Tecniche ADR e mediazione in Italia

Mediazione

I meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie a supporto del sistema giurisdizionale e a vantaggio delle parti

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha paralizzato il sistema della giustizia ed in questa fase il ricorso agli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie si è rivelato un prezioso aiuto sia per il sistema giurisdizionale stesso, che per chi si è ritrovato parte in controversie insorte a causa della crisi economica scaturita dal lockdown imposto.

Di fatto, è aumentato il numero di richieste di mediazione, una delle più conosciute tecniche di ADR. L’acronimo deriva dall’inglese Alternative Dispute Resolution, ed indica una serie di tecniche e procedimenti (come l’arbitrato, la negoziazione, ecc.) di risoluzione di controversie di tipo legale, alternative rispetto al giudizio instaurato in un Tribunale e che con ritardo rispetto ai Paesi di common law nel quale sono nate, si stanno affermando nell’ordinamento italiano.

La mediazione è un procedimento in cui il mediatore, figura terza e imparziale, assiste ed aiuta le parti nella ricerca di una soluzione al loro conflitto, grazie alla competenza in materia e all’uso di determinate tecniche.

La mediazione può essere facoltativa o delegata dal giudice in corso di causa; consensuale inserita come clausola in un contratto; obbligatoria quando è prevista come condizione di procedibilità della domanda giudiziale per alcune determinate materie: diritti reali, condominio, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di azienda, risarcimento del danno da responsabilità medica e sanitaria, risarcimento del danno da diffamazione con mezzo stampa, contratti assicurativi, contratti bancari e contratti finanziari.

Quali sono i vantaggi del procedimento di mediazione rispetto all’instaurazione di un giudizio in Tribunale?

La mediazione è un procedimento:

  • rapido in quanto la durata massima è di 3 mesi, prorogabili su volontà delle parti;
  • economico in quanto i costi sono di gran lunga inferiori a quelli necessari per un giudizio ordinario o per un arbitrato;
  • riservato, in quanto le parti, il mediatore e tutti coloro che intervengono nel procedimento sono vincolati al segreto;
  • informale perché non è un processo ma un semplice incontro tra le parti, in cui non ci sono i formalismi e le regole proprie di un giudizio ordinario, che spesso aumenta la conflittualità tra le parti;
  • fiscalmente vantaggioso dato che il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro fino all’importo di € 50.000. Tutti gli atti del procedimento sono esenti da bolli ed imposte, esclusi i costi previsti dall’organismo.

Inoltre, alle parti è riconosciuto un credito d’imposta commisurato all’indennità stessa, fino a concorrenza di € 500 in caso di successo della mediazione, ridotto alla metà in caso di insuccesso.

L’assistenza di un avvocato è necessaria nelle mediazioni obbligatorie, mentre è facoltativa negli altri casi. Chiaramente la presenza di un professionista garantisce maggior tutela.

mediazione

I meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie a supporto del sistema giurisdizionale e a vantaggio delle parti

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha paralizzato il sistema della giustizia ed in questa fase il ricorso agli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie si è rivelato un prezioso aiuto sia per il sistema giurisdizionale stesso, che per chi si è ritrovato parte in controversie insorte a causa della crisi economica scaturita dal lockdown imposto.

Di fatto, è aumentato il numero di richieste di mediazione, una delle più conosciute tecniche di ADR. L’acronimo deriva dall’inglese Alternative Dispute Resolution, ed indica una serie di tecniche e procedimenti (come l’arbitrato, la negoziazione, ecc.) di risoluzione di controversie di tipo legale, alternative rispetto al giudizio instaurato in un Tribunale e che con ritardo rispetto ai Paesi di common law nel quale sono nate, si stanno affermando nell’ordinamento italiano.

La mediazione è un procedimento in cui il mediatore, figura terza e imparziale, assiste ed aiuta le parti nella ricerca di una soluzione al loro conflitto, grazie alla competenza in materia e all’uso di determinate tecniche.

La mediazione può essere facoltativa o delegata dal giudice in corso di causa; consensuale inserita come clausola in un contratto; obbligatoria quando è prevista come condizione di procedibilità della domanda giudiziale per alcune determinate materie: diritti reali, condominio, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di azienda, risarcimento del danno da responsabilità medica e sanitaria, risarcimento del danno da diffamazione con mezzo stampa, contratti assicurativi, contratti bancari e contratti finanziari.

Quali sono i vantaggi del procedimento di mediazione rispetto all’instaurazione di un giudizio in Tribunale?

La mediazione è un procedimento:

  • rapido in quanto la durata massima è di 3 mesi, prorogabili su volontà delle parti;
  • economico in quanto i costi sono di gran lunga inferiori a quelli necessari per un giudizio ordinario o per un arbitrato;
  • riservato, in quanto le parti, il mediatore e tutti coloro che intervengono nel procedimento sono vincolati al segreto;
  • informale perché non è un processo ma un semplice incontro tra le parti, in cui non ci sono i formalismi e le regole proprie di un giudizio ordinario, che spesso aumenta la conflittualità tra le parti;
  • fiscalmente vantaggioso dato che il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro fino all’importo di € 50.000. Tutti gli atti del procedimento sono esenti da bolli ed imposte, esclusi i costi previsti dall’organismo.

Inoltre, alle parti è riconosciuto un credito d’imposta commisurato all’indennità stessa, fino a concorrenza di € 500 in caso di successo della mediazione, ridotto alla metà in caso di insuccesso.

L’assistenza di un avvocato è necessaria nelle mediazioni obbligatorie, mentre è facoltativa negli altri casi. Chiaramente la presenza di un professionista garantisce maggior tutela.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747