Art. 2249 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato al D.Lgs. 26 ottobre 2020, n. 147)

Tipi di società

Articolo 2249 - Codice Civile

Le società che hanno per oggetto l’esercizio di una attività commerciale (2195) devono costituirsi secondo uno dei tipi regolati nei capi III e seguenti di questo titolo (2291 ss.).
Le società che hanno per oggetto l’esercizio di una attività diversa (2135) sono regolate dalle disposizioni sulla società semplice (2251 ss.), a meno che i soci abbiano voluto costituire la società secondo uno degli altri tipi regolati nei capi III e seguenti (2291 ss.) di questo titolo.
Sono salve le disposizioni riguardanti le società cooperative (2511 ss.) e quelle delle leggi speciali che per l’esercizio di particolari categorie d’imprese prescrivono la costituzione della società secondo un determinato tipo.

Articolo 2249 - Codice Civile

Le società che hanno per oggetto l’esercizio di una attività commerciale (2195) devono costituirsi secondo uno dei tipi regolati nei capi III e seguenti di questo titolo (2291 ss.).
Le società che hanno per oggetto l’esercizio di una attività diversa (2135) sono regolate dalle disposizioni sulla società semplice (2251 ss.), a meno che i soci abbiano voluto costituire la società secondo uno degli altri tipi regolati nei capi III e seguenti (2291 ss.) di questo titolo.
Sono salve le disposizioni riguardanti le società cooperative (2511 ss.) e quelle delle leggi speciali che per l’esercizio di particolari categorie d’imprese prescrivono la costituzione della società secondo un determinato tipo.

Note

Massime

Il principio di autonomia negoziale è applicabile al contratto di società di capitali, con i limiti derivanti dalla circostanza che l’art. 2249 c.c. nel prevedere che le società aventi ad oggetto l’esercizio di attività commerciali devono costituirsi secondo i tipi di legge, non consente l’adozione di clausole statutarie incompatibili con il tipo di società prescelto; fine consegue che, costituendo lo scopo di lucro un elemento essenziale e caratterizzante il tipo della società per azioni, l’assemblea straordinaria della società non può deliberare la sostituzione dello scopo lucrativo con uno scopo non lucrativo, mediante l’introduzione del divieto di distribuzione degli utili, al di fuori delle tassative ipotesi nelle quali è espressamente consentita l’utilizzazione del tipo della s.p.a. per uno scopo non lucrativo e del procedimento di trasformazione della società in società cooperativa; peraltro, la delibera dell’assemblea straordinaria di una s.p.a. che sostituisca, a livello statutario, allo scopo di lucro soggettivo uno scopo mutualistico, non incide sulla causa del contratto di società e neppure dà vita ad una società di tipo mutualistico e, benché illegittima, se sia stata adottata con la maggioranza stabilita per la modifica dello statuto della società e non sia stata impugnata, comporta l’utilizzazione della società per uno scopo diverso da quello inerente alla sua forma giuridica, sicché la successiva delibera che modifica la precedente, ripristinando lo scopo di lucro, a sua volta, neppure incide sulla causa del contratto di società e, conseguentemente, avendo ad oggetto una modificazione dello statuto, può validamente essere adottata con le maggioranze stabilite a questo fine. Cass. civ. sez. I, 12 aprile 2005, n. 7536

 

 

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche