(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Termine e modalità della dichiarazione di nomina

Articolo 1402 - Codice Civile

La dichiarazione di nomina deve essere comunicata all’altra parte nel termine di tre giorni dalla stipulazione del contratto, se le parti non hanno stabilito un termine diverso.
La dichiarazione non ha effetto se non è accompagnata dall’accettazione (1399) della persona nominata o se non esiste una procura (1387) anteriore al contratto (1405).

Articolo 1402 - Codice Civile

La dichiarazione di nomina deve essere comunicata all’altra parte nel termine di tre giorni dalla stipulazione del contratto, se le parti non hanno stabilito un termine diverso.
La dichiarazione non ha effetto se non è accompagnata dall’accettazione (1399) della persona nominata o se non esiste una procura (1387) anteriore al contratto (1405).

Note

Massime

In caso di contratto stipulato per sé o per persona da nominare, la tardività della dichiarazione di nomina non è rilevabile d’ufficio né deducibile da terzi interessati, ma può essere eccepita soltanto dall’altro contraente. Cass. civ., sez. , II 28 novembre 2017, n. 28394

In ipotesi di contratto preliminare di compravendita immobiliare per persona da nominare, ricorre il requisito della forma scritta della dichiarazione di nomina ex art. 1402 c.c. ove la “electio amici” sia avvenuta in sede di assemblea dei soci di una società cooperativa, quale promittente venditrice, con verbalizzazione e sottoscrizione da parte del socio assegnatario, promissario acquirente, nonché del terzo nominato. Cass. civ., sez. , II 28 luglio 2015, n. 15944

Nel contratto per persona da nominare il termine di tre giorni fissato dalla legge per la dichiarazione di nomina può essere validamente modificato dalle parti, a condizione che il nuovo termine sia certus an et quando e non faccia sorgere dubbio alcuno che l’adempimento prescritto dalla legge avvenga in un determinato numero di giorni a decorrere dalla stipulazione del contratto oppure a scadenza fissa o in altro modo sicuramente determinato; in mancanza di tali caratteristiche la clausola è inidonea a sostituire il termine legale e se l’indicazione del contraente non avviene entro questo termine il contratto produce i suoi effetti tra i contraenti originari. Cass. civ. sez. I 26 maggio 2000, n. 6952

In tema di contratto per persona da nominare, il termine per l’electio amici può essere legittimamente stabilito dalle parti in via derogatoria rispetto alla disciplina legale di cui all’art. 1402 c.c. (tre giorni dalla conclusione del contratto), con la conseguenza che, in caso di stipula di un preliminare per persona da nominare, detto termine ben può coincidere con la data fissata per la stipula del contratto definitivo: in tal caso, l’indicazione del nome del terzo deve considerarsi tempestiva qualora, non potendo addivenirsi a detta stipula per l’opposizione del promittente alienante, il promissario acquirente abbia avanzato istanza per l’esecuzione in forma specifica, provvedendo all’electio amici con la domanda giudiziale. Cass. civ. sez. II 12 aprile 1999, n. 3576

L’invalidità o l’intempestività della dichiarazione di nomina del terzo non comporta la nullità del contratto per persona da nominare, ma ne restringe unicamente l’efficacia nei rapporti fra i contraenti originari. Ne consegue che con riguardo ad un contratto preliminare la questione della validità e tempestività di tale dichiarazione può essere sollevata solo nell’ambito dei rapporti che legano il promittente, il promissario ed il terzo nominato, ma non può essere in nessun caso dedotta da un terzo estraneo, il quale non potrebbe derivarne effetti a lui favorevoli, neppure quando vanti a sua volta sulla base di un autonomo rapporto intercorso con il medesimo promittente e concernente il medesimo bene, la qualità di promissario. Cass. civ. sez. II 14 febbraio 1992, n. 1823

In ipotesi di preliminare di compravendita immobiliare, stipulato dal promissario acquirente per sé o per persona da nominare, la circostanza che quest’ultimo provveda a tale nomina dopo la scadenza del termine all’uopo fissato, in esecuzione di un patto di cessione del contratto cui sia rimasto estraneo il promittente venditore, non è di per sé ostativa a che il soggetto nominato assuma i diritti (e gli obblighi) nascenti dal contratto stesso, e, quindi, abbia la possibilità di chiederne l’esecuzione in forma specifica a norma dell’art. 2932 c.c. tenendo conto che l’indicata tardività della nomina, quale ragione di decadenza dalla relativa facoltà, non è rilevabile d’ufficio, né deducibile da terzi interessati, ma può essere soltanto eccepita dall’altro contraente, e che, inoltre, il suddetto patto di cessione deve ritenersi efficace qualora risulti un preventivo assenso alla cessione medesima da parte del promittente, ancorché tale assenso non sia ravvisabile nel mero fatto di aver aderito alla riserva di nomina effettuata dal promissario. Cass. civ. sez. II 5 giugno 1984, n. 3401

Con riguardo al preliminare di compravendita immobiliare, il quale contenga la facoltà del promissario di intestare il bene promesso anche ad altra persona da nominare, la domanda giudiziale proposta da detto promissario e da un terzo, al fine di conseguire congiuntamente l’esecuzione specifica del preliminare medesimo, può integrare una tempestiva e valida nomina di tale terzo, quale contitolare dei diritti nascenti dal contratto stesso, ove dai patti che prevedono la suddetta facoltà risulti una deroga al termine legale per la nomina del terzo (tre giorni dalla stipulazione, ai sensi dell’art. 1402 c.c.), nel senso che essa sia consentita fino al momento del contratto definitivo. Cass. civ. sez. II 18 gennaio 1984, n. 422

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati