Art. 1811 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Morte del comodatario

Articolo 1811 - codice civile

In caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine (1809), può esigere dagli eredi l’immediata restituzione della cosa (1833).

Articolo 1811 - Codice Civile

In caso di morte del comodatario, il comodante, benché sia stato convenuto un termine (1809), può esigere dagli eredi l’immediata restituzione della cosa (1833).

Massime

In caso di cessazione del contratto di comodato per morte del comodante o del comodatario e di mantenimento del potere di fatto sulla cosa da parte di quest’ultimo o dei suoi eredi, il rapporto, in assenza di richiesta di rilascio da parte del comodante o dei suoi eredi, si intende proseguito con le caratteristiche e gli obblighi iniziali anche rispetto ai medesimi successori. (Nella specie, la S.C. ha rigettato la domanda di usucapione proposta dagli eredi del comodatario, sostenendo che il mantenimento, da parte loro, del potere di fatto sul bene successivamente al decesso del proprio dante causa e del comodante, non avesse mutato la detenzione “nomine alieno” in possesso utile ai fini dell’usucapione). Cassazione civile, Sez. II, ordinanza n. 25887 del 16 ottobre 2018

In tema di comodato, in caso di morte del comodatario il comodante ha facoltà di recedere dal contratto anche quando sia stato pattuito un termine a norma dell’art. 1811 c.c., determinandone la anticipata risoluzione del rapporto mediante idonea manifestazione di volontà come nel caso di comodato a tempo indeterminato, con conseguente obbligo per gli eredi di immediata restituzione della cosa. Peraltro, qualora detta facoltà non venga esercitata, il rapporto prosegue con le caratteristiche e gli obblighi iniziali anche rispetto agli eredi. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 8409 del 18 agosto 1990

Nel comodato a tempo indeterminato, non stipulato espressamente intuitu personae, la morte del comodatario non estingue automaticamente il rapporto, ma l’estinzione si ha solo allorquando il comodante chieda agli eredi la restituzione della cosa. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1772 del 18 maggio 1976

Il comodato si estingue con la morte del comodatario, anche se non è spirato ancora il termine previsto dal contratto; ed a maggior ragione con quell’evento si estingue il comodato senza determinazione di durata, altrimenti noto come precario; di conseguenza, qualora nell’immobile si immetta un successore del comodatario, il medesimo non può essere considerato, per tale sua qualità, detentore del bene, dovendosi invece esaminare se il potere di fatto dallo stesso personalmente iniziato, possa essere valutato autonomamente rispetto alla situazione precedente, come vero e proprio possesso, in quanto tale, utile anche agli effetti dell’usucapione. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1407 del 21 aprile 1976

Istituti giuridici

Novità giuridiche