Nuovo DPCM anti-covid in vigore per i prossimi 30 giorni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
nuovo decreto ottobre

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato la scorsa notte il nuovo DPCM in vigore per i prossimi trenta giorni avente ad oggetto una serie di limitazioni e divieti finalizzati a contrastare la diffusione del contagio alla luce della seconda ondata di Covid-19 nel nostro Paese.

Le nuove disposizioni sono le seguenti e riguardano:

L’uso della mascherina: è sempre previsto l’obbligo dell’utilizzo della mascherina sia nei luoghi chiusi che nei luoghi all’aperto. È escluso dall’obbligo di indossare la mascherina chi pratica sport (purché sia rispettata la distanza di almeno un metro), i bambini di età inferiore a 6 anni e coloro che, per particolari patologie, non possono indossare il dispositivo di protezione;

Ristoranti e bar: è disposta la chiusura alle ore 24; inoltre dalle ore 21 non è consentito consumare in piedi: potranno essere serviti solo coloro che sono seduti ai rispettivi tavoli;

Feste: vietate sia al chiuso che all’aperto. Sono consentiti i matrimoni civili e religiosi le cui feste non devono superare i 30 invitati. Per quanto riguarda le feste nelle abitazioni private non è posto alcun divieto; è, però, consigliato di evitare di ricevere a casa più di 6 persone non conviventi ed è fortemente raccomandato l’uso della mascherina;

Sport e spettacoli: sono vietate tutte le attività di contatto relative a sport amatoriali (per esempio il calcetto). Per quanto riguarda le competizioni sportive è consentita la partecipazione del pubblico con una percentuale massima del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso. È inoltre conferita piena autonomia alle regioni e province di stabilire diverse disposizioni in merito e di ridurre il numero di spettatori in base alle caratteristiche del posto. Tra una postazione e l’altra deve essere rispettata la distanza di un metro;

Quarantena: è previsto l’obbligo di quarantena pari a 14 giorni quando l’infezione è appurata dalle autorità sanitarie competenti; è invece previsto un isolamento fiduciario pari a 10 giorni per chi è stato in contatto con un positivo o per chi è positivo quando il test antigenico o molecolare risulta negativo al decimo giorno.

nuovo decreto ottobre

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato la scorsa notte il nuovo DPCM in vigore per i prossimi trenta giorni avente ad oggetto una serie di limitazioni e divieti finalizzati a contrastare la diffusione del contagio alla luce della seconda ondata di Covid-19 nel nostro Paese.

Le nuove disposizioni sono le seguenti e riguardano:

L’uso della mascherina: è sempre previsto l’obbligo dell’utilizzo della mascherina sia nei luoghi chiusi che nei luoghi all’aperto. È escluso dall’obbligo di indossare la mascherina chi pratica sport (purché sia rispettata la distanza di almeno un metro), i bambini di età inferiore a 6 anni e coloro che, per particolari patologie, non possono indossare il dispositivo di protezione;

Ristoranti e bar: è disposta la chiusura alle ore 24; inoltre dalle ore 21 non è consentito consumare in piedi: potranno essere serviti solo coloro che sono seduti ai rispettivi tavoli;

Feste: vietate sia al chiuso che all’aperto. Sono consentiti i matrimoni civili e religiosi le cui feste non devono superare i 30 invitati. Per quanto riguarda le feste nelle abitazioni private non è posto alcun divieto; è, però, consigliato di evitare di ricevere a casa più di 6 persone non conviventi ed è fortemente raccomandato l’uso della mascherina;

Sport e spettacoli: sono vietate tutte le attività di contatto relative a sport amatoriali (per esempio il calcetto). Per quanto riguarda le competizioni sportive è consentita la partecipazione del pubblico con una percentuale massima del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso. È inoltre conferita piena autonomia alle regioni e province di stabilire diverse disposizioni in merito e di ridurre il numero di spettatori in base alle caratteristiche del posto. Tra una postazione e l’altra deve essere rispettata la distanza di un metro;

Quarantena: è previsto l’obbligo di quarantena pari a 14 giorni quando l’infezione è appurata dalle autorità sanitarie competenti; è invece previsto un isolamento fiduciario pari a 10 giorni per chi è stato in contatto con un positivo o per chi è positivo quando il test antigenico o molecolare risulta negativo al decimo giorno.