(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Chiamata in causa del venditore

Articolo 1485 - Codice Civile

Il compratore convenuto da un terzo che pretende di avere diritti sulla cosa venduta, deve chiamare in causa il venditore (1483; 106, 269 c.p.c.). Qualora non lo faccia e sia condannato con sentenza passata in giudicato (2909; 324 c.p.c.), perde il diritto alla garanzia, se il venditore prova che esistevano ragioni sufficienti per far respingere la domanda.
Il compratore che ha spontaneamente riconosciuto il diritto del terzo perde il diritto alla garanzia, se non prova che non esistevano ragioni sufficienti per impedire l’evizione (1489).

Articolo 1485 - Codice Civile

Il compratore convenuto da un terzo che pretende di avere diritti sulla cosa venduta, deve chiamare in causa il venditore (1483; 106, 269 c.p.c.). Qualora non lo faccia e sia condannato con sentenza passata in giudicato (2909; 324 c.p.c.), perde il diritto alla garanzia, se il venditore prova che esistevano ragioni sufficienti per far respingere la domanda.
Il compratore che ha spontaneamente riconosciuto il diritto del terzo perde il diritto alla garanzia, se non prova che non esistevano ragioni sufficienti per impedire l’evizione (1489).

Note

Massime

Quando il compratore oltre a chiamare in causa il venditore per la denuncia della lite ex art. 1485 c.c., propone contro di questi nel medesimo processo anche l’azione di garanzia, fra la causa principale e quella di garanzia (propria) si instaura un vincolo non di inscindibilità ma di dipendenza, perché l’accoglimento della domanda di garanzia è subordinato all’accertamento del diritto del terzo, ciò che non impedisce che il giudice separi le due cause, decidendo solo quella principale, facendo cessare la relazione di dipendenza. Cass. civ. sez. II 27 marzo 1996, n. 2714

Il compratore che ha riconosciuto mediante transazione la pretesa del terzo sulla cosa acquistata conserva l’azione di rivalsa per garanzia da evizione nei confronti del venditore, quando dimostri che il diritto del terzo risultava obiettivamente certo. Cass. civ. sez. II 1 dicembre 1992, n. 12834

In tema di riscatto agrario, nel caso di opposizione del terzo acquirente alle pretese del riscattante, il risarcimento del danno spettante al detto acquirente a norma e nei limiti dell’art. 1485 cod. civ. nei confronti del venditore, a seguito dell’accoglimento della domanda di riscatto, si estende all’arco di tempo intercorrente fra il suo acquisto e la decisione definitiva sul riscatto, sempre che la sua opposizione sia giustificata (come per l’incertezza sull’esistenza nel riscattante dei requisiti richiesti dalla legge per l’esercizio del riscatto, in conseguenza del comportamento del venditore del fondo). Cass. civ. sez. III 18 gennaio 1988, n. 341

Il compratore, convenuto da un terzo che pretende di avere diritti sulla cosa venduta, che voglia garantirsi a norma dell’art. 1485 c.c., può chiamare il venditore nel processo ai sensi dell’art. 106 c.p.c., ma deve, al riguardo, attenersi al disposto dell’art. 269 dello stesso codice e, cioè, o citare senz’altro il terzo per la prima udienza, ovvero chiedere, nella stessa udienza, al giudice istruttore la fissazione di un termine per provvedere alla citazione, ma se sceglie questo secondo sistema, la fissazione o meno del termine e, quindi, l’autorizzazione o meno della chiamata nel processo rientrano nei poteri discrezionali del giudice istruttore, con la conseguenza che la relativa decisione è insindacabile in sede di legittimità. Cass. civ. sez. II 4 dicembre 1982, n. 6603

Nel caso in cui il venditore sia convenuto in giudizio dal compratore unitamente ad un terzo che pretende di avere diritti sulla cosa venduta, la partecipazione del primo al processo, qualora contro di lui non sia proposta azione di rivalsa, non ha altro scopo che quello di assoggettare il medesimo alla decisione della controversia promossa dal compratore contro il terzo per fare accertare l’insussistenza degli anzidetti diritti. Il venditore, pertanto, quale parte in causa soggetta alla decisione sul rapporto principale, ha tutti i poteri ed i doveri che competono alle altre parti, ivi compreso il potere di impugnare la decisione sfavorevole al compratore nei confronti del terzo, per evitare che il passaggio in giudicato di tale decisione pregiudichi irrimediabilmente la sua posizione nei confronti del compratore medesimo, con la conseguenza che, anche se quest’ultimo abbia fatto acquiescenza alla decisione con il conseguente passaggio in giudicato di essa nei suoi confronti, il venditore, mentre ha interesse ad impugnarla limitatamente alla parte in cui estenda i suoi effetti sul rapporto di garanzia, è carente di interesse in ordine ai capi della decisione che su tale rapporto non producono effetti. Cass. civ. sez. III 3 settembre 1982, n. 4805

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati