Art. 1294 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Solidarietà tra condebitori

Articolo 1294 - codice civile

I condebitori sono tenuti in solido (1292), se dalla legge o dal titolo non risulta diversamente.

Articolo 1294 - Codice Civile

I condebitori sono tenuti in solido (1292), se dalla legge o dal titolo non risulta diversamente.

Massime

Nell’ambito di un’obbligazione il principio, previsto dall’art. 1294 c.c., secondo cui i condebitori sono tenuti in solido, ove dalla legge non risulti altrimenti, non è escluso per il fatto che i titoli della responsabilità facenti capo ai coobligati siano diversi, l’uno di natura contrattuale e l’altro di natura extracontrattuale. Cass. civ. sez. I 10 settembre 2007, n. 18939

La presunzione di solidarietà, stabilita in via generale dall’art. 1294 c.c. per le obbligazioni con pluralità di debitori, è applicabile anche nel caso in cui l’obbligazione di eseguire la medesima prestazione sia posta a carico di più soggetti da una sentenza. Cass. civ. sez. II 12 aprile 1976, n. 1288

In riferimento alle obbligazioni assunte dall’amministratore, o comunque, nell’interesse del condominio, nei confronti di terzi – in difetto di un’espressa previsione normativa che stabilisca il principio della solidarietà, trattandosi di un’obbligazione avente ad oggetto una somma di denaro, e perciò divisibile, vincolando l’amministratore i singoli condomini nei limiti delle sue attribuzioni e del mandato conferitogli in ragione delle quote, in conformità con il difetto di struttura unitaria del condominio – la responsabilità dei condomini è retta dal criterio della parziarietà, per cui le obbligazioni assunte nell’interesse del condominio si imputano ai singoli suoi componenti soltanto in proporzione delle rispettive quote, secondo criteri simili a quelli dettati dagli artt. 752 e 1295 c.c. per le obbligazioni ereditarie. Cass. civ., sez. , VI 9 giugno 2017, n. 14530

I comproprietari di un’unità immobiliare sita in condominio sono tenuti in solido, nei confronti del condominio medesimo, al pagamento degli oneri condominiali, sia perché detto obbligo di contribuzione grava sui contitolari del piano o della porzione di piano inteso come cosa unica e i comunisti stessi rappresentano, nei confronti del condominio, un insieme, sia in virtù del principio generale dettato dall’art. 1294 c.c. (secondo il quale, nel caso di pluralità di debitori, la solidarietà si presume), alla cui applicabilità non è di ostacolo la circostanza che le quote dell’unità immobiliare siano pervenute ai comproprietari in forza di titoli diversi. Trattandosi di un principio informatore della materia, al rispetto di esso è tenuto il giudice di pace anche quando decida secondo equità ai sensi dell’art. 113, secondo comma, c.p.c.. Cass. civ., sez. , II 21 ottobre 2011, n. 21907

Il patto di divisione della spesa per l’esecuzione di lavori in appalto concluso tra piú condomini, attendendo al rapporto interno tra gli stessi, non è opponibile all’appaltatore, ancorchè condomino, atteso che l’obbligazione di pagamento del corrispettivo di lavori conferiti in appalto da piú committenti ha natura di obbligazione solidale, ai sensi dell’art. 1294 c.c. Cass. civ. sez. II 31 agosto 2005, n. 17563

In riferimento ai debiti contratti dal condominio per il godimento di beni e servizi comuni, concernenti prestazioni normalmente non divisibili, rispetto alle quali ciascun condomino ha interesse per l’intero, si applica il principio di cui all’art. 1294 c.c., dal quale discende una presunzione di solidarietà a carico di tutti i condomini. Cass. civ. sez. II, 30 luglio 2004, n. 14593

Il condomino può esser escusso per l’intero addebito del condominio da un terzo, nei cui confronti è un condebitore solidale, indipendentemente dall’adempimento del suo obbligo nei confronti del condominio, ed ha diritto di regresso nei confronti degli altri condomini limitatamente alla quota millesimale dovuta da ciascuno di essi, mentre la morosità di taluno di questi verso il condominio può dar luogo alla domanda di risarcimento per i maggiori, conseguenti esborsi. Cass. civ. sez. II 23 febbraio 1999, n. 1510

Le obbligazioni contratte verso i terzi dall’amministratore del condominio (o da chi altri sia stato delegato dai condomini a contrarle) per conto del condominio e nei limiti delle sue attribuzioni o eseguendo deliberazioni dell’assemblea, sono direttamente riferibili ai singoli condomini che, in base all’art. 1284 c.c., sono, quindi, solidalmente responsabili, nei confronti del terzo, dell’adempimento delle predette obbligazioni, salvo il diritto di chi ha pagato di esercitare verso i condomini condebitori il diritto di regresso e di dividere il debito nei rapporti interni; pertanto, il terzo creditore del condominio può agire per la tutela del suo diritto sia contro l’amministratore o di chi altri abbia contratto l’obbligazione per delega o in rappresentanza dei condomini, sia nei confronti dei singoli condomini, direttamente obbligati nei suoi confronti. Cass. civ. sez. II 17 aprile 1993, n. 4558

Il terzo datore di ipoteca e il terzo acquirente dell’immobile ipotecato non sono obbligati in solido col debitore principale e col suo fideiussore, giacché essi non sono soggetti passivi del rapporto obbligatorio, ma soltanto assoggettati, nel caso d’inadempimento del debitore e dei suoi garanti, all’azione esecutiva del creditore sull’immobile ipotecato. Tuttavia, il terzo acquirente dell’immobile ipotecato ed il terzo datore di ipoteca, che abbiano pagato il debito, per la cui garanzia era stata costituita l’ipoteca, sono surrogati “ex lege” nei diritti del creditore verso il debitore ed i suoi fideiussori a norma degli artt. 1203 n. 3 e 1204 c.c., poiché la surrogazione legale va ammessa anche per coloro che sono tenuti al pagamento “propter rem” in virtù del vincolo, che assoggetta un loro bene all’esecuzione forzata per un debito altrui, e che, essendo posti nell’alternativa di pagare tale debito o di subire l’espropriazione, hanno interesse a soddisfarlo. Cass. civ., sez. , III- 24 settembre 2019, n. 23648

Istituti giuridici

Novità giuridiche