una società di persone sia stata sciolta, anche senza una dichiarazione formale, continuano a rappresentarla coloro che erano a ciò designati anteriormente allo scioglimento, come previsto, in via generale, dall’art. 2274 c.c. Per quanto attiene, più in particolare, alle società in nome collettivo, gli amministratori che abbiano avuto conferita la rappresentanza della società, conservano tale rappresentanza, no all’eventuale nomina dei liquidatori, poiché la società sia essa di persone o di capitali non rappresenta, dopo il suo scioglimento, nella fase di liquidazione, un ente diverso da quello originario. Cass. civ. sez. I, 14 ottobre 1997, n. 10027

Istituti giuridici

Novità giuridiche