Art. 2192 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato al D.Lgs. 26 ottobre 2020, n. 147)

Ricorso contro il decreto del giudice del registro

Articolo 2192 - Codice Civile

Contro il decreto del giudice del registro emesso a norma degli articoli precedenti, l’interessato, entro quindici giorni dalla comunicazione, può ricorrere al tribunale dal quale dipende l’ufficio del registro.
Il decreto che pronunzia sul ricorso deve essere iscritto d’ufficio nel registro.

Articolo 2192 - Codice Civile

Contro il decreto del giudice del registro emesso a norma degli articoli precedenti, l’interessato, entro quindici giorni dalla comunicazione, può ricorrere al tribunale dal quale dipende l’ufficio del registro.
Il decreto che pronunzia sul ricorso deve essere iscritto d’ufficio nel registro.

Note

Massime

Il decreto emesso in sede di reclamo dal tribunale, ai sensi dell’art. 2192 c.c. non è impugnabile con il ricorso straordinario per cassazione, di cui all’art. 111 Cost. con riguardo alle statuizioni che si riferiscono alla gestione del registro e, quindi, agli atti da iscrivere o da cancellare, mentre ad opposta conclusione deve pervenirsi con riguardo all’eventuale distinta decisione con la quale il giudice, pronunciando sul reclamo, condanni una parte al pagamento delle spese processuali, in quanto questa ha carattere decisorio e definitivo, risolvendo un conflitto tra le parti in ordine ad un diritto soggettivo, e non essendo la stessa modificabile o revocabile neppure in un procedimento diverso. Cass. civ. sez. I, 23 febbraio 2012, n. 2757

Il decreto emesso dal tribunale, ai sensi dell’art. 2192 c.c. sul ricorso proposto avverso il provvedimento assunto dal giudice del registro delle imprese non è impugnabile innanzi alla corte d’appello, in quanto, da un lato, il legislatore ha escluso, salva diversa disposizione di legge, che sia a sua volta reclamabile il provvedimento emesso dal tribunale in sede reclamo (art. 739, terzo comma, c.p.c.), e, dall’altro lato, né gli artt. 2188 e seguenti c.c. né altra disposizione speciale prevedono che i decreti pronunciati dal tribunale su reclamo contro il provvedimento del giudice del registro siano, a propria volta, reclamabili. Cass. civ. sez. I, 23 febbraio 2012, n. 2757

Anche nel procedimento camerale previsto dall’art. 2192 c.c. nel quale il tribunale provvede su reclamo avverso il decreto emesso dal giudice del registro, è legittima – benché esso sia destinato a concludersi con un decreto non direttamente incidente su posizioni di diritto soggettivo, bensì volto alla gestione di un pubblico registro a tutela di interessi generali -la condanna al pagamento delle spese processuali, pronunciata in favore di colui il quale, partecipando al procedimento in forza di interessi giuridicamente qualificati, le abbia anticipate e tale condanna ben può fondarsi sulla soccombenza processuale dei controinteressati, o del ricorrente nei confronti di questi ultimi, nel contrasto delle rispettive posizioni soggettive. Cass. civ. sez. I, 23 febbraio 2012, n. 2757,

È inammissibile il ricorso straordinario per cassazione, ex art. 111 Cost. avverso il decreto emesso – in sede di reclamo – dal tribunale, nel corso del procedimento di cui all’art. 2191 c.c. avente ad oggetto la cancellazione d’ufficio di una società dal registro delle imprese; si tratta, infatti, di provvedimento di volontaria giurisdizione, privo del carattere di definitività, in quanto relativo a materia che potrebbe liberamente formare oggetto di ordinario giudizio di cognizione, nonchè privo del carattere di decisorietà, in quanto, non incidendo su posizioni di diritto soggettivo, si risolve in un mero atto di gestione di un pubblico registro a tutela di interessi generali. Cass. civ. sez. I, 29 gennaio 2009, n. 2219

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche