Art. 1297 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Eccezioni personali

Articolo 1297 - codice civile

Uno dei debitori in solido non può opporre al creditore le eccezioni personali agli altri debitori (1945).
A uno dei creditori in solido il debitore non può opporre le eccezioni personali agli altri creditori (1293).

Articolo 1297 - Codice Civile

Uno dei debitori in solido non può opporre al creditore le eccezioni personali agli altri debitori (1945).
A uno dei creditori in solido il debitore non può opporre le eccezioni personali agli altri creditori (1293).

Massime

La responsabilità del coerede che non abbia pagato l’imposta di successione nel termine stabilito, produttiva della sanzione prevista dall’art. 52 del D.L.vo n. 346 del 1990, applicabile ratione temporis, non può essere esclusa dal fatto che il termine per il pagamento, computabile solo dal momento in cui diviene definitivo l’accertamento tributario, per un altro dei coeredi sia spirato in un momento più lontano tale che, rispetto a questo, il pagamento del primo non risultasse tardivo. Ciò in quanto, una tale eccezione ha carattere personale e, a norma dell’art. 1297 c.c., non può essere opposta dagli altri debitori solidali. Cass. civ. sez. V 11 aprile 2003, n. 5738

Nel caso in cui l’obbligazione solidale sia adempiuta per intero da uno dei condebitori mediante rilascio di un assegno, rimasto insoluto, ed il creditore esperisca azione causale, anche gli altri condebitori possono opporre a quest’ultimo l’eccezione di inammissibilità dell’azione causale prevista dall’art. 58 del R.D. 21 dicembre 1933, n. 1736 (per la mancanza dell’offerta in restituzione dell’assegno, del deposito dello stesso in cancelleria e delle formalità necessarie per conservare al debitore le azioni di regresso), poiché tale eccezione non può essere considerata personale ai sensi dell’art. 1297 codice civile. Cass. civ. sez. I 28 maggio 1996, n. 4944

Istituti giuridici

Novità giuridiche