La nuova IMU incorpora la TASI ma diventa più cara

La legge di Bilancio 2020 in vigore dal 1° gennaio 2020 aveva abolito la Tasi. Il tributo per i servizi indivisibili (Tasi) era stato rimpiazzato dalla nuova IMU al fine di semplificare la gestione delle entrate locali considerato il fatto che entrambi i tributi colpivano la stessa base imponibile.

Nuova imu

Il presupposto dell’Imu, imposta municipale propria, è il possesso di immobili. Sono esenti dal tributo gli immobili adibiti a prima casa a meno che non si tratti immobili di lusso (rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9).

Per evitare che le entrate locali risultassero insufficienti in seguito alla soppressione della TASI, la normativa ha rimesso all’autonomia dei Comuni la determinazione della nuova Imu: i Comuni, sostanzialmente, sono autorizzati a fissare le aliquote in modo da assicurarsi un livello di entrate tale da garantire le coperture finanziarie.

Ed è proprio quello che è successo! Uno studio condotto da Bluenext, una società produttrice di software gestionali, sulla base del rapporto delle delibere tributarie del 2019 e quelle del 2020, mostra come più della metà dei comuni italiani ha effettuato una revisione dell’Imu.
In particolare, ben 4029 Comuni hanno modificato l’aliquota relativa all’abitazione principale e i restanti 3775 comuni hanno fissato un’aliquota ordinaria maggiore delle precedenti.

I soggetti passivi possono versare l’importo relativo all’IMU in due rate: la prima scaduta lo scorso 16 giugno e la seconda che scade il prossimo il 16 dicembre.
La scadenza era fissata al 16 giugno, invece, per i contribuente che hanno deciso di versare il tributo in un’unica soluzione.
Qualora ci dovessero essere ulteriori variazioni inerenti alle aliquote, gli eventuali conguagli derivanti saranno pagati entro il 28 febbraio 2021.

A questo punto sorge spontanea una domanda: la riforma mirava a semplificare realmente il carico fiscale dei soggetti proprietari di immobili o ha semplicemente beffato e illuso il contribuente?
È palese, infatti, sulla base di quanto riportato, che il tributo ha semplicemente cambiato nome ma, di fatto, il carico fiscale dei contribuenti non è per nulla cambiato, anzi!

nuova imu

Il presupposto dell’Imu, imposta municipale propria, è il possesso di immobili. Sono esenti dal tributo gli immobili adibiti a prima casa a meno che non si tratti immobili di lusso (rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9).

Per evitare che le entrate locali risultassero insufficienti in seguito alla soppressione della TASI, la normativa ha rimesso all’autonomia dei Comuni la determinazione della nuova Imu: i Comuni, sostanzialmente, sono autorizzati a fissare le aliquote in modo da assicurarsi un livello di entrate tale da garantire le coperture finanziarie.

Ed è proprio quello che è successo! Uno studio condotto da Bluenext, una società produttrice di software gestionali, sulla base del rapporto delle delibere tributarie del 2019 e quelle del 2020, mostra come più della metà dei comuni italiani ha effettuato una revisione dell’Imu.
In particolare, ben 4029 Comuni hanno modificato l’aliquota relativa all’abitazione principale e i restanti 3775 comuni hanno fissato un’aliquota ordinaria maggiore delle precedenti.

I soggetti passivi possono versare l’importo relativo all’IMU in due rate: la prima scaduta lo scorso 16 giugno e la seconda che scade il prossimo il 16 dicembre.
La scadenza era fissata al 16 giugno, invece, per i contribuente che hanno deciso di versare il tributo in un’unica soluzione.
Qualora ci dovessero essere ulteriori variazioni inerenti alle aliquote, gli eventuali conguagli derivanti saranno pagati entro il 28 febbraio 2021.

A questo punto sorge spontanea una domanda: la riforma mirava a semplificare realmente il carico fiscale dei soggetti proprietari di immobili o ha semplicemente beffato e illuso il contribuente?
È palese, infatti, sulla base di quanto riportato, che il tributo ha semplicemente cambiato nome ma, di fatto, il carico fiscale dei contribuenti non è per nulla cambiato, anzi!

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747