Art. 1259 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Subingresso del creditore nei diritti del debitore

Articolo 1259 - codice civile

Se la prestazione che ha per oggetto una cosa determinata è divenuta impossibile, in tutto o in parte, il creditore subentra nei diritti spettanti al debitore in dipendenza del fatto che ha causato l’impossibilità, e può esigere dal debitore la prestazione di quanto questi abbia conseguito a titolo di risarcimento (1203, 1780, 2742).

Articolo 1259 - Codice Civile

Se la prestazione che ha per oggetto una cosa determinata è divenuta impossibile, in tutto o in parte, il creditore subentra nei diritti spettanti al debitore in dipendenza del fatto che ha causato l’impossibilità, e può esigere dal debitore la prestazione di quanto questi abbia conseguito a titolo di risarcimento (1203, 1780, 2742).

Massime

La disciplina dettata dall’art. 1259 c.c., a proposito del subingresso del creditore nei diritti del debitore nei confronti del terzo che abbia reso impossibile la prestazione avente ad oggetto una cosa determinata, non vale a dimostrare che l’ordinamento positivo neghi la tutela aquiliana al creditore pregiudicato dal fatto illecito del terzo. Cass. civ. Sezioni Unite 24 giugno 1972, n. 2135

Istituti giuridici

Novità giuridiche