(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Imprese esercitate da enti pubblici

Articolo 2093 - Codice Civile

Le disposizioni di questo libro si applicano agli enti pubblici inquadrati nelle associazioni professionali.
Agli enti pubblici non inquadrati si applicano le disposizioni di questo libro, limitatamente alle imprese da essi esercitate (2201).
Sono salve le diverse disposizioni della legge (2221; 195 l. fall.).

Articolo 2093 - Codice Civile

Le disposizioni di questo libro si applicano agli enti pubblici inquadrati nelle associazioni professionali.
Agli enti pubblici non inquadrati si applicano le disposizioni di questo libro, limitatamente alle imprese da essi esercitate (2201).
Sono salve le diverse disposizioni della legge (2221; 195 l. fall.).

Note

Massime

Ai fini della qualificabilità come rapporto di pubblico impiego di un rapporto di lavoro prestato alle dipendenze di un ente pubblico non economico, rileva che il dipendente risulti effettivamente inserito nella organizzazione pubblicistica ed adibito ad un servizio rientrante nei fini istituzionali dell’ente pubblico, non rilevando in senso contrario l’assenza di un atto formale di nomina, né che si tratti di un rapporto a termine, e neppure che il rapporto sia affetto da nullità per violazione delle norme imperative sul divieto di nuove assunzioni, con conseguente configurabilità di prestazione di fatto, a norma dell’art. 2126 c.c. Cass. civ. sez. lav. 3 luglio 2003, n. 10551

I rapporti di lavoro costituiti iure privatorum da un ente pubblico sono soggetti alla disciplina privatistica, con la conseguenza che, in ipotesi di licenziamento, anche quando il datore di lavoro sia un ente istituzionale territoriale (nella specie, amministrazione provinciale), pur non essendo applicabile la tutela reale per la mancanza della struttura organizzativa, tipica delle imprese, richiesta dall’art. 35 legge n. 300 del 1970, non può però negarsi l’operatività della tutela obbligatoria di cui alla legge n. 604 del 1966, atteso, peraltro, che l’art. 1 di tale legge assoggetta alla disciplina in questione tutti i presupposti di lavoro a tempo indeterminato, anche intercorrenti con enti pubblici, ove la stabilità non sia assicurata per legge, regolamento o contratto. Cass. civ. sez. lav. 14 ottobre 2000, n. 13728

Per effetto dell’art. 37 della legge n. 300 del 1970, le norme dello statuto dei lavoratori vanno direttamente applicate alle vicende del rapporto di lavoro degli enti pubblici economici, nei limiti e con le salvezze di cui all’art. 40 della stessa legge, e tuttavia con esclusione generalizzata delle norme speciali destinate a garantire procedure selettive e concorsuali di assunzione del personale ed altri momenti organizzativi dell’ente, operando in questa sfera l’ente medesimo con poteri che assumono, per gli obiettivi perseguiti, rilevanza pubblica, sicché le norme statutarie in questa sfera hanno una mera efficacia integrativa, così come avviene – per effetto dell’ultima parte dell’art. 37 st. lav. – per gli altri enti pubblici. (Omissis). Cass. civ. sez. lav. 6 ottobre 2000, n. 13311

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati