La successione nel tempo di leggi disciplinanti illeciti amministrativi

Articolo dell’Avv. Saudino Loredana Gilda

Cedu

1. La nozione di illecito amministrativo

Nel nostro ordinamento la nozione di illecito amministrativo (come quelle di illecito penale e di illecito civile) poggia su basi meramente formalistiche, di guisa che è tale il comportamento umano vietato dal sistema normativo e punito con una sanzione amministrativa.
La distinzione in ordine alla natura dell’illecito è, perciò, esclusivamente nominalistica e legata al tipo di sanzione irrogata in conseguenza della trasgressione: sono illeciti penali gli illeciti puniti con una sanzione penale, civili gli illeciti cui consegue una sanzione – latu sensu – civile e amministrativi gli illeciti assoggettati a sanzione amministrativa.
Le sanzioni amministrative possono essere pecuniarie, interdittive o ablatorie e sono comminate da un’Autorità amministrativa all’esito di un procedimento amministrativo culminante in un provvedimento detto ordinanza-ingiunzione(1).
Si definiscono pecuniarie le sanzioni che si sostanziano nel pagamento di una somma di denaro. Gli illeciti sanzionati con sole sanzioni pecuniarie sono disciplinati, anzitutto, dalla legge 689/1981 che rappresenta la disciplina generale dell’illecito amministrativo. Manca, invece, una previsione generale per gli illeciti amministrativi repressi con sanzioni interdittive o oblatorie, limitandosi il legislatore a prevedere disposizioni settoriali. Sono, invece, interdittive le sanzioni che interdicono, sospendono, rimuovono o destituiscono il sanzionato dallo svolgimento di un’attività, di un’arte, di un’industria, di una professione o di un mestiere. Sono ablatorie, infine, le sanzioni con le quali l’amministrazione sacrifica l’interesse di un privato, obbligandolo a un fare (ordini), a non un fare (divieti) o a un dare (atti di imposizione tributaria) o privandolo di un bene (espropriazione, requisizione, sequestro amministrativo e imposizione di servitù pubbliche) (2).
Le sanzioni amministrative in parola sono definite sanzioni amministrative proprie, poste a tutela di un interesse generale e non anche di un interesse pubblico, specifico, concreto ed attuale. Da esse vanno tenute distinte le sanzioni amministrative improprie «[…] intendendosi per tali l’insieme di strumenti di reazione alla violazione del precetto, non qualificati né disciplinati dal legislatore come sanzioni, e pur tuttavia aventi funzione afflittiva-punitiva, concorrente con altre funzioni» (3) e finalizzate alla tutela di un interesse pubblico, specifico, concreto ed attuale. Nella legge tributaria italiana, oltre che sanzioni vere e proprie, ad esempio, il legislatore prevede «[…]situazioni di svantaggio per il contribuente che abbia violato determinati obblighi, che possono essere di due tipi: 1) di carattere procedimentale, nel senso che al trasgressore vengono preclusi mezzi di tutela che altrimenti avrebbe o nel senso che vengono potenziati i normali poteri di accertamento dell’amministrazione; 2) di carattere sostanziale, nel senso che viene maggiorata l’imposta, negando l’applicazione di deduzioni, di detrazioni, elevando l’imponibile od assumendo come fatti tassabili elementi che diversamente non lo sarebbero» (4).
La ratio del sistema dell’illecito amministrativo va ravvisata nell’esigenza di deflazionare il contenzioso penale affidando ad una P.A. il potere punitivo altrimenti detenuto dal giudice penale, ferma restando la garanzia per il cittadino di poter ottenere, attraverso l’opposizione all’ordinanza-ingiunzione, “la restituzione” del potere afflittivo alla sua sede naturale, ovverosia all’Autorità giudiziaria, in funzione, però, di giudice civile.
È evidente, dunque, come anche l’illecito amministrativo risponda ad una esigenza di prevenzione di condotte considerate illecite per il legislatore, in relazione alle quali però, per la minor offensività al bene leso, si sceglie di escludere la sanzione penale. È evidente, altresì, che anche la sanzione amministrativa può avere – e di fatto spesso ha- una carica punitiva. Anche in relazione all’illecito amministrativo è stata, dunque, avvertita la necessità di preservare principi e regole di tutela dell’individuo che sono propri del diritto penale (5).

2. La successione nel tempo

D’altra parte, anche l’illecito amministrativo, come l’illecito penale, può essere investito da mutamenti legislativi nel tempo che danno luogo ad una successione di leggi e che pongono il problema di determinare i principi cui ricondurre il fenomeno, ai fini della determinazione della legge applicabile.
È possibile, anzitutto, che il legislatore intervenga introducendo un nuovo illecito amministrativo in relazione ad un fatto prima non sanzionato dall’ordinamento giuridico. In secondo luogo, può accadere che il legislatore abroghi una disciplina legislativa che prima contemplava un illecito amministrativo, come pure è possibile che il legislatore si limiti a modificare la disciplina dettata per l’illecito amministrativo. Ancora, la legge può trasformare un illecito penale in illecito amministrativo (c.d. depenalizzazione) ovvero mutare un illecito amministrativo in reato (c.d. penalizzazione).
In tutti questi casi occorre comprendere se, alla successione modificativa della legge, vadano o meno applicati i principi di irretroattività sfavorevole e di retroattività favorevole previsti in materia penale, fermo restando che in linea generale e per tutte le leggi l’articolo 11 delle Disposizioni preliminari al codice civile sancisce il divieto di applicazione retroattiva della legge di nuova introduzione.

Segue: Il principio di irretroattività sfavorevole

Al riguardo, non è revocabile in dubbio che anche agli illeciti sottoposti a sanzione amministrativa vada applicato il principio di irretroattività sfavorevole. Sia che la nuova legge preveda un illecito amministrativo prima non conosciuto dall’ordinamento giudicio, sia che inasprisca successivamente la sanzione amministrativa già contemplata, la modifica di sfavore non può essere applicata a fatti posti in essere prima.
Tutte le leggi, sia di carattere generale, sia di natura settoriale, sull’illecito amministrativo codificano, infatti, anche in materia di illeciti amministrativi, il principio di irretroattività sfavorevole. La legge 689/1981 che, come si è detto, è considerata la disciplina generale sull’illecito amministrativo, ad esempio, espressamente vieta all’articolo 1 di applicare retroattivamente la sanzione amministrativa di nuova introduzione.
Ci si chiede, però, se il principio di irretroattività sfavorevole degli illeciti e delle sanzioni amministrative abbia fondamento nelle sole fonti primarie che espressamente lo affermano ovvero possa dirsi fondato in Costruzione. Il quesito si svela rilevante in ordine al potere di deroga del legislatore primario. Se, infatti, il principio è affermato solo nella legge, il legislatore può ad esso apportare delle eccezioni con una nuova disposizione. Viceversa, ritenere che il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo sia riconosciuto direttamente dalla Costituzione esclude ogni possibile deroga legislativa, salvi interventi di modifica costituzionale (6).
Sul punto, in dottrina ed in giurisprudenza, sono state sostenute due diverse tesi.
Per la posizione tradizionale (7), il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo non trova fondamento in Costituzione, atteso che l’articolo 25, secondo comma, della Carta Costituzionale, nell’affermare il principio di irretroattività della legge di sfavore, si riferisce solo al reato e alla sanzione penale, e non anche a quella amministrativa.
Per l’orientamento de quo, non è possibile assimilare la sanzione amministrativa a quella penale poiché sola la sanzione penale può incidere sulla libertà personale, non anche la sanzione amministrativa. La tesi in esame, inoltre, ricorda come la scelta dei padri costituenti di riconoscere il principio di irretroattività in materia penale esprima la volontà costituzionale di limitare, in astratto, il potere del legislatore ordinario solo in relazione all’illecito penale.
La dottrina prevalente, al contrario, ritiene che anche il principio di irretroattività degli illeciti e delle sanzioni amministrative sia fondato in Costruzione. A tale conclusione l’orientamento maggioritario giunge, però, per il tramite di argomentazioni diverse e, in parte, incompatibili tra loro.
Secondo un primo indirizzo (8), il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo è fondato direttamente nell’articolo 25 della Costituzione. Per questo approccio, la tutela della libertà di autodeterminazione del singolo cui è ispirato il fondamentale principio di irretroattività sfavorevole impone, anche in materia di illecito amministrativo, il divieto di applicazione retroattiva della previsione legislativa posteriore. Ad avviso di questa lettura, anche in relazione agli illeciti e alle sanzioni amministrative si ripropone l’esigenza, che è propria del diritto penale, di evitare che il soggetto possa essere sorpreso con una sanzione non prevedibile al tempo in cui ha commesso il fatto. L’agente, infatti, si lascia ispirare, nella determinazione del suo agere, anche dalle sanzioni amministrative vigenti e non può conoscere l’evoluzione normativa successiva. Per questa ricostruzione, inoltre, l’articolo 25 della Costituzione, nel parlare di “fatto punito” non si riferisce alle sole norme e sanzioni penali ma in generale alle sanzioni punitive, anche amministrative (9).
Anche una diversa ricostruzione (10) ha invocato, a fondamento del principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo, la libertà di autodeterminazione dell’individuo, rinvenendone però il referente costituzionale negli articoli 13 e 2 della Costituzione.
Altra impostazione (11) fonda, invece, poggia la regola della irretroattività sfavorevole degli illeciti amministrativi sul principio di ragionevolezza ed eguaglianza di cui all’articolo 3 della Costituzione. Per questo orientamento, sarebbe del tutto irragionevole applicare una sanzione amministrativa ad un fatto che al tempo in cui è stato posto in essere era lecito. Parimenti, sarebbe irragionevole e contraddittorio applicare una sanzione più severa ad un fatto che al momento della commissione era assoggettato ad una sanzione meno grave.
Per alcuni (12), poi, l’applicazione retroattiva dell’illecito amministrativo posteriore tradisce la funzione di prevenzione generale della sanzione, la quale non può avere alcuna efficacia dissuasiva per il passato.
Altra posizione (13), ancora, ha rintracciato il fondamento costituzionale del principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo negli articoli 41 e 42 della Costituzione, in relazione ai principi di libertà di iniziativa economica e di proprietà privata. Spesso, infatti, le sanzioni amministrative presentano un rilevante grado di incidenza sui citati diritti costituzionalmente garantiti e, per questo, la loro possibile applicazione deve essere conosciuta dal cittadino prima della trasgressione punita. Si fa riferimento a sanzioni pecuniarie di notevole ammontare, alle sanzioni amministrative ablatorie ed a quelle interdittive di attività economiche.
La ricostruzione oggi prevalente (14), però, ravvisa il fondamento del principio in parola nell’articolo 117 della Costituzione, letto alla luce dell’articolo 7 della Convenzione europei dei diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali. L’orientamento muove dalla qualificazione sostanzialmente penale cui possono essere sottoposti taluni illeciti formalmente amministrativi, secondo i principi affermati della giurisprudenza della CEDU.
Come è noto, la Corte Europea dei diritti dell’Uomo (15) ha chiarito che, ai fini dell’applicazione dei principi della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, una sanzione formalmente qualificata come non penale può avere in concreto natura penale. Per la Corte, a prescindere dal nomen iuris dato all’illecito e alla sanzione nell’ordinamento giuridico domestico, la natura dell’infrazione va indagata sul piano sostanziale. Mentre, infatti, nell’ordinamento giuridico nazionale italiano la qualificazione di un fatto come reato è ancorata a rigidi criteri formalistici, di guisa che è reato ogni fatto umano sanzionato con una pena principale, per la CEDU la qualificazione di un illecito come reato non si fonda su soli criteri formali, ma anche e soprattutto, su valutazioni di tipo sostanziale. La Corte Europea dei diritti dell’Uomo ha, nello specifico, elaborato nel corso degli anni i cc.dd. tre criteri Engel, alternativi tra loro, ma adottabili anche in cumulo, per ricostruire la natura dell’illecito (16). Trattasi del criterio della qualificazione formale, del criterio della natura dell’infrazione e del criterio della gravità e dello scopo della sanzione. Per la giurisprudenza della Corte di Strasburgo, anzitutto, una sanzione è penale se è definita tale dalla legge nazionale. Si tratta, tuttavia, per i giudici della Corte EDU, di una qualificazione relativa e non definitiva, dovendosi vagliare la correttezza dello stesso dato formale alla luce degli ulteriori parametri indicativi del carattere eventualmente penale della sanzione. Per accertare la concreta natura del provvedimento e della sanzione ai fini dell’applicazione dei principi della CEDU occorre, infatti, valutare anche la natura sostanziale dell’illecito sanzionato. Essa può essere esaminata ricorrendo a fattori significativi del carattere penale della violazione (anch’essi di volta in volta elaborati dalla giurisprudenza della Corte EDU) (17) quali, ad esempio, la funzione repressiva o dissuasiva e non risarcitoria della sanzione, la comparazione della stessa con la qualificazione attribuita ad analoghi illeciti negli altri Stati firmatari della Convenzione, la provenienza dell’azione, l’entità del bene tutelato dalla norma. Ai fini della migliore qualificazione della violazione può essere, infine, necessario considerare il grado di severità della sanzione che rischia l’autore dell’illecito, tenendo conto del fatto che in uno Stato di diritto appartengono alla sfera del penalmente rilevante «[…] le privazioni della libertà personale suscettibili di essere comminate come sanzioni, eccezion fatta per quelle che per natura, durata o modalità di esecuzione non arrechino un danno apprezzabile all’agente» (18).
Applicando i criteri Engel, perciò, taluni illeciti formalmente amministrativi nell’ordinamento nazionale possono essere considerati penali per la CEDU ed, in tal caso, ad essi vanno applicati i principi riservati al diritto penale dalla Convenzione europea dei diritti dell’Uomo.
Ci si riferisce alle garanzie del giusto processo (articolo 6 della CEDU), ai principi di irretroattività sfavorevole e di retroattività favorevole (articolo 7 della CEDU) e alla garanzia del ne bis in idem (di cui all’articolo 4 del Protocollo 7 della CEDU).
Ecco allora che, per l’indirizzo maggioritario, agli illeciti formalmente amministrativi che possono essere riqualificati come penali secondo i criteri in esame va applicato il principio di irretroattività sfavorevole.
Per questa ricostruzione interpretativa, quindi, il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo è affermato all’articolo 117 della Costituzione, rilevando l’articolo 7 della CEDU come parametro interposto di costituzionalità.

Segue: Il principio di retroattività favorevole

Più problematico è, invece, comprendere se per gli illeciti amministrativi operi il principio di retroattività favorevole. Al riguardo, preme fin da subito evidenziare che l’articolo 1 della legge 689 del 1981 non conosce il principio di retroattività favorevole; la disposizione se da un lato, cioè, sancisce il principio di irretroattività di sfavore, dall’altro non afferma il principio di retroattività di favore.
Il principio di retroattività in bonam è, invece, espressamente richiamato da alcune leggi settoriali che riguardano specifici illeciti amministrativi. Così, ad esempio, il decreto legislativo 472 del 1997 in materia di illeciti amministrativi tributari, all’articolo 3, esplicitamente decreta l’applicabilità agli illeciti ivi regolati del principio di retroattività di favore. Parimenti, il decreto legislativo 231 del 2001 che disciplina la responsabilità amministrativa degli Enti conosce il principio di retroattività favorevole all’articolo 3. In alcuni specifici settori, dunque, il legislatore ha sentito l’esigenza di prevedere la regola della retroattività di favore, la quale tuttavia non è sancita in generale della legge 689 del 1981.
Sicché, ci si è chiesto, in dottrina ed in giurisprudenza, se l’assenza di una disciplina generale che disponga l’applicabilità del principio di retroattività favorevole in materia di illeciti amministrativi sia o meno compatibile con la Costituzione.
Sul punto, secondo un primo indirizzo (19), la mancanza di una generale previsione che fissi l’applicabilità anche agli illeciti amministrativi del principio di retroattività favorevole non contrasta con la Costituzione. Per questa tesi (20), la regola della retroattività favorevole opera per i soli reati, i quali soli possono incidere sulla libertà personale. Del resto, anche in materia penale il principio di cui si discorre, in quanto fondato implicitamente sull’articolo 3 della Costituzione, non è inderogabile. Il legislatore penale può, al ricorrere di situazioni contingenti, disporre deroghe ed eccezioni al principio di ultrattività della legge penale di favore, purché fondate su giustificazioni costituzionalmente ragionevoli. Diversamente dal divieto di applicazione retroattiva della legge sfavorevole, infatti, la regola dell’applicazione retroattiva della legge penale di favore non è un principio supremo, immodificabile. Pertanto, secondo questa impostazione di pensiero, se il principio di retroattività favorevole persino nel diritto penale è derogabile (nel rispetto del dogma della ragionevolezza), nel diritto amministrativo, rigidamente ispirato al principio di legalità, esso non può trovare riconoscimento.
Al contrario, però, la tesi largamente maggioritaria (21) sostiene che il principio di retroattività di favore operi anche per quegli illeciti amministrativi che, secondo i citati criteri Engel, sono qualificabili come sostanzialmente penali. La posizione rinviene, allora, nell’articolo 117 della Costituzione, letto in combinato con l’articolo 7 della CEDU, anche il fondamento del principio di retroattività favorevole dell’illecito amministrativo. Il filone interpretativo in parola (22) ha, per questo, sollevato questione di legittimità costituzionale dell’articolo 1 della legge 689/1981 per contrasto con l’articolo 117 della Costituzione, nella parte in cui non prevede l’applicazione della legge successiva più favorevole agli autori di illeciti amministrativi posti in essere prima. La Corte Costituzionale (23), tuttavia, ha dichiarato non fondata la questione, ricordando che non tutti gli illeciti amministrativi sono sostanzialmente penali e, dunque, governati dall’articolo 7 della CEDU. La Corte ha, cioè, fatto proprio il principio sostenuto dall’indirizzo al vaglio ma ha escluso che l’articolo 1 della legge 689/1981 possa essere dichiarato incostituzionale una volta per tutte, dovendosi verificare invece, di volta in volta, la natura dei singoli illeciti amministrativi (24).
La pronuncia è stata, invero, criticata in dottrina (25) per la mancata dichiarazione di parziale incostituzionalità dell’articolo 1 della legge 689/1981. Una declaratoria di illegittimità costituzionale avrebbe evitato, secondo l’opinione critica, ulteriori ordinanze di remissione alla Corte ed offerto maggiori certezze applicative ed offerto maggiori certezze applicative. Al di là di tali considerazioni, resta indubitabile, comunque, il riconoscimento da parte del Giudice delle Leggi del principio di retroattività favorevole anche in relazione agli illeciti amministrativi sostanzialmente penali secondo i criteri Engel.
Naturalmente, come per il diritto penale, il principio di retroattività favorevole dell’illecito amministrativo sostanzialmente penale può essere derogato dal legislatore, purché la deroga sia ragionevole. Ne consegue che, se il legislatore interviene con una disciplina di favore sull’illecito amministrativo prevedendo, però, apposite norme transitorie che vietano l’applicazione retroattiva della legge favorevole posteriore, occorre verificare in concreto la ragionevolezza dell’eccezione. Se la norma derogatoria è fondata su una giustificazione ragionevole essa è legittima, in caso contrario, invece deve essere considerata incostituzionale quando l’illecito è sostanzialmente penale secondo i criteri Engel.
Attese le statuizioni della Corte Costituzionale, resta da chiedersi, però, come garantire l’operatività della regola della retroattività favorevole dell’illecito amministrativo quando il legislatore si limiti ad introdurre un trattamento più mite di quello precedente, senza nulla disporre in ordine alle questioni di diritto intertemporale, senza prevedere cioè norme transitorie.
Al quesito sono state fornite due differenti risposte.
La prima, che sembra essere stata suggerita dalla stessa Corte Costituzionale del 2016, propone di sollevare questione di legittimità costituzionale della legge di favore successiva nella parte in cui non prevede l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa più favorevole (26). Per questa interpretazione, quindi, è necessario rimettere al vaglio della Corte Costituzionale proprio la norma che ha modificato la sanzione amministrativa sostanzialmente penale, nella parte in cui non ha previsto l’applicazione retroattiva della disciplina di favore.
Per altri (27), al vaglio di legittimità della Corte Costituzionale potrebbe essere rimesso lo stesso articolo 1 della legge 689/1981, non tout court (avendo la Corte già respinto detta questione) ma limitatamente all’illecito amministrativo oggetto dell’intervento di modifica favorevole.
Queste ricostruzioni muovono dalla considerazione che le norme CEDU, diversamente dalle norme di diritto dell’UE, non possono essere applicate direttamente dall’organo giudicante con disapplicazione della norma interna con esse contrastante, salvo gli obblighi di interpretazione conforme.
Per una seconda interpretazione, (28) al contrario, al giudice è addirittura consentito applicare direttamente il principio di retroattività favorevole affermato all’articolo 7 della CEDU, senza previamente rimettere la questione al sindacato di legittimità della Corte Costituzionale. Ad avviso di questa tesi, in assenza di una norma nazionale di sbarramento che impedisca di dare applicazione alle regole della Convenzione, il giudice nazionale che, ricorrendo ai criteri Engel, si renda conto che l’illecito amministrativo è sostanzialmente penale, può dare diretta attuazione al principio di cui all’articolo 7 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo in via di interpretazione costituzionalmente e convenzionalmente orientata, anche nell’ottica di assicurare una migliore economia processuale.
Più complessa è invece l’ipotesi in cui il legislatore non si limiti a introdurre una disciplina di modifica favorevole ma abroghi l’illecito amministrativo, senza nulla disporre per i fatti pregressi.
Al riguardo, non è revocabile in dubbio che quando sul fatto non si è formato giudicato ovvero non è divenuto inoppugnabile il provvedimento applicativo della sanzione, la sanzione prevista dalla norma abrogata non possa essere più applicata. L’autore del fatto in sede di impugnazione potrà, ad esempio, eccepire l’abrogazione. Maggiori problemi sorgono quando la sentenza che applica la sanzione, in caso di opposizione, è passata in cosa giudicata ovvero è divenuto inoppugnabile l’atto applicativo della stessa. In detti casi, occorre comprendere se possa trovare applicazione la regola della caducazione del giudicato valevole per il diritto penale ai sensi dell’articolo 673 c.p.p. anche agli illeciti amministrativi che per la CEDU presentano natura sostanzialmente penale.
Al riguardo, la Corte EDU (29), ha in più occasioni escluso che il principio di retroattività favorevole sancito dall’articolo 7 della CEDU possa far venire meno il giudicato penale. Per i giudici di Strasburgo il principio di retroattività di favore incontra sempre il limite del giudicato, diversamente da quanto è previsto nell’ordinamento domestico. Poiché, allora, la riqualificazione dell’illecito da amministrativo a penale deve avvenire ai soli fini dell’applicazione dei principi che la CEDU riserva al diritto penale, e non di tutti i principi che nell’ordinamento nazionale sono dedicati al reato, per la lettura prevalente, in questi casi la sanzione non può venire meno.
Analoghe considerazioni sono state fatte in caso di declaratoria di incostituzionalità della norma che prevede l’illecito amministrativo. Al cospetto di tale ipotesi, ci si è chiesto se, anche all’illecito amministrativo posto in essere prima della pronuncia di incostituzionalità, possa essere applicato l’articolo 673 c.p.p. letto alla luce dell’articolo 30, comma 4, della legge 87/1953, come avviene in materia penale. Il problema naturalmente si pone per il solo caso in cui la sentenza che applica la sanzione è passata in cosa giudicata ovvero è divenuto inoppugnabile l’ordinanza ingiunzione.
Sul punto, per un orientamento interpretativo (30), anche all’illecito amministrativo che ha natura sostanzialmente penale deve applicarsi la disciplina di favore sancita per il diritto penale. Secondo questo indirizzo, tra le garanzie riservate al diritto penale dalla Convenzione europea dei diritti dell’Uomo può essere annoverato il principio di legalità, a rigore del quale la sanzione punitiva deve trovare sempre referente nella legge. Pertanto, se la legge introduttiva è incostituzionale, viene a mancare il fondamento legale dell’illecito che, dunque, deve venir meno. Per questo indirizzo, perciò, anche la garanzia della inapplicabilità della norma incostituzionale deve essere estesa agli illeciti amministrativa sostanzialmente penali. Per l’indirizzo, poi, sarebbe irragionevole applicare il principio di retroattività di favore in caso di modifica legislativa e non applicarlo quando la legge addirittura presenta un vizio originario che la rende incostituzionale.
Ad avviso di un’altra ricostruzione interpretativa (31), al contrario, la regola in parola non si applica agli illeciti amministrativi, anche se sostanzialmente penali secondo i criteri Engel. La CEDU, diversamente dal diritto domestico, non contempla infatti alcun meccanismo di revoca del giudicato in applicazione di una legge incostituzionale e, pertanto, detto principio non può trovare applicazione neanche per gli illeciti amministrativi sostanzialmente penali. La riqualificazione dell’illecito amministrativo come panale, secondo i criteri fissati dalla giurisprudenza della Corte EDU, è infatti finalizzata ad assicurare l’applicazione delle sole garanzie dettate dalla Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo e non di tutte le garanzie che l’ordinamento nazionale riserva al reato. […] «L’attrazione di una sanzione amministrativa nell’ambito della materia penale, in virtù dei menzionati criteri Engel, trascina con sé soltanto le garanzie previste dalle pertinenti disposizioni convenzionali non tutte le altre»(32). In caso contrario, infatti, l’intero sistema dell’illecito amministrativo dovrebbe essere messo in discussione atteso che, per il diritto penale nazionale, la pena può essere irrogata dal solo giudice e mai da un’Autorità amministrativa, nulla poena sine iudicio.
È invece, indiscusso che, in caso di dichiarazione di incostituzionalità di una legge di favore in materia di illecito amministrativo sostanzialmente penale, restano salvi gli effetti di favore prodotti per i fatti concomitanti, essendo questa regola diretta derivazione del principio di irretroattività sfavorevole.
Il descritto quadro di rapporti di diritto intertemporale tra leggi disciplinanti illeciti amministrativi si complica in caso di depenalizzazione.

3. La depenalizzazione

Ricorre depenalizzazione, secondo la lettura maggioritaria (33), allorquando un fatto, prima costituente reato, viene trasformato in illecito amministrativo dalla legge posteriore. La depenalizzazione è quindi il “declassamento” dell’illecito penale in illecito amministrativo, con la sostituzione della precedetene sanzione penale con una nuova sanzione amministrativa. Quando si verifica una depenalizzazione il legislatore esclude il rilievo penale di una condotta prima penalmente rilevante. La depenalizzazione dà, dunque, luogo ad un fenomeno abrogativo della legge penale a norma dell’articolo 2, comma 2, c.p. Pertanto, al fatto illecito posto in essere prima dell’intervento legislativo non potranno più essere applicate le pene previste dalla legge previgente e, se vi è stata sentenza penale di condanna, ne cessano l’esecuzione e tutti gli effetti penali. La nuova sanzione amministrativa si applicherà, invece, a tutti i fatti posti in essere dopo l’entrata in vigore della legge di depenalizzazione. È, però, controverso se, ai fatti commessi sotto il vigore della norma penale incriminatrice possa applicarsi la sanzione amministrativa introdotta dopo. La risposta all’interrogativo presuppone una preliminare distinzione tra l’ipotesi in cui il legislatore abbia previsto un regime transitorio e quella in cui difetti una norma transitoria per i fatti pregressi.
Laddove il legislatore manchi di introdurre apposita norma transitoria disponente l’applicazione della nuova sanzione amministrativa ai fatti posti in essere prima, ci si chiede se le condotte tenute all’epoca in cui il fatto costituiva reato possano o meno essere assoggettate alle nuove sanzioni amministrative, ferma l’inapplicabilità della pena precedentemente prevista. In altri termini, intervenuta una depenalizzazione, in mancanza di apposita norma sul punto, è controverso se il giudice penale, nel dichiarare che il fatto non è più previsto dalla legge come reato, sia tenuto a trasmettere gli atti alla competente autorità amministrativa affinché applichi le sanzioni amministrative introdotte in luogo della depenalizzazione o se, invece, debba limitarsi a revocare le sanzioni penali eventualmente comminate e ad adottare i conseguenti provvedimenti.
Sul punto, secondo un primo orientamento (34), ai fatti pregressi dovrebbero essere sempre applicate le sanzioni introdotte con la depenalizzazione, sul duplice ed implicito presupposto che il fatto era già illecito prima della modifica legislativa (ed invero per esso era dettata una pena) e che la sanzione amministrativa è di norma più mite della sanzione penale. Con la depenalizzazione, infatti, il legislatore non esclude ogni rilevanza del fatto ma si limita a trasformarlo in un illecito amministrativo. Si ritiene, allora, che in simili ipotesi venga a mancare la ratio di tutela della libertà di autodeterminazione del soggetto cui è ispirato il principio di irretroattività sfavorevole. Si osserva, inoltre, che la soluzione opposta sarebbe contraria ai principi di giustizia sostanziale e ragionevolezza, lasciando impunito il fatto commesso nel tempo in cui era valutato più gravemente dall’ordinamento giuridico e punendolo al tempo in cui è considerato un mero illecito amministrativo (35). La tesi in parola fa, inoltre, leva sul disposto degli articoli 40 e 41 della citata legge 689/1981 per affermare la regola della generale applicazione retroattiva delle sanzioni amministrative introdotte in presenza di una depenalizzazione (36). Gli articoli in questione, infatti, prevedono l’applicazione delle sanzioni amministrative ivi previste ai fatti precedenti alla depenalizzazione e, per l’orientamento in commento, hanno portata generale e si applicano a tutte le ipotesi di depenalizzazione. In questo senso, per l’indirizzo al vaglio, (37) la depenalizzazione costituisce una sorta di impropria successione modificativa della legge nel tempo ex articolo 2, comma 4, c.p. al cui ricorrere deve sempre applicarsi la disciplina successiva in quanto più favorevole per l’autore del fatto.
Va, però, evidenziato che un diverso orientamento dottrinale e giurisprudenziale (38) giunge a conclusioni diametralmente opposte. Per l’orientamento di cui si discorre (39), con la depenalizzazione non si assiste ad una degradazione dell’illecito penale in illecito amministrativo ma ad un’abrogazione del reato con contestuale introduzione di un nuovo e autonomo illecito amministrativo. Per questa posizione, cioè, con la depenalizzazione il legislatore non si limita a trasformare un reato in illecito amministrativo ma introduce un nuovo illecito. Ad avviso di questa interpretazione, perciò, all’illecito oggetto dell’intervento legislativo, da un lato non possono applicarsi, per effetto dell’intervenuta abolitio criminis, le sanzioni penali previste dalla precedente legge e, dall’altro, non possono essere applicate le sanzioni amministrative di nuova introduzione in quanto inapplicabili retroattivamente. Secondo questa linea di pensiero, poi, dagli articolo 40 e 41 della legge 689/1981 non può ricavarsi una regola generale valevole in ogni caso di depenalizzazione, sia perché dai lavori preparatori della legge non parrebbe desumibile l’intenzione del legislatore di dare a tali articoli valenza generale, sia perché successive leggi di depenalizzazione si sono munite di disposizioni transitorie di analogo contenuto, della cui necessità di sarebbe potuto fare a meno se tali norme fossero state applicabili (40). Anzi, proprio tali disposizioni inducono l’indirizzo al vaglio a ritenere che, solo ove espressamente previsto, le sanzioni amministrative introdotte in luogo di una depenalizzazione possono ritenersi applicabili retroattivamente, non negli altri casi. D’altronde, la riqualificazione dell’illecito amministrativo come penale secondo le norme CEDU è consentita solo in bonam partem, ritenere invece in detti casi l’illecito sostanzialmente penale, e perciò soggiacente alle regole di cui alla CEDU, finisce per rendere applicabile una disciplina in concreto sfavorevole per il soggetto. A valore applicare la regola della retroattività favorevole, infatti, si giunge a comminare una sanzione amministrativa, laddove al contrario il soggetto resterebbe impunito. La tesi conclude, dunque, per l’inapplicabilità delle sanzioni amministrative, in assenza di apposita norma sul punto, ai fatti precedenti anche se commessi al vigore della legge penale, con la conseguente impunità dei relativi autori (41).
Non è raro, però, come si è detto, che il legislatore in sede di depenalizzazione predisponga norme transitorie volte a consentire l’applicazione della nuova sanzione amministrativa ai fatti pregressi, commessi sotto la vigenza della legge penale. In dottrina ed in giurisprudenza, al riguardo, ci si è domandato se tali norme, nella misura in cui derogano al principio di irretroattività sfavorevole, siano costituzionalmente legittime Al riguardo, secondo un primo orientamento (42), tali disposizioni sono da considerarsi sempre legittime essendo la sanzione amministrativa più favorevole della pregressa pena. Per questa lettura, poi, il principio di irretroattività sfavorevole in materia di illecito amministrativo non è costituzionalizzato e, dunque, è derogabile (43). In ogni caso, avverte questa interpretazione, in presenza di una depenalizzazione difetta comunque la ratio sottesa al principio di irretroattività sfavorevole: se l’agente ha commesso il fatto sotto il vigore della più severa sanzione penale è indubitabile che lo avrebbe commesso anche in presenza di una più mite sanzione amministrativa.
