(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Modificazione ed estinzione della procura

Articolo 1396 - Codice Civile

Le modificazioni e la revoca della procura (1903, 2266, 2267) devono essere portate a conoscenza dei terzi con mezzi idonei. In mancanza, esse non sono opponibili ai terzi, se non si prova che questi le conoscevano al momento della conclusione del contratto (19, 2207, 2266).
Le altre cause di estinzione del potere di rappresentanza conferito dall’interessato non sono opponibili ai terzi che le hanno senza colpa ignorate (1722, 1727).

Articolo 1396 - Codice Civile

Le modificazioni e la revoca della procura (1903, 2266, 2267) devono essere portate a conoscenza dei terzi con mezzi idonei. In mancanza, esse non sono opponibili ai terzi, se non si prova che questi le conoscevano al momento della conclusione del contratto (19, 2207, 2266).
Le altre cause di estinzione del potere di rappresentanza conferito dall’interessato non sono opponibili ai terzi che le hanno senza colpa ignorate (1722, 1727).

Note

Massime

Il principio fissato dall’art. 1396 c.c., secondo il quale la revoca della procura non è opponibile al terzo se non gli sia stata portata a conoscenza con mezzi idonei, salvo che si provi che lo stesso la conoscesse al momento della conclusione del contratto, non osta a che le parti possano determinare convenzionalmente lo specifico mezzo che l’una deve adottare per comunicare la suddetta revoca (nella specie, raccomandata con avviso di ricevimento), e prevedere l’inefficacia nei confronti dell’altra della revoca medesima per il solo fatto dell’inosservanza di tale formalità. Cass. civ. sez. I 21 dicembre 1984, n. 6662

La revoca della procura non può esplicare effetti rispetto ai terzi destinatari delle determinazioni e degli atti del procuratore sino a che non sia stata data loro comunicazione, con adeguati mezzi di partecipazione, dell’avvenuto ritiro dei poteri rappresentativi. Sino a tale momento, gli atti compiuti dal procuratore nell’esplicazione dell’attività gestoria sono operativi di effetti, sia nei confronti dei terzi che riguardo al rappresentato; ma ciò sempre che della revoca i terzi non abbiano avuto altrimenti conoscenza all’epoca del compimento dell’attività giuridica del procuratore. L’onere della prova dell’effettiva conoscenza, nonché della deficiente diligenza dei destinatari nell’apprendere la dichiarazione resa conoscibile, è a carico del rappresentato. Cass. civ. sez. II 15 febbraio 1978, n. 709

Per il disposto dell’art. 1396 c.c. le cause estintive della procura operano nei confronti dei terzi soltanto quando sia accertato che questi le hanno colposamente ignorate, di guisa che incombe al rappresentato l’onere di provare le circostanze che escludono l’apparenza e quindi l’affidamento dei terzi. Cass. civ. sez. II 2 aprile 1993, n. 3974

A norma dell’art. 1396 primo comma c.c., le modificazioni e la revoca della procura devono essere portate a conoscenza dei terzi con mezzi idonei e, in mancanza, esse non sono opponibili ai terzi se non si prova che questi le conoscevano al momento della conclusione del contratto; ai sensi, invece, del secondo comma dello stesso articolo, le altre cause di estinzione del potere di rappresentanza conferito dall’interessato non sono opponibili a terzi che le hanno senza colpa ignorate, e, fra queste ultime, rientra l’ipotesi della scadenza della procura. Cass. civ. sez. III 7 gennaio 1976, n. 14

L’estinzione del potere di rappresentanza per morte del soggetto che l’ha conferito, non è opponibile ai terzi contraenti che senza loro colpa l’abbiano ignorata, sia da parte del rappresentante che da parte degli eredi del rappresentato. I limiti di tale inopponibilità sono disciplinati esclusivamente dal secondo comma dell’art. 1396 c.c., senza possibilità di alcuna interferenza delle regole riguardanti il sottostante rapporto di mandato intercorso tra rappresentato o rappresentante e la sua eventuale ultrattività (artt. 1722, n. 4, 1728 e 1729 c.c.), regole queste che attengono ai soli rapporti derivanti dal contratto di mandato, anche con riferimento agli eredi del mandante, senza incidere sul potere di rappresentanza, sul conseguente rapporto tra terzi contraenti e rappresentante, pur se questi sia l’erede del rappresentato, e sull’opponibilità a tali terzi dei limiti di quel potere. Cass. civ. sez. II 5 febbraio 1974, n. 305

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati