(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Effetti della garanzia

Articolo 1492 - Codice Civile

Nei casi indicati dall’art. 1490 il compratore può domandare a sua scelta la risoluzione del contratto (1453 ss.) ovvero la riduzione del prezzo, salvo che, per determinati vizi (1497), gli usi escludano la risoluzione.
La scelta è irrevocabile quando è fatta con la domanda giudiziale (1286, 1453).
Se la cosa consegnata è perita in conseguenza dei vizi, il compratore ha diritto alla risoluzione del contratto; se invece è perita per caso fortuito o per colpa del compratore, o se questi l’ha alienata o trasformata, egli non può domandare che la riduzione del prezzo.

Articolo 1492 - Codice Civile

Nei casi indicati dall’art. 1490 il compratore può domandare a sua scelta la risoluzione del contratto (1453 ss.) ovvero la riduzione del prezzo, salvo che, per determinati vizi (1497), gli usi escludano la risoluzione.
La scelta è irrevocabile quando è fatta con la domanda giudiziale (1286, 1453).
Se la cosa consegnata è perita in conseguenza dei vizi, il compratore ha diritto alla risoluzione del contratto; se invece è perita per caso fortuito o per colpa del compratore, o se questi l’ha alienata o trasformata, egli non può domandare che la riduzione del prezzo.

Note

Massime

In tema di garanzia per vizi della cosa venduta, ha natura irrevocabile la scelta dell’azione di risoluzione, proposta dal compratore in via principale rispetto alla domanda di riduzione del prezzo, tenuto conto che – in considerazione del riferimento ai vizi di cui all’art. 1490 contenuto nell’art. 1492 c.c. – identici sono i presupposti per l’accoglimento delle due azioni. Ne consegue che, disattesa la domanda di risoluzione per l’inesistenza dei vizi di cui all’art. 1490 c.c., non è accoglibile la domanda di riduzione del prezzo basata sugli stessi vizi, formulata dal compratore in via subordinata. Cass. civ. sez. II 27 gennaio 2004, n. 1434

Spetta al giudice di merito accertare, in base alle risultanze processuali, se il compratore che utilizza la merce, dopo averne denunziato i vizi, intenda in tal modo rinunziare all’azione di risoluzione del contratto o di riduzione del prezzo. Cass. civ. sez. II 22 novembre 2000, n. 15104

In tema di garanzia per i vizi della cosa venduta, il compratore può proporre azione di risoluzione e, in via subordinata, chiedere la riduzione del prezzo per l’ipotesi in cui la domanda principale risulti inammissibile, infondata e vi rinunci. Cass. civ. sez. II 7 luglio 2000, n. 9098

In tema di garanzia per vizi della cosa compravenduta, nel concorso dei presupposti fissati dall’art. 1490 c.c., la facoltà di scelta dell’acquirente fra risoluzione del contratto e riduzione del prezzo, ai sensi dell’art. 1492 c.c., va riconosciuta a prescindere dalla maggiore o minore gravità dei vizi medesimi. Cass. civ. sez. III 29 gennaio 1982, n. 582

In tema di contratto di vendita, le azioni di garanzia, le quali tendono a tutelare il compratore nella fase dinamica della esecuzione del contratto, perseguono tale fine prescindendo da ogni indagine sulla colpa del venditore (cioè anche quando risulti che il venditore abbia fatto tutto il possibile per il non verificarsi dell’evento pregiudizievole al compratore od abbia ignorato senza colpa la presenza dei vizi della cosa venduta), ed il compratore, nella garanzia da vizi, non può avvalersi, anche nel concorso della colpa del venditore, della azione di esatto adempimento o dell’eccezione di inesatto adempimento, alternativamente con l’azione di risoluzione e con la quanti minoris entrambe derivanti dalla garanzia, anche se quell’azione o quell’eccezione egli intendesse proporre nei termini di decadenza e di prescrizione comminati dall’art. 1495 c.c. Cass. civ. sez. III 10 settembre 1974, n. 2471

In tema di compravendita, il legittimo esercizio dell’azione di risoluzione per vizi della cosa alienata non presuppone l’esistenza della colpa dell’alienante, giusta disposto dell’art. 1492 c.c., colpa richiesta, per converso, nella diversa ipotesi di risoluzione per difetto delle qualità promesse ex art. 1497 c.c., norma che, a differenza della prima, richiama «le disposizioni generali dell’istituto della risoluzione per inadempimento», fondato, come noto, sul principio della colpa dell’inadempiente. Cass. civ. sez. II 21 gennaio 2000, n. 639

La domanda del compratore di risoluzione del contratto di compravendita per vizi che rendono la cosa inidonea all’uso (art. 1495 c.c.) non si estende al terzo fornitore della cosa, chiamato in causa dal venditore, perché l’azione in tal modo esercitata nei confronti del terzo ha un titolo fondato su un rapporto contrattuale diverso da quello che è posto alla base della domanda principale e l’obbligazione dedotta dal convenuto principale non si inserisce in giudizio, quindi, in via alternativa con quella dedotta dall’attore a carico dello stesso convenuto; ne consegue che l’eccezione di decadenza della garanzia opposta dal terzo chiamato in causa non può essere estesa alla domanda principale. Cass. civ. sez. II 19 luglio 1995, n. 7863

Nel contratto di compravendita, qualora il bene in oggetto presenti dei vizi che ne determinano la diminuzione del valore in relazione alla minore utilità che dal medesimo si può trarre, il compratore, esercitando l’actio quanti minoris ha diritto di chiedere una diminuzione del prezzo pattuito in una percentuale pari a quella rappresentante la menomazione che il valore effettivo della cosa consegnata subisce a causa dei vizi, in modo tale da essere posto nella situazione economica equivalente a quella in cui si sarebbe trovato se la cosa fosse stata immune da vizi (Omissis ). Cass. civ. sez. II 21 maggio 2008, n. 12852

La legge non impone particolari criteri da seguire per la determinazione della somma dovuta per riduzione di prezzo in relazione ai vizi della cosa venduta, ed il ricorso a criteri equitativi ed al prudente apprezzamento del giudice, ancorché non previsto espressamente dal legislatore nella disciplina normativa della vendita, è consentito in questa materia sia in conformità all’origine e alla tradizione storica dell’actio quanti minoris, sia in applicazione di un principio generale, di cui la disposizione contenuta nell’art. 1226 c.c. costituisce una particolare specificazione in tema di risarcimento del danno. Cass. civ. sez. II 6 ottobre 2000, n. 13332

In tema di azione di riduzione del prezzo di cui all’art. 1492 cod. civ., l’obbligazione del venditore di restituire una parte del prezzo ricevuto in pagamento ha natura di debito di valuta, con la conseguenza che la svalutazione monetaria sopraggiunta durante la mora del debitore non giustifica l’automatico risarcimento del maggior danno per quella svalutazione, potendo quest’ultimo essere eventualmente dovuto, a norma dell’art. 1224 cod. civ., nel solo caso in cui il creditore ne faccia richiesta e provi di avere subito un pregiudizio patrimoniale. Cass. civ. sez. II 6 febbraio 1989, n. 724

La misura della riduzione del prezzo di vendita, per il caso di vizi della cosa venduta e di esperimento da parte del compratore della actio quanti minoris (art. 1492 c.c.), deve essere determinata in funzione della necessità di ripristinare l’equilibrio economico fra le prestazioni contrattuali. Pertanto, l’equivalente in denaro della diminuita utilità o menomata idoneità della cosa, in dipendenza dei vizi da cui è affetta, deve essere detratto dal prezzo pattuito, e non dall’eventuale diverso valore che la cosa stessa avrebbe oggettivamente sul mercato, se immune da vizi. Cass. civ. sez. III 9 novembre 1976, n. 4094

Nel caso in cui, trattandosi di vendita a consegne ripartite, l’azione di risoluzione per vizi, nonostante il perimento di una parte dei beni, non sia preclusa, ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 1492 c.c., perché i vizi riguardavano solo alcune partite della merce, all’obbligo della restituzione specifica dei beni periti si sostituisce quello della restituzione per equivalente, mediante corresponsione di una somma di danaro pari al valore contrattuale (prezzo) delle cose non restituite, senza tenere conto del deprezzamento prodotto dai vizi, essendo ogni possibile pregiudizio subito per questo aspetto dal compratore tutelabile con l’azione di risarcimento di cui all’art. 1494 c.c. Cass. civ. sez. II 28 aprile 1992, n. 5065

In tema di garanzia per i vizi della cosa compravenduta, nel caso di perimento della cosa stessa dopo la proposizione della domanda di risoluzione, spetta al compratore che sia rimasto nel possesso della cosa, di dimostrare che la sua obbligazione di restituzione si è estinta in dipendenza di caso fortuito con la conseguenza che, in difetto di tale prova, il perimento della cosa si presume imputabile al compratore stesso, onde gli è preclusa l’azione di risoluzione del contratto a termine del terzo comma dell’art. 1492 c.c. Cass. civ. sez. II 8 novembre 1991, n. 11812

Il principio per cui la risoluzione del contratto è preclusa dall’impossibilità di restituire l’oggetto nel suo stato originario opera, ai sensi dell’art. 1492, terzo comma, c.c., che è espressione di una regola generale e, quindi, non ha valore limitatamente al contratto di vendita, solo quando l’impossibilità di restituzione nello statu quo ante si sia verificata senza colpa di colui che ha consegnato il bene, poiché non è lecito addebitare ad un contraente le conseguenze di un evento (perimento in senso fisico o giuridico di un bene) che è stato determinato quanto meno in modo prevalente da fatto imputabile all’altro contraente. Cass. civ. sez. II 18 febbraio 1983, n. 1254.

La disposizione contenuta nell’art. 1492, comma terzo c.c., la quale preclude al compratore l’azione di risoluzione del contratto se la cosa affetta da vizi sia stata da lui trasformata, è espressione di un principio generale secondo cui non può consentirsi la risoluzione di un contratto in tutti i casi nei quali la restituzione delle cose sia diventata impossibile senza colpa del venditore. Tale disciplina, applicabile agli eventi verificatisi prima della proposizione della domanda di risoluzione del contratto, non trova più il suo fondamento razionale allorché questi stessi eventi si verifichino dopo l’instaurazione del giudizio, determinando il perimento delle cose; dal momento che, in quest’ultima ipotesi, salvo il caso di colpa del compratore, non può dirsi che l’impossibilità di restituzione sia dipesa da caso fortuito, valendo l’opposto principio che la durata del processo non può arrecare pregiudizio alla parte vittoriosa ed incolpevole, mentre sono a carico del venditore le conseguenze per non avere accettato prontamente la risoluzione del contratto e l’offerta di restituzione delle cose. Cass. civ. sez. III 12 maggio 1981, n. 3137

Qualora la compravendita venga risolta per i vizi della cosa venduta, il perimento della cosa e la conseguente impossibilità di restituzione della medesima restano a carico dell’alienante, il quale potrà pretendere unicamente la differenza tra i vantaggi ritratti eventualmente dall’acquirente in relazione al perimento stesso e il danno subito dall’acquirente medesimo per la risoluzione del contratto. Cass. civ., sez. II, 25 luglio 1978, n. 3724

La trasformazione o l’alienazione della cosa acquistata, di per sé, non preclude al compratore l’azione di risoluzione contrattuale per vizi, ai sensi dell’art. 1492, terzo comma, c.c., se quella condotta non evidenzia univocamente che il compratore, cosciente dei vizi, ha inteso accettare la cosa, rinunciando alla maggiore tutela risarcitoria rispetto alla riduzione del prezzo. In caso di risoluzione contrattuale, attesa l’impossibilità della restituzione in natura, gli effetti restitutori devono essere ordinati per equivalente, nei limiti in cui, malgrado i vizi, la cosa abbia fornito utilità al compratore. Cass. civ., sez. , II 29 luglio 2013, n. 18202

In tema di garanzia per i vizi della cosa venduta, con riferimento agli effetti di tale garanzia, deve ritenersi che la ratio della preclusione dell’azione di risoluzione, prevista dall’ultimo comma, ultimo periodo, dell’articolo 1492 c.c., per il caso in cui il compratore abbia alienato o trasformato la cosa venduta, risieda nella oggettiva rilevanza della utilizzazione definitiva della cosa viziata, della quale l’acquirente ha usufruito. Cass. civ. sez. II 25 maggio 2006, n. 12382

Ai sensi dell’art. 1492 c.c., terzo comma, l’alienazione o la trasformazione della cosa viziata, di per sé, non è sufficiente a precludere, al compratore l’azione di risoluzione del contratto per vizi della cosa venduta perché la regola dettata dalla predetta norma, che esclude la possibilità di chiedere la risoluzione nei casi di alienazione e di trasformazione della cosa, deve esser ricondotta non all’impossibilità di ripristino della situazione in cui le parti si trovavano al momento della conclusione del contratto, ma alla volontà dell’acquirente di accettare la cosa nonostante la presenza del vizio. Cass. civ. sez. II 15 gennaio 2001, n. 489

L’azione redibitoria deve ritenersi preclusa a norma dell’art. 1492 c.c. quando il compratore, utilizzando la res empta, e così determinandone la trasformazione, modificazione e consumazione, abbia in tal modo espresso la volontà di accettare il bene pur nella consapevolezza dei vizi da cui è affetto e di rinunciare alla maggior tutela derivante dall’esercizio dell’azione di risoluzione. (Nella specie, in relazione all’acquisto da parte di una società sportiva di un giocatore risultato non in perfette condizioni fisiche per i postumi di un intervento chirurgico al menisco, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva ritenuto preclusa l’azione redibitoria alla società per avere essa utilizzato il giocatore in due stagioni di campionato, spendendo così parte delle sue energie sportive, e aver continuato a fruire delle prestazioni del suddetto giocatore anche dopo l’accertamento dei postumi dell’intervento chirurgico, tenendo in tal modo un comportamento incompatibile con la volontà di provocare l’immediato scioglimento del vincolo). Cass. civ. sez. I 4 aprile 1998, n. 3500

