Art. 1033 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Obbligo di dare passaggio alle acque

Articolo 1033 - Codice Civile

Il proprietario è tenuto a dare passaggio per i suoi fondi alle acque di ogni specie che si vogliono condurre da parte di chi ha, anche solo temporaneamente, il diritto di utilizzarle per i bisogni della vita o per usi agrari o industriali.
Sono esenti da questa servitù le case, i cortili, i giardini e le aie ad esse attinenti (1046, 1051).

Articolo 1033 - Codice Civile

Il proprietario è tenuto a dare passaggio per i suoi fondi alle acque di ogni specie che si vogliono condurre da parte di chi ha, anche solo temporaneamente, il diritto di utilizzarle per i bisogni della vita o per usi agrari o industriali.
Sono esenti da questa servitù le case, i cortili, i giardini e le aie ad esse attinenti (1046, 1051).

Note

Massime

In tema di servitù prediali, la titolarità del diritto di servitù di acquedotto o di scarico sul fondo altrui comporta la proprietà delle opere realizzate per l’esercizio del diritto stesso, soprattutto qualora non risulti diversamente dal titolo e dalla servitù non tragga alcun vantaggio il proprietario del fondo servente. Cass. civ. sez. V, 15 giugno 2010, n. 14384

Il titolare del diritto di servitù coattiva di acquedotto, ai sensi dell’art. 1033 c.c. ha diritto di mantenere le opere necessarie al relativo esercizio fin quando sussiste, per il proprio fondo, il requisito della utilitas la quale, nel caso in cui la servitù sia posta a favore di una costruzione, viene meno se si sia accertato che essa è stata eseguita in violazione di un divieto assoluto di edificare. Cass. civ. sez. II, 17 luglio 2006, n. 16234

La titolarità della servitù attiva di acquedotto postula la proprietà degli impianti e della rete di distribuzione dell’acqua, sicché tale ius in re aliena non è configurabile sulla base dell’utenza del servizio di fornitura idrica. Cass. civ. sez. II, 30 maggio 2003, n. 8815

L’art. 1033 comma secondo c.c. che esonera le case, i giardini e le aie ad esse attinenti dalla servitù di acquedotto, si riferisce solo alle servitù coattive e non può essere invocato, quindi, per negare una servitù volontaria o, addirittura, la tutela, in sede possessoria, dell’esercizio di fatto del potere corrispondente. Cass. civ. sez. II, 15 marzo 1995 n. 3055

La nozione di «acque d’ogni specie», posta dall’art. 1033 c.c. in tema di servitù di passaggio coattivo, prescinde dal grado di impurità delle acque stesse e dalla presenza di sostanze recate allo stato di sospensione, includendovi anche quelle luride per la presenza di rifiuti, purché questi ultimi non siano di tale entità da far escludere che si tratti di scarico di acqua. Cass. civ. sez. II, 4 giugno 1981, n. 3625

Il passaggio coattivo di acqua, previsto dall’art. 1033 c.c. ben può essere richiesto in perpetuo – e cioè per un tempo indeterminato – qualora, sulla scorta di una concessione soggetta a rinnovazione tacita ad ogni successiva scadenza, sia incerta, ma presumibilmente non breve, la futura durata della disponibilità dell’acqua; fermo, in tal caso, il principio che, venuta meno siffatta disponibilità, anche il peso per il fondo coattivamente assoggettato debba venire a cessare. Ed è compito del giudice del merito – il cui accertamento è incensurabile in sede di legittimità se sorretto da congrua motivazione – valutare, in relazione alle peculiari, concrete circostanze, se ricorre il suddetto requisito. Cass. civ. sez. II, 4 giugno 1981, n. 3625

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche