Art. 1962 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Durata dell'anticresi

Articolo 1962 - codice civile

L’anticresi dura finché il creditore sia stato interamente soddisfatto del suo credito, anche se il credito o l’immobile dato in anticresi sia divisibile, salvo che sia stata stabilita la durata (2794, 2799).
In ogni caso l’anticresi non può avere una durata superiore a dieci anni.
Se è stato stipulato un termine maggiore, questo si riduce al termine suddetto.

Articolo 1962 - Codice Civile

L’anticresi dura finché il creditore sia stato interamente soddisfatto del suo credito, anche se il credito o l’immobile dato in anticresi sia divisibile, salvo che sia stata stabilita la durata (2794, 2799).
In ogni caso l’anticresi non può avere una durata superiore a dieci anni.
Se è stato stipulato un termine maggiore, questo si riduce al termine suddetto.

Note

In tema di anticresi, la prevista rinnovabilità del rapporto dopo il primo decennio e l’effettiva sua prosecuzione oltre la durata massima stabilita dall’art. 1962 c.c., nonché l’esistenza di un patto commissorio, non incidono sullo schema legale del contratto né ad esso si propaga l’invalidità di quelle clausole. Cass. civ. sez. III 12 marzo 1983, n. 1866

La cessazione dell’anticresi, per scadenza del termine convenzionale, o per decorso del periodo massimo di dieci anni, previsto dall’art. 1962 secondo comma c.c., comporta che il protrarsi del godimento dell’immobile, da parte del creditore anticretico, configura occupazione senza titolo, con il conseguente obbligo di corresponsione di un indennizzo, ove le parti, con lo stesso contratto di anticresi o con patto successivo, non abbiano previsto quel godimento in forza di locazione od altro analogo rapporto obbligatorio. Cass. civ. sez. I 2 agosto 1977, n. 3406

L’obbligo del creditore, che abbia ricevuto un fabbricato in forza di anticresi, di restituirlo al debitore, alla cessazione del relativo contratto, non viene meno per il fatto che il creditore medesimo abbia nel frattempo acquistato la proprietà del suolo su cui insiste detto immobile, salvo l’eventuale esercizio del diritto di ritenzione di cui all’art. 936 c.c. Cass. civ. sez. I 2 agosto 1977, n. 3406

Istituti giuridici

Novità giuridiche