In tema di garanzia per vizi della cosa venduta, il principio secondo cui l’azione redibitoria e quella estimatoria (o quanti minoris), essendo incompatibili tra loro, in quanto preordinate alla tutela di un medesimo diritto l’una attraverso la risoluzione e l’altra mercè il mantenimento del contratto, non possono essere esercitate contestualmente, né alternativamente, né subordinatamente, l’una rispetto all’altra, incombendo sul compratore l’onere di operare la scelta relativa, non si applica alle ipotesi in cui l’azione di riduzione è accordata al compratore in via esclusiva (art. 1492, comma terzo, c.c.). Pertanto, in caso di alienazione o trasformazione della cosa venduta, da parte del compratore, qualora originariamente sussista dubbio sull’ammissibilità dell’azione redibitoria, ovvero l’ammissibilità della stessa sia contestata dal venditore-convenuto, il compratore-attore legittimamente può – per il caso in cui detta azione redibitoria dovesse essere ritenuta inammissibile ed al fine di non perdere ogni garanzia – chiedere anche l’unica tutela apprestatagli dall’art. 1492, terzo comma, c.c. nell’ipotesi innanzi indicata, vale a dire l’azione di riduzione del prezzo. Cass. civ. sez. II 24 ottobre 1995, n. 11036

In tema di azione redibitoria per vizi della cosa oggetto del contratto di compravendita, mentre l’alienazione, da parte del compratore, della cosa stessa non può ex se precludere a quest’ultimo la possibilità di sperimentare la detta azione verificandosi, invece, siffatta preclusione solo quando l’atto dispositivo debba intendersi realmente correlato ad una volontà di accettare la cosa nonostante le deficienze in essa riscontrate spetta al compratore, una volta constatata la ricorrenza dell’evento considerato dalla legge (art. 1492, terzo comma, c.c.) potenzialmente preclusivo, dimostrare che questo, per le particolarità della fattispecie, non può essere idoneo a concretare siffatta potenzialità e ad impedire, quindi, la proponibilità della domanda di risoluzione. Cass. civ. sez. II 8 giugno 1994, n. 5552

In tema di vizi della cosa oggetto di compravendita, la regola dettata dal terzo comma, ultima ipotesi dell’art. 1492 c.c., che esclude la possibilità di chiedere la risoluzione nei casi di alienazione e trasformazione della cosa, deve essere ricondotta non alla obiettiva impossibilità di ripristino della situazione nella quale le parti si trovavano al momento della conclusione del contratto, ma alla volontà dell’acquirente di accettare la cosa nonostante il detto vizio e deve essere conseguentemente estesa ad ogni forma di utilizzazione che, non essendo unicamente dovuta allo scopo di accertare ed eliminare il vizio o di ridurre il danno mediante l’uso della cosa secondo la sua naturale destinazione, possa considerarsi inequivocabilmente indicativa (secondo l’apprezzamento del giudice di merito non censurabile in Cassazione, se logicamente e congruamente motivato) della predetta volontà del compratore. (Omissis). Cass. civ. sez. II 1 febbraio 1993, n. 1212 Srl Officina Partenopea c. Srl Di.Ma.U.. Nello stesso senso, Cass. civ., sez. II, 15 gennaio 2001, n. 489

La disposizione contenuta nell’art. 1492, comma terzo c.c., la quale preclude al compratore l’azione di risoluzione del contratto se la cosa affetta da vizi sia stata da lui trasformata, è espressione di un principio generale secondo cui non può consentirsi la risoluzione di un contratto in tutti i casi nei quali la restituzione delle cose sia diventata impossibile senza colpa del venditore. Tale disciplina, applicabile agli eventi verificatisi prima della proposizione della domanda di risoluzione del contratto, non trova più il suo fondamento razionale allorché questi stessi eventi si verifichino dopo l’instaurazione del giudizio, determinando il perimento delle cose; dal momento che, in quest’ultima ipotesi, salvo il caso di colpa del compratore, non può dirsi che l’impossibilità di restituzione sia dipesa da caso fortuito, valendo l’opposto principio che la durata del processo non può arrecare pregiudizio alla parte vittoriosa ed incolpevole, mentre sono a carico del venditore le conseguenze per non avere accettato prontamente la risoluzione del contratto e l’offerta di restituzione delle cose. Cass. civ. sez. III 12 maggio 1981, n. 3137

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati