Art. 1715 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Responsabilità per le obbligazioni dei terzi

Articolo 1715 - codice civile

In mancanza di patto contrario, il mandatario che agisce in proprio nome non risponde verso il mandante dell’adempimento delle obbligazioni assunte dalle persone con le quali ha contrattato, tranne il caso che l’insolvenza di queste gli fosse o dovesse essergli nota all’atto della conclusione del contratto (1705, 1736).

Articolo 1715 - Codice Civile

In mancanza di patto contrario, il mandatario che agisce in proprio nome non risponde verso il mandante dell’adempimento delle obbligazioni assunte dalle persone con le quali ha contrattato, tranne il caso che l’insolvenza di queste gli fosse o dovesse essergli nota all’atto della conclusione del contratto (1705, 1736).

Massime

L’esonero del mandatario senza rappresentanza da responsabilità verso il mandante per l’inadempimento delle obbligazioni assunte dai terzi con i quali ha contratto, sancito dall’art. 1715 c.c., ha carattere generale, poiché rappresenta la conseguenza del particolare modo di operare dell’interposizione gestoria, nel cui ambito non v’è spazio per una responsabilità in proprio del gestore, posto che il mandante o ha azione diretta contro il terzo contraente, ovvero versa in una situazione di piena estraneità rispetto al negozio di gestione ed al rapporto che ne scaturisce in capo al mandatario. Pertanto, il suddetto esonero copre tutta l’area dell’esecuzione del mandato e non è limitato ad un solo momento di questa.
Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 3230 del 10 ottobre 1975

Istituti giuridici

Novità giuridiche