Un più recente orientamento di pensiero (44), al contrario, ha osservato come le sanzioni amministrative, se in astratto e sotto un profilo meramente nominalistico, possono ritenersi meno gravi dell’illecito penale e della relativa sanzione, in concreto potrebbe essere vero il contrario.
Certamente, in linea di principio, la sanzione penale è più severa della sanzione amministrativa; anche la semplice sanzione penale pecuniaria (mula o ammenda) è di regola più afflittiva della sanzione amministrativa, essa sola potendo essere convertita in sanzione limitativa della libertà personale in caso di incapienza del patrimonio. Solo la sanzione penale, e non anche la sanzione amministrativa, può determinare infatti una compressione della libertà del soggetto (fatta eccezione per la sanzione amministrativa dell’espulsione dello straniero dal territorio dello Stato (45)).Le pena produce, inoltre, conseguenze stigmatizzanti sulla condotta umana tenuta dal soggetto, effetti di cui di regola è priva la sanzione amministrativa (46).
Se questo è vero, tuttavia, anche la sanzione amministrativa può risultare in concreto fortemente punitiva, in misura uguale se non addirittura maggiore della sanzione penale. Ci si riferisce, ovviamente, agli illeciti amministrativi riqualificabili come penali secondo i criteri Engel. Potrebbe, pertanto, accadere che la sanzione amministrativa introdotta in luogo della depenalizzazione sia di fatto più severa della pregressa pena. In tal caso, risultando la stessa sostanzialmente penale (anche in coerenza con il principio che fa del diritto penale l’extrema ratio) l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa posteriore può finire per contrastare con il principio di irretroattività sfavorevole. Per questa impostazione ermeneutica, dunque, in presenza di una depenalizzazione occorre valutare di volta in volta se la sanzione amministrativa di nuova introduzione sia in concreto più mite della precedente sanzione penale, dovendosi certamente escludere l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa ove più sfavorevole della precedente pena. In questi casi, anzi, è d’uopo rimettere la questione di legittimità della norma transitoria alla Corte Costituzionale per contrarietà con l’articolo 117 della Costituzione, nella parte in cui elude l’applicazione del canone dell’articolo 7 della CEDU.
La soluzione descritta è stata valorizzata dalla Corte Costituzionale con la pronuncia n. 223 del 2018 in materia di insider trading secondario. Come è noto, la disciplina dell’insider trading è stata oggetto di frequenti interventi legislativi nel tempo, per lo più a recepimento di direttive dell’UE (47). Le più importanti modifiche che hanno interessato la figura nel nostro ordinamento sono state però quelle apportate dalle riforme del 2005 e del 2018, con cui il legislatore ha depenalizzato l’illecito di insider trading secondario introducendo una serie di sanzioni amministrative, espressamente applicabili anche ai fatti pregressi (nonché applicabili, in aggiunta alle sanzioni penali, agli autori del reato di insider trading primario). Le sanzioni amministrative previste dalle leggi di depenalizzazione, però, sono risultate fortemente repressive ed incidenti sui diritti del destinatario. L’illecito di insider trading secondario è stato, infatti, assoggettato a sanzioni amministrative pecuniarie di elevatissimo ammontare (48), nonché a sanzioni interdittive, accompagnate dalla confisca non solo diretta ma anche per equivalente del prodotto e del profitto dell’illecito, in aggiunta alla pubblicazione della sentenza sui siti istituzionali della Banca d’Italia e della Consob (con conseguente effetto stigmatizzante). Diversamente dall’autore del reato di insider trading primario, l’autore dell’illecito di insider trading secondario, a seguito della depenalizzazione del 2005, evidenzia la Corte Costituzionale, non può beneficiare della sospensione condizionale della pena né, ratione temporis, avrebbe potuto godere dell’indulto previsto dalla legge 31 luglio 2006, n. 241. Investita della questione di legittimità della norma transitoria disponente l’applicazione retroattiva delle sanzioni amministrative successive, la Corte Costituzionale ha chiarito che le nuove sanzioni amministrative risultano in sostanza più afflittive delle sanzioni penali pregresse. Per questo, il Giudice delle Leggi ha dichiarato la parziale incostituzionalità della disciplina dell’insider trading nella parte in cui prevede l’applicazione ai fatti precedenti della sanzione amministrativa introdotta con la depenalizzazione. Invero, la pronuncia della Corte Costituzionale ha ad oggetto la sola sanzione della confisca per equivalente, unico profilo di legittimità rimessole dal giudice a quo. Essa è, tuttavia, destinata ad essere apprezzata in senso più ampio, in relazione a tutte le ipotesi di depenalizzazione. La Corte sembra affermare che, sebbene tendenzialmente la sanzione amministrativa sia più mite della pena penale, la maggiore afflittività della prima rispetto alla seconda non può essere esclusa, atteso che l’illecito formalmente amministrativo può celare una natura sostanzialmente penale secondo i criteri Engel. In simili casi, allora, la norma disponente l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa posteriore è da ritenersi incostituzionale. In tale ultima ipotesi, resta fermo però che  ai fatti pregressi, a cui è inapplicabile la sanzione amministrava di nuova introduzione più gravosa della precedente pena, sia inapplicabile anche la pregressa sanzione penale oggetto di abolitio criminis.
Il superamento della presunzione assoluta di maggior favore della sanzione amministrativa rispetto alla sanzione penale è stato recentemente recepito dallo stesso legislatore penale, in occasione della depenalizzazione operata dal D.lgs. n.8/2016. L’articolo 8, comma 1, di tale disposizione (49), infatti, ha previsto l’applicazione retroattiva delle nuove sanzioni amministrative ai fatti pregressi solo a condizione che si svelino più favorevoli delle precedenti pene. Naturalmente, la norma si riferisce ai soli illeciti amministrativi ivi depenalizzati e non ha carattere generale. Essa è, nondimeno, sintomatica del consolidarsi della nuova e più garantista lettura sviluppatasi intorno alle sanzioni amministrative inserite in un intervento di depenalizzazione.
Segue: La depenalizzazione della sanzione accessoria
Diverso da quanto finora esposto, è il fenomeno che si verifica allorquando il legislatore depenalizza la sola sanzione accessoria prevista per un reato. In tal caso, il reato resta tale perché ad essere sostituita con una sanzione amministrativa non è la pena principale ma quella accessoria. Si pensi alla norma con cui il legislatore ha reso sanzione amministrativa la confisca del veicolo per guida in stato di ebbrezza (50). In dette ipotesi, ci si chiede se operi o meno quanto finora affermato per la depenalizzazione del reato. Ovviamente, se il legislatore ha introdotto una norma transitoria che disponga l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa, non sussistono problemi di diritto intertemporale. Quando però manca una norma transitoria, potrebbe ipotizzarsi l’applicabilità della stessa regola prevista per la depenalizzazione del reato in assenza di apposita previsione, con la conseguenza che la sanzione amministrativa non potrebbe più essere applicata ai fatti pregressi. Poiché, però, in detti casi non si assiste ad una depenalizzazione dell’illecito ma della sola sanzione accessoria, non è da escludere l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria anche i fatti accaduti prima.

4. La penalizzazione

Solo un cenno merita, infine, l’ipotesi inversa in cui ad un illecito amministrativo il legislatore sostituisca un reato (cd. penalizzazione). In questo caso, certamente il reato di nuova introduzione non può essere applicato retroattivamente a norma dell’articolo 25 della Costituzione e dell’articolo 2, comma 1 c.p. Ai fatti posti in essere prima della nuova incriminazione, quindi, continueranno ad essere applicate le sanzioni amministrative vigenti all’epoca della commissione del fatto. A ben guardare, però, potrebbe prospettarsi una soluzione differente nel caso in cui l’illecito penalizzato si presenti, già prima del formale intervento legislativo, sostanzialmente penale secondo i criteri Engel. In tale caso, infatti, potrebbero essere applicate le normali regole operanti per il diritto penale in presenza di una successione di leggi nel tempo. Così, se il nuovo reato è più mite della sanzione amministrativa precedente, ai fatti commessi prima della penalizzazione ma non ancora definiti, potrebbero essere applicate le sanzioni penali successive in virtù del principio di retroattività favorevole.


cedu

1. La nozione di illecito amministrativo

Nel nostro ordinamento la nozione di illecito amministrativo (come quelle di illecito penale e di illecito civile) poggia su basi meramente formalistiche, di guisa che è tale il comportamento umano vietato dal sistema normativo e punito con una sanzione amministrativa.
La distinzione in ordine alla natura dell’illecito è, perciò, esclusivamente nominalistica e legata al tipo di sanzione irrogata in conseguenza della trasgressione: sono illeciti penali gli illeciti puniti con una sanzione penale, civili gli illeciti cui consegue una sanzione – latu sensu – civile e amministrativi gli illeciti assoggettati a sanzione amministrativa.
Le sanzioni amministrative possono essere pecuniarie, interdittive o ablatorie e sono comminate da un’Autorità amministrativa all’esito di un procedimento amministrativo culminante in un provvedimento detto ordinanza-ingiunzione(1).
Si definiscono pecuniarie le sanzioni che si sostanziano nel pagamento di una somma di denaro. Gli illeciti sanzionati con sole sanzioni pecuniarie sono disciplinati, anzitutto, dalla legge 689/1981 che rappresenta la disciplina generale dell’illecito amministrativo. Manca, invece, una previsione generale per gli illeciti amministrativi repressi con sanzioni interdittive o oblatorie, limitandosi il legislatore a prevedere disposizioni settoriali. Sono, invece, interdittive le sanzioni che interdicono, sospendono, rimuovono o destituiscono il sanzionato dallo svolgimento di un’attività, di un’arte, di un’industria, di una professione o di un mestiere. Sono ablatorie, infine, le sanzioni con le quali l’amministrazione sacrifica l’interesse di un privato, obbligandolo a un fare (ordini), a non un fare (divieti) o a un dare (atti di imposizione tributaria) o privandolo di un bene (espropriazione, requisizione, sequestro amministrativo e imposizione di servitù pubbliche) (2).
Le sanzioni amministrative in parola sono definite sanzioni amministrative proprie, poste a tutela di un interesse generale e non anche di un interesse pubblico, specifico, concreto ed attuale. Da esse vanno tenute distinte le sanzioni amministrative improprie «[…] intendendosi per tali l’insieme di strumenti di reazione alla violazione del precetto, non qualificati né disciplinati dal legislatore come sanzioni, e pur tuttavia aventi funzione afflittiva-punitiva, concorrente con altre funzioni» (3) e finalizzate alla tutela di un interesse pubblico, specifico, concreto ed attuale. Nella legge tributaria italiana, oltre che sanzioni vere e proprie, ad esempio, il legislatore prevede «[…]situazioni di svantaggio per il contribuente che abbia violato determinati obblighi, che possono essere di due tipi: 1) di carattere procedimentale, nel senso che al trasgressore vengono preclusi mezzi di tutela che altrimenti avrebbe o nel senso che vengono potenziati i normali poteri di accertamento dell’amministrazione; 2) di carattere sostanziale, nel senso che viene maggiorata l’imposta, negando l’applicazione di deduzioni, di detrazioni, elevando l’imponibile od assumendo come fatti tassabili elementi che diversamente non lo sarebbero» (4).
La ratio del sistema dell’illecito amministrativo va ravvisata nell’esigenza di deflazionare il contenzioso penale affidando ad una P.A. il potere punitivo altrimenti detenuto dal giudice penale, ferma restando la garanzia per il cittadino di poter ottenere, attraverso l’opposizione all’ordinanza-ingiunzione, “la restituzione” del potere afflittivo alla sua sede naturale, ovverosia all’Autorità giudiziaria, in funzione, però, di giudice civile.
È evidente, dunque, come anche l’illecito amministrativo risponda ad una esigenza di prevenzione di condotte considerate illecite per il legislatore, in relazione alle quali però, per la minor offensività al bene leso, si sceglie di escludere la sanzione penale. È evidente, altresì, che anche la sanzione amministrativa può avere – e di fatto spesso ha- una carica punitiva. Anche in relazione all’illecito amministrativo è stata, dunque, avvertita la necessità di preservare principi e regole di tutela dell’individuo che sono propri del diritto penale (5).

2. La successione nel tempo

D’altra parte, anche l’illecito amministrativo, come l’illecito penale, può essere investito da mutamenti legislativi nel tempo che danno luogo ad una successione di leggi e che pongono il problema di determinare i principi cui ricondurre il fenomeno, ai fini della determinazione della legge applicabile.
È possibile, anzitutto, che il legislatore intervenga introducendo un nuovo illecito amministrativo in relazione ad un fatto prima non sanzionato dall’ordinamento giuridico. In secondo luogo, può accadere che il legislatore abroghi una disciplina legislativa che prima contemplava un illecito amministrativo, come pure è possibile che il legislatore si limiti a modificare la disciplina dettata per l’illecito amministrativo. Ancora, la legge può trasformare un illecito penale in illecito amministrativo (c.d. depenalizzazione) ovvero mutare un illecito amministrativo in reato (c.d. penalizzazione).
In tutti questi casi occorre comprendere se, alla successione modificativa della legge, vadano o meno applicati i principi di irretroattività sfavorevole e di retroattività favorevole previsti in materia penale, fermo restando che in linea generale e per tutte le leggi l’articolo 11 delle Disposizioni preliminari al codice civile sancisce il divieto di applicazione retroattiva della legge di nuova introduzione.

