(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Impossibilità totale

Articolo 1463 - Codice Civile

Nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità (1256 ss.) della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito (2033 ss.).

Articolo 1463 - Codice Civile

Nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità (1256 ss.) della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito (2033 ss.).

Note

Massime

In tema di risoluzione del contratto, l’impossibilità sopravvenuta della prestazione è configurabile qualora siano divenuti impossibili l’adempimento della prestazione da parte del debitore o l’utilizzazione della stessa ad opera della controparte, purché tale impossibilità non sia imputabile al creditore ed il suo interesse a ricevere la prestazione medesima sia venuto meno, dovendosi in tal caso prendere atto che non può più essere conseguita la finalità essenziale in cui consiste la causa concreta del contratto, con la conseguente estinzione dell’obbligazione. (In applicazione del principio, la S.C. ha rigettato il ricorso proposto avverso sentenza che aveva ritenuto il debitore liberato dalla prestazione divenuta impossibile – nella specie la rappresentazione di un’opera lirica all’aperto che, pur dopo l’esecuzione del solo primo atto, era stata interrotta a causa di gravi avverse condizioni atmosferiche – con esclusione per la parte liberata della possibilità di chiedere la controprestazione ed obbligo di restituzione di quella già ricevuta). Cass. civ., sez. , III 29 marzo 2019, n. 8766

Mentre l’impossibilità giuridica dell’utilizzazione del bene per l’uso convenuto o per la sua trasformazione secondo le previste modalità, quando derivi da disposizioni inderogabili già vigenti alla data di conclusione del contratto, rende nullo il contratto stesso per l’impossibilità dell’oggetto, a norma degli artt. 1346 e 1418 c.c., nella diversa situazione in cui la prestazione sia divenuta impossibile per causa non imputabile al debitore ai sensi degli artt. 1256 e 1463 c.c., l’obbligazione si estingue; con la conseguenza che colui che non può piú rendere la prestazione divenuta, intanto, definitivamente impossibile, non può chiedere la relativa controprestazione, nè può agire con l’azione di risoluzione allegando l’inadempimento della controparte. Cass. civ. sez. III 20 dicembre 2004, n. 23618 

La impossibilità sopravvenuta della prestazione, che derivi da causa non imputabile al debitore ai sensi dell’art. 1218 c.c., opera, paralizzandola, più propriamente in relazione ad una domanda di adempimento, determinando, essa, di diritto, nei contratti con prestazioni corrispettive, se definitiva, con la estinzione della relativa obbligazione, la risoluzione del contratto, ai sensi degli artt. 1463 e 1256, comma 1, c.c., con la conseguente applicazione delle norme generali sulla risoluzione ed in particolare di quella sulla retroattività, senza che si possa parlare di inadempimento colpevole, e, se temporanea, soltanto la sospensione del contratto stesso, naturalmente non oltre i limiti dell’interesse del creditore al conseguimento della prestazione, ai sensi dell’art. 1256, comma 2, c.c., senza responsabilità del debitore per il ritardo nell’inadempimento. Cass. civ. sez. II 28 gennaio 1995, n. 1037 

La risoluzione per impossibilità sopravvenuta, analogamente a tutte le ipotesi (risoluzione per inadempimento, annullamento) in cui vengono meno dopo la costituzione del rapporto lo stesso fondamento e causa dell’obbligazione, è pur sempre caratterizzata da un elemento sopravvenuto alla formazione del vincolo obbligatorio, il quale, impedendone l’attuazione ed incidendo sul sinallagma funzionale del rapporto, è riconducibile, negli effetti, alle suindicate ipotesi di sopravvenuta mancanza di causa dell’obbligazione. Consegue che l’offerta del venditore di adempiere la propria prestazione, avente ad oggetto merce colpita da sequestro penale, risultando in aperto contrasto con l’inderogabile provvedimento del giudice penale, implicante l’assoluta incommerciabilità della merce ed escludente la facoltà dell’acquirente di disporne liberamente, non può considerarsi idonea – nel vigore di quel provvedimento, e sino alla sua revoca – per ritenere tuttora operante la causa del rapporto e quindi valida la pretesa del venditore stesso di ottenere l’adempimento della controprestazione, cui il compratore si era obbligato nella presupposta commerciabilità della merce compravenduta. Cass. civ. sez. II 24 aprile 1982, n. 2548

L’art. 1463 c.c., in base al quale l’impossibilità sopravvenuta (totale) della prestazione non imputabile a una delle parti a norma dell’art. 1256 c.c. opera anche con riguardo al contratto di lavoro, in cui può tradursi nel licenziamento collettivo per riduzione del personale o in licenziamento per giustificato motivo, ove l’impossibilità derivi da ragioni attinenti all’attività imprenditoriale. Ne consegue che, qualora, nelle more del giudizio promosso dal lavoratore per la declaratoria di illegittimità del licenziamento in precedenza intimatogli, sopravvenuta siffatta impossibilità (nella specie, per avvenuta cessazione totale dell’attività aziendale), con l’intimazione del licenziamento per giustificato motivo il giudice che accerti l’illegittimità del pregresso licenziamento non può disporre la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, ma deve limitarsi ad accogliere la sola domanda di risarcimento del danno, con riguardo al periodo compreso fra la data del licenziamento e quella della sopravvenuta causa di risoluzione del rapporto, atteso il carattere autonomo della tutela cosiddetta risarcitoria, rispetto a quella ripristinatoria. Cass. civ. sez. lav. 15 novembre 1991, n. 12249

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati