Art. 1829 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Crediti verso terzi

Articolo 1829 - Codice Civile

Se non risulta una diversa volontà delle parti, l’inclusione nel conto di un credito verso un terzo si presume fatta con la clausola «salvo incasso». In tal caso, se il credito non è soddisfatto, il ricevente ha la scelta di agire per la riscossione o di eliminare la partita dal conto reintegrando nelle sue ragioni colui che ha fatto la rimessa. Può eliminare la partita dal conto anche dopo avere infruttuosamente esercitato le azioni contro il debitore (1267, 1857).

Articolo 1829 - Codice Civile

Se non risulta una diversa volontà delle parti, l’inclusione nel conto di un credito verso un terzo si presume fatta con la clausola «salvo incasso». In tal caso, se il credito non è soddisfatto, il ricevente ha la scelta di agire per la riscossione o di eliminare la partita dal conto reintegrando nelle sue ragioni colui che ha fatto la rimessa. Può eliminare la partita dal conto anche dopo avere infruttuosamente esercitato le azioni contro il debitore (1267, 1857).

Note

Massime

Alle operazioni bancarie in conto corrente si applica il principio di cui all’art. 1829 c.c., richiamato dal successivo art. 1857, secondo cui l’accreditamento sul conto corrente del cliente dell’importo di un assegno, trasferito alla banca per l’incasso, deve ritenersi sempre effettuato “salvo incasso” (o “salvo buon fine”, o “con riserva di verifica”), con la conseguenza che, se il credito portato dall’assegno non viene soddisfatto dal terzo obbligato, la banca può eliminare la partita dal conto del cliente attraverso uno storno, reintegrando il correntista nelle sue ragioni con la mera restituzione del titolo, non potendo il cliente, ove abbia disposto dell’importo dell’assegno, dolersi che l’istituto di credito abbia dato seguito al suo ordine di pagamento, dovendo il correntista essere consapevole che l’anticipazione operata dalla banca dovrà essere restituita se il titolo, alla scadenza, risulti privo di provvista. Cassazione civile, Sez. VI-I, ordinanza n. 11395 del 30 aprile 2019

In tema di conto corrente, in ipotesi di annotazione a credito in favore del cliente dell’importo di assegni girati per l’incasso, cui faccia seguito un’annotazione a debito di identico ammontare, a causa del mancato pagamento dei titoli da parte della banca trattaria per difetto di provvista, non sussiste un errore di scritturazione o di calcolo, né alcuna omissione o duplicazione, agli effetti dell’art. 1832, secondo comma, c.c., configurandosi, piuttosto, uno storno conseguente al definitivo non avveramento della condizione sospensiva alla quale rimane subordinato, in forza dell’art. 1829 c.c., l’accredito degli assegni in conto corrente, comportante il venir meno, con efficacia retroattiva, dell’iniziale annotazione. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 19585 del 27 agosto 2013

La banca girataria per l’incasso di un assegno bancario è tenuta non soltanto a far levare il protesto (art. 45 legge assegno), al fine di conservare integre le ragioni del proprio girante nei confronti degli obbligati di regresso, ma ha anche l’obbligo, discendente dal disposto dell’art. 1829 c.c., di restituire il titolo al correntista girante per l’incasso: tale ultimo obbligo, nel caso (ricorrente nella specie) in cui un vincolo posto dal giudice penale abbia impedito la restituzione dell’originale del titolo, può ben essere adempiuto con la consegna di una copia autentica dello stesso. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 11852 del 25 giugno 2004

In tema di operazioni in conto corrente, ai sensi dell’art. 1829, parte seconda, c.c. — applicabile anche al contratto di apertura di credito bancario regolata in conto corrente, in virtù del rinvio operato dal successivo art. 1857 — chi riceve (per cessione, nel conto corrente ordinario, o per mandato «salvo incasso», nel conto corrente bancario) un titolo di credito verso terzi, in tanto può liberarsi dai propri obblighi, in quanto dimostri che il credito non è stato soddisfatto e reintegri il rimettente nei diritti verso il terzo. Pertanto in caso di apertura di credito regolata in conto corrente con la clausola «salvo buon fine» per gli accreditamenti di titoli di credito, se la banca, dopo aver accreditato un assegno bancario tratto da terzi, smarrisca il titolo ed il cliente (sia pur su sollecitazione dello stesso istituto di credito) ottenga il decreto di ammortamento dell’assegno, legittimamente la banca procede ad eliminare l’accredito dal conto corrente, in quanto essa, spossessata dell’assegno smarrito e priva del decreto di ammortamento, non è in grado di realizzare il credito oggetto del mandato, mentre il cliente, avendo ottenuto il decreto di ammortamento, deve considerarsi reintegrato nelle sue ragioni. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 8485 del 18 ottobre 1994

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche