Art. 41 quater – Codice Antimafia

(D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 - Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 - aggiornato al D.L. 06.11.2021, n. 152)

Supporto delle aziende sequestrate o confiscate

Articolo 41 quater - codice antimafia

1. Nella gestione dell’azienda l’amministratore giudiziario, sentito il competente tavolo provinciale permanente di cui all’articolo 41-ter, previa autorizzazione del giudice delegato, e l’Agenzia possono avvalersi del supporto tecnico, a titolo gratuito, di imprenditori attivi nel medesimo settore o in settori affini a quelli in cui opera l’azienda sequestrata o non definitivamente confiscata, in possesso dei requisiti previsti dal regolamento di attuazione dell’articolo 5-ter del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, prescindendo dai limiti di fatturato, individuati nel rispetto dei criteri di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, attraverso procedure ad evidenza pubblica indette dall’amministratore giudiziario, tenendo conto dei progetti di affiancamento dagli stessi presentati e dell’idoneità a fornire il necessario sostegno all’azienda.
2. L’effettivo e utile svolgimento dell’attività di supporto tecnico di cui al comma 1, risultante dalla relazione dell’amministratore giudiziario, per un periodo non inferiore a dodici mesi determina l’attribuzione agli imprenditori del diritto di prelazione da esercitare, a parità di condizioni, al momento della vendita o dell’affitto dell’azienda, nonché l’applicazione ai medesimi, in quanto compatibili, dei benefìci di cui all’articolo 41-bis.
3. Nella gestione dell’azienda l’amministratore giudiziario, previa autorizzazione scritta del giudice delegato, e l’Agenzia possono altresì avvalersi del supporto tecnico delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per favorire il collegamento dell’azienda sequestrata o confiscata in raggruppamenti e in reti d’impresa. (1)

Articolo 41 quater - Codice Antimafia

1. Nella gestione dell’azienda l’amministratore giudiziario, sentito il competente tavolo provinciale permanente di cui all’articolo 41-ter, previa autorizzazione del giudice delegato, e l’Agenzia possono avvalersi del supporto tecnico, a titolo gratuito, di imprenditori attivi nel medesimo settore o in settori affini a quelli in cui opera l’azienda sequestrata o non definitivamente confiscata, in possesso dei requisiti previsti dal regolamento di attuazione dell’articolo 5-ter del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, prescindendo dai limiti di fatturato, individuati nel rispetto dei criteri di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, attraverso procedure ad evidenza pubblica indette dall’amministratore giudiziario, tenendo conto dei progetti di affiancamento dagli stessi presentati e dell’idoneità a fornire il necessario sostegno all’azienda.
2. L’effettivo e utile svolgimento dell’attività di supporto tecnico di cui al comma 1, risultante dalla relazione dell’amministratore giudiziario, per un periodo non inferiore a dodici mesi determina l’attribuzione agli imprenditori del diritto di prelazione da esercitare, a parità di condizioni, al momento della vendita o dell’affitto dell’azienda, nonché l’applicazione ai medesimi, in quanto compatibili, dei benefìci di cui all’articolo 41-bis.
3. Nella gestione dell’azienda l’amministratore giudiziario, previa autorizzazione scritta del giudice delegato, e l’Agenzia possono altresì avvalersi del supporto tecnico delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per favorire il collegamento dell’azienda sequestrata o confiscata in raggruppamenti e in reti d’impresa. (1)

Note

(1) Il presente articolo è stato inserito dall’art. 16, L. 17.10.2017, n. 161 con decorrenza dal 19.11.2017 ed applicazione indicata all’art. 36 della suddetta legge.

Istituti giuridici

Novità giuridiche