Art. 1846 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Disponibilità delle cose date in pegno

Articolo 1846 - codice civile

Nell’anticipazione bancaria su pegno di titoli o di merci, la banca non può disporre delle cose ricevute in pegno (2784, 2790, 2792), se ha rilasciato un documento nel quale le cose stesse sono individuate (1851). Il patto contrario deve essere provato per iscritto (2725).

Articolo 1846 - Codice Civile

Nell’anticipazione bancaria su pegno di titoli o di merci, la banca non può disporre delle cose ricevute in pegno (2784, 2790, 2792), se ha rilasciato un documento nel quale le cose stesse sono individuate (1851). Il patto contrario deve essere provato per iscritto (2725).

Massime

L’anticipazione bancaria si configura come «sottospecie» del contratto di apertura di credito, caratterizzata dalla circostanza di essere necessariamente accompagnata da una garanzia reale, normalmente prestata in proporzione della somma posta a disposizione dall’istituto di credito. Ne consegue che, se una nuova garanzia reale viene a costituirsi per i crediti già sorti o che potrebbero sorgere in base ad una precedente apertura di credito, essa non può legittimamente considerarsi concessa per un credito contestualmente creato, ed è, pertanto, soggetta a revocatoria fallimentare ex art. 671. fall. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 8089 del 14 giugno 2000

La mera consegna di ricevute bancarie dal cliente alla banca, in difetto di specifiche pattuizioni, concreta mandato a riscuotere (eventualmente) accompagnato dall’anticipazione da parte della banca dell’importo delle ricevute stesse. Tale (eventuale) anticipazione è correlata non alla natura del documento ma alla valutazione della banca di affidamento in ordine alla futura riscossione del credito, sicché, nel caso in cui sia avvenuta la sola consegna delle ricevute, la banca è onerata della prova di specifica stipulazione — non di mandato a riscuotere ma — di cessione dei crediti. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 4908 del 20 maggio 1999

L’anticipazione «salvo buon fine» su ricevute bancarie trova la sua specifica disciplina non nella legge, ma nel contratto e nella prassi bancaria, alle quali fonti non occorre riferirsi ai fini dell’inquadramento giuridico dell’operazione, con la conseguenza che, ove sia nelle medesime fonti stabilito il carattere oneroso della utilizzazione, da parte del cliente, delle somme anticipate dalla banca prima dell’effettiva esazione delle medesime, il rapporto si configura come strumento per l’erogazione del credito e non è riconducibile allo schema del mandato all’incasso.
Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 7835 del 23 settembre 1994

L’erogazione di credito da parte di un istituto bancario dietro consegna dei certificati di origine o di conformità di autoveicoli non costituisce anticipazione su pegno, di cui all’art. 1846 c.c., atteso che la consegna di detti documenti non è idonea a produrre la perdita del possesso del bene da parte del debitore, che può ancora dispone della cosa mobile, né, di conseguenza, a costituire il diritto di pegno sull’autoveicolo ai sensi dell’art. 2786 c.c. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 851 del 25 gennaio 1993

Istituti giuridici

Novità giuridiche