Segue: Il principio di irretroattività sfavorevole

Al riguardo, non è revocabile in dubbio che anche agli illeciti sottoposti a sanzione amministrativa vada applicato il principio di irretroattività sfavorevole. Sia che la nuova legge preveda un illecito amministrativo prima non conosciuto dall’ordinamento giudicio, sia che inasprisca successivamente la sanzione amministrativa già contemplata, la modifica di sfavore non può essere applicata a fatti posti in essere prima.
Tutte le leggi, sia di carattere generale, sia di natura settoriale, sull’illecito amministrativo codificano, infatti, anche in materia di illeciti amministrativi, il principio di irretroattività sfavorevole. La legge 689/1981 che, come si è detto, è considerata la disciplina generale sull’illecito amministrativo, ad esempio, espressamente vieta all’articolo 1 di applicare retroattivamente la sanzione amministrativa di nuova introduzione.
Ci si chiede, però, se il principio di irretroattività sfavorevole degli illeciti e delle sanzioni amministrative abbia fondamento nelle sole fonti primarie che espressamente lo affermano ovvero possa dirsi fondato in Costruzione. Il quesito si svela rilevante in ordine al potere di deroga del legislatore primario. Se, infatti, il principio è affermato solo nella legge, il legislatore può ad esso apportare delle eccezioni con una nuova disposizione. Viceversa, ritenere che il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo sia riconosciuto direttamente dalla Costituzione esclude ogni possibile deroga legislativa, salvi interventi di modifica costituzionale (6).
Sul punto, in dottrina ed in giurisprudenza, sono state sostenute due diverse tesi.
Per la posizione tradizionale (7), il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo non trova fondamento in Costituzione, atteso che l’articolo 25, secondo comma, della Carta Costituzionale, nell’affermare il principio di irretroattività della legge di sfavore, si riferisce solo al reato e alla sanzione penale, e non anche a quella amministrativa.
Per l’orientamento de quo, non è possibile assimilare la sanzione amministrativa a quella penale poiché sola la sanzione penale può incidere sulla libertà personale, non anche la sanzione amministrativa. La tesi in esame, inoltre, ricorda come la scelta dei padri costituenti di riconoscere il principio di irretroattività in materia penale esprima la volontà costituzionale di limitare, in astratto, il potere del legislatore ordinario solo in relazione all’illecito penale.
La dottrina prevalente, al contrario, ritiene che anche il principio di irretroattività degli illeciti e delle sanzioni amministrative sia fondato in Costruzione. A tale conclusione l’orientamento maggioritario giunge, però, per il tramite di argomentazioni diverse e, in parte, incompatibili tra loro.
Secondo un primo indirizzo (8), il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo è fondato direttamente nell’articolo 25 della Costituzione. Per questo approccio, la tutela della libertà di autodeterminazione del singolo cui è ispirato il fondamentale principio di irretroattività sfavorevole impone, anche in materia di illecito amministrativo, il divieto di applicazione retroattiva della previsione legislativa posteriore. Ad avviso di questa lettura, anche in relazione agli illeciti e alle sanzioni amministrative si ripropone l’esigenza, che è propria del diritto penale, di evitare che il soggetto possa essere sorpreso con una sanzione non prevedibile al tempo in cui ha commesso il fatto. L’agente, infatti, si lascia ispirare, nella determinazione del suo agere, anche dalle sanzioni amministrative vigenti e non può conoscere l’evoluzione normativa successiva. Per questa ricostruzione, inoltre, l’articolo 25 della Costituzione, nel parlare di “fatto punito” non si riferisce alle sole norme e sanzioni penali ma in generale alle sanzioni punitive, anche amministrative (9).
Anche una diversa ricostruzione (10) ha invocato, a fondamento del principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo, la libertà di autodeterminazione dell’individuo, rinvenendone però il referente costituzionale negli articoli 13 e 2 della Costituzione.
Altra impostazione (11) fonda, invece, poggia la regola della irretroattività sfavorevole degli illeciti amministrativi sul principio di ragionevolezza ed eguaglianza di cui all’articolo 3 della Costituzione. Per questo orientamento, sarebbe del tutto irragionevole applicare una sanzione amministrativa ad un fatto che al tempo in cui è stato posto in essere era lecito. Parimenti, sarebbe irragionevole e contraddittorio applicare una sanzione più severa ad un fatto che al momento della commissione era assoggettato ad una sanzione meno grave.
Per alcuni (12), poi, l’applicazione retroattiva dell’illecito amministrativo posteriore tradisce la funzione di prevenzione generale della sanzione, la quale non può avere alcuna efficacia dissuasiva per il passato.
Altra posizione (13), ancora, ha rintracciato il fondamento costituzionale del principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo negli articoli 41 e 42 della Costituzione, in relazione ai principi di libertà di iniziativa economica e di proprietà privata. Spesso, infatti, le sanzioni amministrative presentano un rilevante grado di incidenza sui citati diritti costituzionalmente garantiti e, per questo, la loro possibile applicazione deve essere conosciuta dal cittadino prima della trasgressione punita. Si fa riferimento a sanzioni pecuniarie di notevole ammontare, alle sanzioni amministrative ablatorie ed a quelle interdittive di attività economiche.
La ricostruzione oggi prevalente (14), però, ravvisa il fondamento del principio in parola nell’articolo 117 della Costituzione, letto alla luce dell’articolo 7 della Convenzione europei dei diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali. L’orientamento muove dalla qualificazione sostanzialmente penale cui possono essere sottoposti taluni illeciti formalmente amministrativi, secondo i principi affermati della giurisprudenza della CEDU.
Come è noto, la Corte Europea dei diritti dell’Uomo (15) ha chiarito che, ai fini dell’applicazione dei principi della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, una sanzione formalmente qualificata come non penale può avere in concreto natura penale. Per la Corte, a prescindere dal nomen iuris dato all’illecito e alla sanzione nell’ordinamento giuridico domestico, la natura dell’infrazione va indagata sul piano sostanziale. Mentre, infatti, nell’ordinamento giuridico nazionale italiano la qualificazione di un fatto come reato è ancorata a rigidi criteri formalistici, di guisa che è reato ogni fatto umano sanzionato con una pena principale, per la CEDU la qualificazione di un illecito come reato non si fonda su soli criteri formali, ma anche e soprattutto, su valutazioni di tipo sostanziale. La Corte Europea dei diritti dell’Uomo ha, nello specifico, elaborato nel corso degli anni i cc.dd. tre criteri Engel, alternativi tra loro, ma adottabili anche in cumulo, per ricostruire la natura dell’illecito (16). Trattasi del criterio della qualificazione formale, del criterio della natura dell’infrazione e del criterio della gravità e dello scopo della sanzione. Per la giurisprudenza della Corte di Strasburgo, anzitutto, una sanzione è penale se è definita tale dalla legge nazionale. Si tratta, tuttavia, per i giudici della Corte EDU, di una qualificazione relativa e non definitiva, dovendosi vagliare la correttezza dello stesso dato formale alla luce degli ulteriori parametri indicativi del carattere eventualmente penale della sanzione. Per accertare la concreta natura del provvedimento e della sanzione ai fini dell’applicazione dei principi della CEDU occorre, infatti, valutare anche la natura sostanziale dell’illecito sanzionato. Essa può essere esaminata ricorrendo a fattori significativi del carattere penale della violazione (anch’essi di volta in volta elaborati dalla giurisprudenza della Corte EDU) (17) quali, ad esempio, la funzione repressiva o dissuasiva e non risarcitoria della sanzione, la comparazione della stessa con la qualificazione attribuita ad analoghi illeciti negli altri Stati firmatari della Convenzione, la provenienza dell’azione, l’entità del bene tutelato dalla norma. Ai fini della migliore qualificazione della violazione può essere, infine, necessario considerare il grado di severità della sanzione che rischia l’autore dell’illecito, tenendo conto del fatto che in uno Stato di diritto appartengono alla sfera del penalmente rilevante «[…] le privazioni della libertà personale suscettibili di essere comminate come sanzioni, eccezion fatta per quelle che per natura, durata o modalità di esecuzione non arrechino un danno apprezzabile all’agente» (18).
Applicando i criteri Engel, perciò, taluni illeciti formalmente amministrativi nell’ordinamento nazionale possono essere considerati penali per la CEDU ed, in tal caso, ad essi vanno applicati i principi riservati al diritto penale dalla Convenzione europea dei diritti dell’Uomo.
Ci si riferisce alle garanzie del giusto processo (articolo 6 della CEDU), ai principi di irretroattività sfavorevole e di retroattività favorevole (articolo 7 della CEDU) e alla garanzia del ne bis in idem (di cui all’articolo 4 del Protocollo 7 della CEDU).
Ecco allora che, per l’indirizzo maggioritario, agli illeciti formalmente amministrativi che possono essere riqualificati come penali secondo i criteri in esame va applicato il principio di irretroattività sfavorevole.
Per questa ricostruzione interpretativa, quindi, il principio di irretroattività sfavorevole dell’illecito amministrativo è affermato all’articolo 117 della Costituzione, rilevando l’articolo 7 della CEDU come parametro interposto di costituzionalità.

