Art. 2037 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Restituzione di cosa determinata

Articolo 2037 - codice civile

Chi ha ricevuto indebitamente una cosa determinata è tenuto a restituirla (1189).
Se la cosa è perita, anche per caso fortuito (1218, 1256), chi l’ha ricevuta in mala fede è tenuto a corrisponderne il valore; se la cosa è soltanto deteriorata, colui che l’ha data può chiedere l’equivalente, oppure la restituzione e un’indennità per la diminuzione di valore.
Chi ha ricevuto la cosa in buona fede (1147) non risponde del perimento o del deterioramento di essa, ancorché dipenda da fatto proprio, se non nei limiti del suo arricchimento (2041).

Articolo 2037 - Codice Civile

Chi ha ricevuto indebitamente una cosa determinata è tenuto a restituirla (1189).
Se la cosa è perita, anche per caso fortuito (1218, 1256), chi l’ha ricevuta in mala fede è tenuto a corrisponderne il valore; se la cosa è soltanto deteriorata, colui che l’ha data può chiedere l’equivalente, oppure la restituzione e un’indennità per la diminuzione di valore.
Chi ha ricevuto la cosa in buona fede (1147) non risponde del perimento o del deterioramento di essa, ancorché dipenda da fatto proprio, se non nei limiti del suo arricchimento (2041).

Massime

In caso di risoluzione per inadempimento del vincolo contrattuale, il venir meno della “causa adquirendi” comporta l’obbligo di restituzione di quanto prestato in esecuzione del contratto stesso, secondo le regole dell’indebito oggettivo, sicché, ove si verta nel caso di restituzione di una cosa determinata della quale sia impossibile la riconsegna, l’obbligo dell’”accipiens” risulta disciplinato dall’art. 2037 cod. civ., sicché, ove sia in malafede nel ricevere o trattenere il bene, è tenuto a corrispondere il controvalore, mentre nell’opposta situazione di buona fede è obbligato nei soli limiti del suo arricchimento. Cass. civ., sez. , III 25 agosto 2014, n. 18185

In materia di vendita, il compratore il quale, lamentando vizi della merce acquistata, la restituisca al venditore e non ne accetti poi la riconsegna, può comunque agire, ove sia esclusa la sussistenza dei vizi e perciò la risoluzione del contratto, per la ripetizione dell’indebito, a norma dell’art. 2037 c.c., rinvenendosi il presupposto della “traditio” nel ricevimento da parte del venditore di cose ormai di proprietà dell’acquirente. Sulla parte venditrice, che riceva in restituzione la merce e non si liberi dall’obbligo di consegna mediante il deposito di cui all’art. 1210 c.c. o attraverso la procedura di vendita di cui all’art. 1211 c.c., grava un obbligo di ripetizione e/o custodia delle cose, ancorché essa si sia adoperata per il ritrasferimento alla parte acquirente e questa l’abbia rifiutato. Cass. civ., sez. , II 8 gennaio 2013, n. 267 

Nell’indebito inerente alla consegna di cosa determinata (art. 2037 c.c.) l’impossibilità di restituzione del bene, che trasforma l’obbligazione restitutoria dell’accipiens in obbligazione di versare l’equivalente in denaro, deve essere dedotta e provata da parte di quest’ultimo, non del solvens, nemmeno ove esso, prefigurandosi la perdita o distruzione del bene, agisca direttamente per conseguire detto equivalente, salva in tal caso la facoltà del convenuto di opporre la possibilità di effettuare la restituzione stessa (con l’offerta di provvedervi). Cass. civ. sez. I 14 giugno 1996, n. 5512

Istituti giuridici

Novità giuridiche