Art. 1657 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Determinazione del corrispettivo

Articolo 1657 - codice civile

Se le parti non hanno determinato la misura del corrispettivo né hanno stabilito il modo di determinarla, essa è calcolata con riferimento alle tariffe esistenti o agli usi; in mancanza, è determinata dal giudice (2225, 2233).

Articolo 1657 - Codice Civile

Se le parti non hanno determinato la misura del corrispettivo né hanno stabilito il modo di determinarla, essa è calcolata con riferimento alle tariffe esistenti o agli usi; in mancanza, è determinata dal giudice (2225, 2233).

Massime

Nel contratto di appalto stipulato tra privati, quando il corrispettivo sia stato fissato a corpo e non a misura, il prezzo viene determinato in una somma fissa ed invariabile che non può subire modifiche, se non giustificate da variazioni in corso d’opera; sicché, nel caso di parziale inadempimento dell’appaltatore, ove sia necessario determinare il suo compenso per i lavori già eseguiti, il dato di riferimento è sempre il prezzo concordato a corpo, con la conseguenza che da questo va detratto il costo dei lavori non eseguiti e non, invece, calcolato il costo di quelli realizzati. Cassazione civile, Sez. II, ordinanza n. 21517 del 20 agosto 2019

Il potere del giudice di determinare il corrispettivo dell’appalto ex art. 1657 c.c. se le parti non ne abbiano pattuito la misura, né stabilito il modo per calcolarlo, e sempre che non possa farsi riferimento alle tariffe esistenti ed agli usi, è esercitabile solo ove non si controverta sulle opere eseguite dall’appaltatore, atteso che, in tal caso, questi deve provare l’entità e la consistenza delle opere, non potendo il giudice stabilire il prezzo di cose indeterminate né consentire all’attore di sottrarsi all’onere probatorio che lo riguarda. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 17959 del 13 settembre 2016

Nel contratto di appalto, qualora le parti non abbiano dato esecuzione alla previsione contrattuale sulla determinazione del corrispettivo, volta a stabilire la misurazione delle opere in contraddittorio tra appaltatore e direttore dei lavori, l’entità dei lavori realizzati e la relativa quantificazione devono essere accertati dal giudice, a mezzo di indagine tecnica, ai sensi dell’art. 1657 cod. civ., non costituendo la specificazione del prezzo dell’appalto elemento essenziale dell’accordo tra le parti. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 19413 del 15 settembre 2014

Deve ritenersi a tutti gli effetti ricompresa nella liquidazione giudiziale del prezzo d’appalto, a seguito della domanda di una delle parti di determinarne la misura ai sensi dell’articolo 1657 c.c., la maggiorazione del 15% prevista per le spese generali d’impresa. (Nella specie la S.C. ha ritenuto infondata la censura dell’appaltatore, secondo cui la corte di merito fosse incorsa in violazione dell’articolo 112 c.p.c., per avergli negato, contrariamente al primo giudice, la suddetta maggiorazione, nonostante le deduzioni sul punto da parte del committente fossero state in appello tardivamente prospettate).
Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 13401 del 23 maggio 2008

In materia di corrispettivo dovuto per l’ appalto privato, laddove il committente contesti l’entità del dovuto, la fattura emessa dall’appaltatore è utilizzabile come prova scritta ai soli fini della concessione del decreto ingiuntivo, ma non costituisce idonea prova dell’ammontare del credito nell’ordinario giudizio di cognizione che si apre con l’opposizione trattandosi di documento di natura fiscale proveniente dalla stessa parte, né costituisce idonea prova del credito dell’appaltatore la contabilità redatta dal direttore dei lavori, a meno che non risulti che essa sia stata portata a conoscenza del committente e che questi l’abbia accettata senza riserve, pur senza aver manifestato la sua accettazione con formule sacramentali, oppure che il direttore dei lavori per conto del committente abbia redatto la relativa contabilità come rappresentante del suo cliente e non come soggetto legato a costui da un contratto di prestazione d’opera professionale, che gli fa assumere la rappresentanza del committente limitatamente alla materia tecnica.  Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 10860 del 11 maggio 2007

In tema di appalto, la mancata determinazione del corrispettivo, in deroga alla disposizione generale di cui all’art. 1346 c.c., non è causa di nullità del contratto, giacché lo stesso può essere stabilito, ai sensi dell’art. 1657 c.c. in base alle tariffe vigenti o agli usi, e ciò anche quando le parti, pur avendo pattuito il corrispettivo, non abbiano fornita la relativa prova ; peraltro, qualora le parti non vi abbiano fatto preciso riferimento, le tariffe del Genio Civile non sono vincolanti ed inderogabili, avendo valore meramente indicativo. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 17386 del 30 agosto 2004

Qualora in un contratto di appalto le parti abbiano previsto il versamento di acconti sul corrispettivo in favore dell’appaltatore subordinati solo al decorso dell’unità di tempo prevista o alla contabilizzazione da parte della direzione dei lavori della quantità di prestazioni previste nel contratto, e non anche alla accettazione dei lavori fino a quel momento eseguiti, le singole obbligazioni di pagamento a carico del committente non sorgono contestualmente alla obbligazione dell’appaltatore all’esatto adempimento, che ha come termine di adempimento unico quello della consegna dell’opera compiuta; ne consegue che il committente inadempiente all’obbligazione di corrispondere i singoli acconti non può fondatamente avvalersi dell’eccezione di inadempimento, in quanto lo stesso art. 1460 c.c. esclude che nei contratti con prestazioni corrispettive, ove sia pattiziamente prevista la diversità dei termini di adempimento, il contraente tenuto per primo alla prestazione e resosi inadempiente possa giovarsi dell’exceptio inadimpleti contractus salva l’ipotesi, nella specie non dedotta né comunque ricorrente, del pericolo di perdere la controprestazione. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 12609 del 28 agosto 2002

In tema di appalto, il giudice, in deroga alla disposizione di carattere generale di cui all’art. 1346 c.c., può determinare la misura del corrispettivo nell’ipotesi in cui le parti, pur avendolo pattuito, non ne hanno provato la differente misura rispettivamente dedotta, oppure quando l’appaltatore non abbia fornito la prova della congruità della somma richiesta, alla stregua della particolare natura e dell’entità dell’opera stessa. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 9926 del 28 luglio 2000

L’obbligo del committente di pagare all’appaltatore il cosiddetto prezzo dell’appalto, ossia corrispettivo della sua prestazione, traendo la sua origine dal contratto d’appalto, si configura come debito di valuta, senza che tale natura muti nel caso di revisione del prezzo originariamente pattuito, sia per fatti non imputabili al committente, sia per le variazioni del progetto che egli ha la facoltà di disporre in corso d’opera, giacché il compenso supplementare per le maggiori spese derivanti dalla modifica del progetto in corso d’opera è dovuto all’appaltatore a titolo di corrispettivo contrattuale e non a titolo di indennità da atto lecito o di risarcimento del danno. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 3393 del 8 aprile 1999

Le tariffe in relazione alle quali l’art. 1657 c.c. prevede la determinazione del corrispettivo dell’appalto in mancanza di accordo fra le parti, sono non soltanto quelle di imperio, ma anche quelle che vengono formulate, in via indicativa e derogabile, da organi o collegi, pubblici o privati, indipendentemente dalla loro approvazione ad opera dell’autorità governativa. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 7238 del 23 luglio 1998

Nel contratto d’appalto l’art. 1657 c.c. deroga alla disposizione generale dell’art. 1346, nel senso che la mancata determinazione del corrispettivo non è causa di nullità del contratto, potendo la determinazione avvenire «a posteriori» in base alle tariffe esistenti, ovvero agli usi o da parte del giudice. Detta norma trova applicazione anche nell’ipotesi in cui le parti, pur avendo pattuito il corrispettivo dell’appalto, non ne hanno provata la differente misura, rispettivamente dedotta. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 9129 del 28 agosto 1993

Il potere del giudice di determinare il corrispettivo dell’appalto ai sensi dell’art. 1657 cod. civ., essendo integrativo della volontà negoziale, sussiste allorquando nel contratto non siano stati stabiliti specifici criteri di determinazione del quantum con riferimento a precisi prezzi unitari, mentre esso non opera nel caso in cui, essendo certi i detti elementi per essere stati indicati in contratto, debba sopperirsi all’inerzia probatoria dell’appaltatore in ordine all’entità delle opere che egli assume di aver compiuto e delle quali richiede il pagamento. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1511 del 29 marzo 1989

Istituti giuridici

Novità giuridiche