Art. 1883 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Esercizio delle assicurazioni

Articolo 1883 - codice civile

L’impresa di assicurazione (2195) non può essere esercitata che da un istituto di diritto pubblico o da una società per azioni (2325, 2546) e con l’osservanza delle norme stabilite dalle leggi speciali.

Articolo 1883 - Codice Civile

L’impresa di assicurazione (2195) non può essere esercitata che da un istituto di diritto pubblico o da una società per azioni (2325, 2546) e con l’osservanza delle norme stabilite dalle leggi speciali.

Massime

I contratti di assicurazione stipulati con imprese che operino in violazione delle norme dettate dal D.P.R. 13 febbraio 1959, n. 449 (T.U. sull’esercizio delle assicurazioni private), e, quindi, in difetto od oltre i limiti dell’autorizzazione ministeriale ivi prescritta, non sono nulli od annullabili, ma solo suscettibili di risoluzione ex nunc, su formale denuncia dell’interessato. Ne consegue che, fino a quando non venga esercitato detto potere di recesso, i contratti continuano a produrre tutti i loro effetti obbligatori, nei confronti di entrambe le parti. Cass. civ. sez. I 24 marzo 1977, n. 1150

L’art. 1883 c.c. vieta di esercitare le assicurazioni in forma di impresa a soggetti diversi da istituti di diritto pubblico o da società per azioni, in conformità delle leggi speciali, ma non vieta a soggetti privati di stipulare un patto di natura assicurativa. Cass. civ. sez. I 21 giugno 1969, n. 2211

Istituti giuridici

Novità giuridiche