Art. 1286 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Facoltà di scelta

Articolo 1286 - codice civile

La scelta spetta al debitore (1184, 1287), se non è stata attribuita al creditore o ad un terzo (665).
La scelta diviene irrevocabile con l’esecuzione di una delle due prestazioni, ovvero con la dichiarazione di scelta, comunicata all’altra parte, o ad entrambe se la scelta è fatta da un terzo (1453, 1492).
Se la scelta deve essere fatta da più persone, il giudice può fissare loro un termine. Se la scelta non è fatta nel termine stabilito, essa è fatta dal giudice (1349; 81 att.; 749 c.p.c.).

Articolo 1286 - Codice Civile

La scelta spetta al debitore (1184, 1287), se non è stata attribuita al creditore o ad un terzo (665).
La scelta diviene irrevocabile con l’esecuzione di una delle due prestazioni, ovvero con la dichiarazione di scelta, comunicata all’altra parte, o ad entrambe se la scelta è fatta da un terzo (1453, 1492).
Se la scelta deve essere fatta da più persone, il giudice può fissare loro un termine. Se la scelta non è fatta nel termine stabilito, essa è fatta dal giudice (1349; 81 att.; 749 c.p.c.).

Massime

In materia di obbligazioni, ove l’adempimento sia possibile nel concorso di due o più prestazioni poste in posizione di reciproca parità e dedotte in modo disgiuntivo, nessuna delle quali può essere adempiuta prima dell’indispensabile scelta tra una di esse, se la scelta è rimessa alla volontà di un terzo, l’obbligazione diviene eseguibile soltanto con la relativa dichiarazione comunicata alle parti; ne consegue che prima di tale momento, non potendo il debitore adempiere in alcun modo, l’inadempimento non sussiste, non essendo propriamente configurabile in difetto della verificazione del suddetto presupposto. Cass. civ., sez. , III, 1 ottobre 2009, n. 21061

Nelle obbligazioni con prestazioni alternative o con facoltà alternativa (caratterizzate, le prime, dalla deduzione nel vincolo obbligatorio di più prestazioni poste sul piano di parità, e le seconde da più prestazioni poste in subordinazione tra loro, in modo che il debitore può liberarsi eseguendo la prestazione secondaria solo se rispetto ad essa sia stata esercitata, dal soggetto a cui è rimessa, la facoltà di scelta), aventi ad oggetto prestazioni continuate o periodiche, la volontà negoziale può legittimamente riconoscere, al soggetto cui sia rimessa la facoltà di scelta, il potere di operare in futuro l’opzione inizialmente operata. Cass. civ. sez. II 2 gennaio 1997, n. 3

Con riguardo alle obbligazioni alternative, nelle quali due o più prestazioni vengono poste su una posizione di reciproca parità, restando rimessa alla volontà del debitore o del creditore la scelta di una di esse, questa diventa irrevocabile a norma dell’art. 1286 c.c. con l’esecuzione di una delle prestazioni ovvero con la dichiarazione di scelta comunicata all’altra parte, salvo che, ove la scelta spetti al debitore, la possibilità della prestazione scelta sia legata o condizionata ad un’attività o collaborazione del creditore e, per essere venuta meno questa, la prestazione non possa essere eseguita, essendo in tal caso il debitore liberato dall’obbligazione qualora non preferisca eseguire (od offrire di eseguire) l’altra prestazione. Cass. civ. sez. II 28 marzo 1988, n. 2616

Istituti giuridici

Novità giuridiche