Art. 1348 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Cose future

Articolo 1348 - codice civile

La prestazione di cose future (820) può essere dedotta in contratto (1472), salvi i particolari divieti della legge (458, 771, 2823).

Articolo 1348 - Codice Civile

La prestazione di cose future (820) può essere dedotta in contratto (1472), salvi i particolari divieti della legge (458, 771, 2823).

Massime

Nel contratto di edizione di opera da crearsi, cui si applicano i principi generali dettati in tema di contratto con prestazione di cosa futura (art. 1348 c.c.), l’editore non può sindacare bontà e valore intrinseci all’opera, una volta che abbia assunto l’obbligo di pubblicarla, in quanto l’obbligazione dell’autore non contiene una tale garanzia, essendo, piuttosto, il relativo rischio connesso strutturalmente alla posizione dell’editore. Pertanto, elemento giuridico essenziale per la completezza di tale fattispecie è la consegna da parte dell’autore dell’opera dell’ingegno prevista, formalmente compiuta, cosicché l’editore possa pubblicarla per trarne il godimento connesso allo sfruttamento. Cass. civ. sez. I 8 novembre 1995, n. 11599

Rientra nel concetto di credito futuro, suscettibile di cessione ai sensi dell’art. 1348 c.c., anche un credito semplicemente sperato, ossia meramente eventuale, senza che l’aleatorietà che in tal caso caratterizza il contratto di cessione ne comporti l’invalidità essendo insita nella nozione di cosa futura, espressamente prevista come possibile oggetto di prestazione dal richiamato art. 1348. Cass. civ. sez. I 11 maggio 1990, n. 4040

A differenza del preliminare di vendita di cosa futura, che ha per contenuto solo la stipulazione di un successivo contratto definitivo, il contratto di vendita di cosa futura, invece, non costituisce un negozio in formazione, suscettibile soltanto di effetti preliminari, ma un contratto di vendita obbligatoria, perfetto ab initio ed attributivo, come tale, di uno ius ad habendam rem nel momento in cui la cosa venga ad esistenza, senza che possa rilevare la stipulazione prevista dalle parti per un’epoca successiva, dell’atto pubblico necessario alla trascrizione del trasferimento immobiliare, rappresentando questa una riproduzione meramente formale del contratto originario, nella quale le dichiarazioni delle parti stesse assumono valore storico-rappresentativo e non manifestazione di una nuova volontà negoziale. Cass. civ. 16 luglio 1983, n. 4901

Istituti giuridici

Novità giuridiche