Art. 2022 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Trasferimento

Articolo 2022 - codice civile

Il trasferimento del titolo nominativo si opera mediante l’annotazione del nome dell’acquirente sul titolo e nel registro dell’emittente o col rilascio di un nuovo titolo intestato al nuovo titolare. Del rilascio deve essere fatta annotazione nel registro.
Colui che chiede l’intestazione del titolo a favore di un’altra persona, o il rilascio di un nuovo titolo ad essa intestato, deve provare la propria identità e la propria capacità di disporre, mediante certificazione di un notaio o di un agente di cambio. Se l’intestazione o il rilascio è richiesto dall’acquirente, questi deve esibire il titolo e dimostrare il suo diritto mediante atto autentico (1999, 2703).
Le annotazioni nel registro e sul titolo sono fatte a cura e sotto la responsabilità dell’emittente.
L’emittente che esegue il trasferimento nei modi indicati dal presente articolo è esonerato da responsabilità, salvo il caso di colpa (464 c.n.).

Articolo 2022 - Codice Civile

Il trasferimento del titolo nominativo si opera mediante l’annotazione del nome dell’acquirente sul titolo e nel registro dell’emittente o col rilascio di un nuovo titolo intestato al nuovo titolare. Del rilascio deve essere fatta annotazione nel registro.
Colui che chiede l’intestazione del titolo a favore di un’altra persona, o il rilascio di un nuovo titolo ad essa intestato, deve provare la propria identità e la propria capacità di disporre, mediante certificazione di un notaio o di un agente di cambio. Se l’intestazione o il rilascio è richiesto dall’acquirente, questi deve esibire il titolo e dimostrare il suo diritto mediante atto autentico (1999, 2703).
Le annotazioni nel registro e sul titolo sono fatte a cura e sotto la responsabilità dell’emittente.
L’emittente che esegue il trasferimento nei modi indicati dal presente articolo è esonerato da responsabilità, salvo il caso di colpa (464 c.n.).

Massime

Nel trasferimento di titoli azionari, l’adempimento delle formalità prescritte dall’art. 2022, primo comma, c.c. (c.d. transfert ) non costituisce condizione di perfezionamento dell’acquisto o di produzione dell’effetto reale traslativo della proprietà del titolo, ma attiene alla fase esecutiva, certificativa e pubblicitaria del trasferimento, incidendo soltanto sulla legittimazione del nuovo socio ; quest’ultimo, peraltro, pur non potendo esercitare alcun diritto sino a quando non si sia provveduto alle predette formalità (salvo quello di partecipare alle assemblee con le modalità previste dall’art. 4 della legge 29 dicembre 1962, n. 1745 ), è pur sempre titolare del diritto di proprietà sul titolo, per il cui trasferimento non è quindi necessaria la redazione del c.d. fissato bollato, imposta per ragioni fiscali inerenti alla conclusione dei contratti di borsa, e non avente neppure una funzione surrogatoria o complementare rispetto all’esecuzione del transfert, ma solo di ulteriore documentazione di una cessione meramente consensuale. Cass. civ. sez. I 24 giugno 2008, n. 17088

In tema di azioni di società, il compimento delle formalità previste dalla legge (artt. 2021 – 2023 c.c.: cosiddetto transfert) – e tra esse, l’iscrizione nel libro dei soci – come necessarie per l’esercizio dei diritti sociali non è affidato ad un potere discrezionale della società, la quale è tenuta a dar corso ai relativi adempimenti, una volta verificata la conformità a diritto del trasferimento dei titoli. Ne consegue che, ove la società rifiuti il transfert richiesto dall’alienante o dall’acquirente, e il rifiuto si riveli ab origine illegittimo, la società medesima non può addurre tale rifiuto per paralizzare il legittimo esercizio dei diritti (tra cui quello di opzione, di cui all’art. 2441 c.c.) spettante all’acquirente dei titoli cui legalmente competeva la qualità di socio. Cass. civ. sez. I 15 luglio 2004, n. 13106 

L’art. 2022 c.c., che prescrive, per l’esecuzione del trasferimento di titoli nominativi – ivi compresi quelli azionari di società – l’annotazione del nome dell’acquirente sul titolo, è norma inderogabile (la cui violazione comporta nullità del trasferimento) ed applicabile anche ai trasferimenti mortis causa. Cass. civ. sez. II 19 febbraio 1999, n. 1410 

In tema di azioni di società, le formalità previste dalla prima parte dell’art. 2022 c.c. (cosiddetto transfert), per cui il trasferimento del titolo nominativo si opera mediante l’annotazione del nome dell’acquirente sul titolo e sul registro dell’emittente, sono necessarie soltanto per l’acquisto della legittimazione all’esercizio dei diritti sociali, mentre per l’acquisto della proprietà del titolo è sufficiente il semplice consenso delle parti legittimamente manifestato, secondo la regola generale di cui all’art. 1376 c.c. In particolare, l’iscrizione nel libro dei soci è necessaria a dimostrare la qualità di socio anche nel rapporto con la società ed ha, perciò, una funzione meramente certificativa ed esecutiva. Cass. civ. sez. I 5 settembre 1995, n. 9314 

Se per il trasferimento dei titoli nominativi, compresi quelli azionari di società, necessitano la loro materiale consegna all’acquirente ed il cosiddetto transfert, tuttavia, in mancanza dei predetti elementi, le parti possono concludere un contratto, perfetto ed incondizionato di vendita con effetti obbligatori, non soggetto ad alcuna specifica forma, per cui il venditore sia tenuto a trasferire la proprietà dei titoli nominativi, non appena ne abbia acquistata la disponibilità materiale e giuridica. In tal caso, ai fini dell’esecuzione del trasferimento in questione, occorre, a norma dell’art. 2022, primo comma, cod. civ., l’annotazione del nome dell’acquirente sul titolo e sul registro dell’emittente ovvero il rilascio di un nuovo titolo intestato al nuovo titolare, con relativa annotazione nel registro, mentre, per contro, non è sufficiente il rilascio del cosiddetto «fissato bollato», che è imposto per ragioni fiscali inerenti alla conclusione dei contratti di borsa e non ha certo una funzione surrogatoria dell’esecuzione del transfert, potendo soltanto valere come ulteriore documentazione di una cessione meramente consensuale. Cass. civ. sez. I 28 aprile 1981, n. 2557

Istituti giuridici

Novità giuridiche