Art. 1914 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Obbligo di salvataggio

Articolo 1914 - codice civile

L’assicurato deve fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire il danno (1227, 1915).
Le spese fatte a questo scopo dall’assicurato sono a carico dell’assicuratore, in proporzione del valore assicurato rispetto a quello che la cosa aveva nel tempo del sinistro (1907), anche se il loro ammontare, unitamente a quello del danno, supera la somma assicurata, e anche se non si è raggiunto lo scopo, salvo che l’assicuratore provi che le spese sono state fatte inconsideratamente (1932, 2031; 534 c.n.).
L’assicuratore risponde dei danni materiali direttamente derivanti alle cose assicurate dai mezzi adoperati dall’assicurato per evitare o diminuire i danni del sinistro, salvo che egli provi che tali mezzi sono stati adoperati
inconsideratamente (1900).
L’intervento dell’assicuratore per il salvataggio delle cose assicurate e per la loro conservazione non pregiudica i suoi diritti.
L’assicuratore che interviene al salvataggio deve, se richiesto dall’assicurato, anticiparne le spese o concorrere in proporzione del valore assicurato (2031).

Articolo 1914 - Codice Civile

L’assicurato deve fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire il danno (1227, 1915).
Le spese fatte a questo scopo dall’assicurato sono a carico dell’assicuratore, in proporzione del valore assicurato rispetto a quello che la cosa aveva nel tempo del sinistro (1907), anche se il loro ammontare, unitamente a quello del danno, supera la somma assicurata, e anche se non si è raggiunto lo scopo, salvo che l’assicuratore provi che le spese sono state fatte inconsideratamente (1932, 2031; 534 c.n.).
L’assicuratore risponde dei danni materiali direttamente derivanti alle cose assicurate dai mezzi adoperati dall’assicurato per evitare o diminuire i danni del sinistro, salvo che egli provi che tali mezzi sono stati adoperati
inconsideratamente (1900).
L’intervento dell’assicuratore per il salvataggio delle cose assicurate e per la loro conservazione non pregiudica i suoi diritti.
L’assicuratore che interviene al salvataggio deve, se richiesto dall’assicurato, anticiparne le spese o concorrere in proporzione del valore assicurato (2031).

Massime

In tema di cd. obbligo di salvataggio ex art. 1914 c.c., mentre il dovere di evitare il danno si concretizza in un contegno commissivo od omissivo che si colloca utilmente nella fattispecie potenzialmente causativa del danno, valendo ad evitarlo, quello di diminuire il danno si riferisce ad un azione od omissione che, inserendosi nella serie causale quando il pregiudizio già si è determinato, ne impedisce la crescita ulteriore, sicché non è riconducibile all’ipotesi dell’art. 1914 c.c. un eventuale comportamento assunto dall’assicurato in sede di stipulazione del contratto, il quale può rilevare, invece, ai sensi dell’art. 1893 o dell’art. 1898 c.c. Cass. civ., sez. , III 21 luglio 2016, n. 14992

L’obbligo di salvataggio di cui all’art. 1914 cod. civ. si applica anche al contratto di assicurazione della responsabilità civile, ed in tal caso impone all’assicurato di evitare di resistere al giudizio promosso contro di lui dal terzo danneggiato, quando da tale resistenza non possa ricavare alcun beneficio. Cass. civ., sez. , III 19 marzo 2015, n. 5479

Qualora l’azione generatrice del danno si protragga nel tempo, stante il disposto dell’art. 1914 cod. civ., secondo cui l’assicurato deve fare quanto gli é possibile “per evitare il danno”, l’obbligo di avviso e di salvataggio, per l’assicurato, sorge in coincidenza dell’atto iniziale dell’azione medesima; peraltro il tempestivo avviso di sinistro può consentire l’adozione, anche da parte dell’assicuratore, di misure atte a limitare se non ad escludere i danni, dovendosi considerare di salvataggio gli interventi che si inseriscono nel processo causale, già introdotto dal sinistro, e che si palesano idonei, secondo le cognizioni tecniche, ad impedire che tale processo si completi e si produca, in tutto o in parte, il danno. (Omissis). Cass. civ. sez. III 12 dicembre 2008, n. 29209

In tema di contratto di assicurazione per il rischio di furto, l’obbligo di salvataggio che incombe sull’assicurato comporta che questi debba adoperarsi con la diligenza del buon padre di famiglia per il recupero del bene rubato e che tale dovere permanga anche nel corso del giudizio intentato contro l’assicuratore per conseguire l’indennizzo. La valutazione del comportamento omissivo dell’assicurato integra un giudizio di fatto devoluto al giudice di merito, incensurabile in cassazione tranne che per vizio di motivazione. (Omissis). Cass. civ. sez. III 27 febbraio 2002, n. 2909

Istituti giuridici

Novità giuridiche