Segue: Il principio di retroattività favorevole

Più problematico è, invece, comprendere se per gli illeciti amministrativi operi il principio di retroattività favorevole. Al riguardo, preme fin da subito evidenziare che l’articolo 1 della legge 689 del 1981 non conosce il principio di retroattività favorevole; la disposizione se da un lato, cioè, sancisce il principio di irretroattività di sfavore, dall’altro non afferma il principio di retroattività di favore.
Il principio di retroattività in bonam è, invece, espressamente richiamato da alcune leggi settoriali che riguardano specifici illeciti amministrativi. Così, ad esempio, il decreto legislativo 472 del 1997 in materia di illeciti amministrativi tributari, all’articolo 3, esplicitamente decreta l’applicabilità agli illeciti ivi regolati del principio di retroattività di favore. Parimenti, il decreto legislativo 231 del 2001 che disciplina la responsabilità amministrativa degli Enti conosce il principio di retroattività favorevole all’articolo 3. In alcuni specifici settori, dunque, il legislatore ha sentito l’esigenza di prevedere la regola della retroattività di favore, la quale tuttavia non è sancita in generale della legge 689 del 1981.
Sicché, ci si è chiesto, in dottrina ed in giurisprudenza, se l’assenza di una disciplina generale che disponga l’applicabilità del principio di retroattività favorevole in materia di illeciti amministrativi sia o meno compatibile con la Costituzione.
Sul punto, secondo un primo indirizzo (19), la mancanza di una generale previsione che fissi l’applicabilità anche agli illeciti amministrativi del principio di retroattività favorevole non contrasta con la Costituzione. Per questa tesi (20), la regola della retroattività favorevole opera per i soli reati, i quali soli possono incidere sulla libertà personale. Del resto, anche in materia penale il principio di cui si discorre, in quanto fondato implicitamente sull’articolo 3 della Costituzione, non è inderogabile. Il legislatore penale può, al ricorrere di situazioni contingenti, disporre deroghe ed eccezioni al principio di ultrattività della legge penale di favore, purché fondate su giustificazioni costituzionalmente ragionevoli. Diversamente dal divieto di applicazione retroattiva della legge sfavorevole, infatti, la regola dell’applicazione retroattiva della legge penale di favore non è un principio supremo, immodificabile. Pertanto, secondo questa impostazione di pensiero, se il principio di retroattività favorevole persino nel diritto penale è derogabile (nel rispetto del dogma della ragionevolezza), nel diritto amministrativo, rigidamente ispirato al principio di legalità, esso non può trovare riconoscimento.
Al contrario, però, la tesi largamente maggioritaria (21) sostiene che il principio di retroattività di favore operi anche per quegli illeciti amministrativi che, secondo i citati criteri Engel, sono qualificabili come sostanzialmente penali. La posizione rinviene, allora, nell’articolo 117 della Costituzione, letto in combinato con l’articolo 7 della CEDU, anche il fondamento del principio di retroattività favorevole dell’illecito amministrativo. Il filone interpretativo in parola (22) ha, per questo, sollevato questione di legittimità costituzionale dell’articolo 1 della legge 689/1981 per contrasto con l’articolo 117 della Costituzione, nella parte in cui non prevede l’applicazione della legge successiva più favorevole agli autori di illeciti amministrativi posti in essere prima. La Corte Costituzionale (23), tuttavia, ha dichiarato non fondata la questione, ricordando che non tutti gli illeciti amministrativi sono sostanzialmente penali e, dunque, governati dall’articolo 7 della CEDU. La Corte ha, cioè, fatto proprio il principio sostenuto dall’indirizzo al vaglio ma ha escluso che l’articolo 1 della legge 689/1981 possa essere dichiarato incostituzionale una volta per tutte, dovendosi verificare invece, di volta in volta, la natura dei singoli illeciti amministrativi (24).
La pronuncia è stata, invero, criticata in dottrina (25) per la mancata dichiarazione di parziale incostituzionalità dell’articolo 1 della legge 689/1981. Una declaratoria di illegittimità costituzionale avrebbe evitato, secondo l’opinione critica, ulteriori ordinanze di remissione alla Corte ed offerto maggiori certezze applicative ed offerto maggiori certezze applicative. Al di là di tali considerazioni, resta indubitabile, comunque, il riconoscimento da parte del Giudice delle Leggi del principio di retroattività favorevole anche in relazione agli illeciti amministrativi sostanzialmente penali secondo i criteri Engel.
Naturalmente, come per il diritto penale, il principio di retroattività favorevole dell’illecito amministrativo sostanzialmente penale può essere derogato dal legislatore, purché la deroga sia ragionevole. Ne consegue che, se il legislatore interviene con una disciplina di favore sull’illecito amministrativo prevedendo, però, apposite norme transitorie che vietano l’applicazione retroattiva della legge favorevole posteriore, occorre verificare in concreto la ragionevolezza dell’eccezione. Se la norma derogatoria è fondata su una giustificazione ragionevole essa è legittima, in caso contrario, invece deve essere considerata incostituzionale quando l’illecito è sostanzialmente penale secondo i criteri Engel.
Attese le statuizioni della Corte Costituzionale, resta da chiedersi, però, come garantire l’operatività della regola della retroattività favorevole dell’illecito amministrativo quando il legislatore si limiti ad introdurre un trattamento più mite di quello precedente, senza nulla disporre in ordine alle questioni di diritto intertemporale, senza prevedere cioè norme transitorie.
Al quesito sono state fornite due differenti risposte.
La prima, che sembra essere stata suggerita dalla stessa Corte Costituzionale del 2016, propone di sollevare questione di legittimità costituzionale della legge di favore successiva nella parte in cui non prevede l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa più favorevole (26). Per questa interpretazione, quindi, è necessario rimettere al vaglio della Corte Costituzionale proprio la norma che ha modificato la sanzione amministrativa sostanzialmente penale, nella parte in cui non ha previsto l’applicazione retroattiva della disciplina di favore.
Per altri (27), al vaglio di legittimità della Corte Costituzionale potrebbe essere rimesso lo stesso articolo 1 della legge 689/1981, non tout court (avendo la Corte già respinto detta questione) ma limitatamente all’illecito amministrativo oggetto dell’intervento di modifica favorevole.
Queste ricostruzioni muovono dalla considerazione che le norme CEDU, diversamente dalle norme di diritto dell’UE, non possono essere applicate direttamente dall’organo giudicante con disapplicazione della norma interna con esse contrastante, salvo gli obblighi di interpretazione conforme.
Per una seconda interpretazione, (28) al contrario, al giudice è addirittura consentito applicare direttamente il principio di retroattività favorevole affermato all’articolo 7 della CEDU, senza previamente rimettere la questione al sindacato di legittimità della Corte Costituzionale. Ad avviso di questa tesi, in assenza di una norma nazionale di sbarramento che impedisca di dare applicazione alle regole della Convenzione, il giudice nazionale che, ricorrendo ai criteri Engel, si renda conto che l’illecito amministrativo è sostanzialmente penale, può dare diretta attuazione al principio di cui all’articolo 7 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo in via di interpretazione costituzionalmente e convenzionalmente orientata, anche nell’ottica di assicurare una migliore economia processuale.
Più complessa è invece l’ipotesi in cui il legislatore non si limiti a introdurre una disciplina di modifica favorevole ma abroghi l’illecito amministrativo, senza nulla disporre per i fatti pregressi.
Al riguardo, non è revocabile in dubbio che quando sul fatto non si è formato giudicato ovvero non è divenuto inoppugnabile il provvedimento applicativo della sanzione, la sanzione prevista dalla norma abrogata non possa essere più applicata. L’autore del fatto in sede di impugnazione potrà, ad esempio, eccepire l’abrogazione. Maggiori problemi sorgono quando la sentenza che applica la sanzione, in caso di opposizione, è passata in cosa giudicata ovvero è divenuto inoppugnabile l’atto applicativo della stessa. In detti casi, occorre comprendere se possa trovare applicazione la regola della caducazione del giudicato valevole per il diritto penale ai sensi dell’articolo 673 c.p.p. anche agli illeciti amministrativi che per la CEDU presentano natura sostanzialmente penale.
Al riguardo, la Corte EDU (29), ha in più occasioni escluso che il principio di retroattività favorevole sancito dall’articolo 7 della CEDU possa far venire meno il giudicato penale. Per i giudici di Strasburgo il principio di retroattività di favore incontra sempre il limite del giudicato, diversamente da quanto è previsto nell’ordinamento domestico. Poiché, allora, la riqualificazione dell’illecito da amministrativo a penale deve avvenire ai soli fini dell’applicazione dei principi che la CEDU riserva al diritto penale, e non di tutti i principi che nell’ordinamento nazionale sono dedicati al reato, per la lettura prevalente, in questi casi la sanzione non può venire meno.
Analoghe considerazioni sono state fatte in caso di declaratoria di incostituzionalità della norma che prevede l’illecito amministrativo. Al cospetto di tale ipotesi, ci si è chiesto se, anche all’illecito amministrativo posto in essere prima della pronuncia di incostituzionalità, possa essere applicato l’articolo 673 c.p.p. letto alla luce dell’articolo 30, comma 4, della legge 87/1953, come avviene in materia penale. Il problema naturalmente si pone per il solo caso in cui la sentenza che applica la sanzione è passata in cosa giudicata ovvero è divenuto inoppugnabile l’ordinanza ingiunzione.
Sul punto, per un orientamento interpretativo (30), anche all’illecito amministrativo che ha natura sostanzialmente penale deve applicarsi la disciplina di favore sancita per il diritto penale. Secondo questo indirizzo, tra le garanzie riservate al diritto penale dalla Convenzione europea dei diritti dell’Uomo può essere annoverato il principio di legalità, a rigore del quale la sanzione punitiva deve trovare sempre referente nella legge. Pertanto, se la legge introduttiva è incostituzionale, viene a mancare il fondamento legale dell’illecito che, dunque, deve venir meno. Per questo indirizzo, perciò, anche la garanzia della inapplicabilità della norma incostituzionale deve essere estesa agli illeciti amministrativa sostanzialmente penali. Per l’indirizzo, poi, sarebbe irragionevole applicare il principio di retroattività di favore in caso di modifica legislativa e non applicarlo quando la legge addirittura presenta un vizio originario che la rende incostituzionale.
Ad avviso di un’altra ricostruzione interpretativa (31), al contrario, la regola in parola non si applica agli illeciti amministrativi, anche se sostanzialmente penali secondo i criteri Engel. La CEDU, diversamente dal diritto domestico, non contempla infatti alcun meccanismo di revoca del giudicato in applicazione di una legge incostituzionale e, pertanto, detto principio non può trovare applicazione neanche per gli illeciti amministrativi sostanzialmente penali. La riqualificazione dell’illecito amministrativo come panale, secondo i criteri fissati dalla giurisprudenza della Corte EDU, è infatti finalizzata ad assicurare l’applicazione delle sole garanzie dettate dalla Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo e non di tutte le garanzie che l’ordinamento nazionale riserva al reato. […] «L’attrazione di una sanzione amministrativa nell’ambito della materia penale, in virtù dei menzionati criteri Engel, trascina con sé soltanto le garanzie previste dalle pertinenti disposizioni convenzionali non tutte le altre»(32). In caso contrario, infatti, l’intero sistema dell’illecito amministrativo dovrebbe essere messo in discussione atteso che, per il diritto penale nazionale, la pena può essere irrogata dal solo giudice e mai da un’Autorità amministrativa, nulla poena sine iudicio.
È invece, indiscusso che, in caso di dichiarazione di incostituzionalità di una legge di favore in materia di illecito amministrativo sostanzialmente penale, restano salvi gli effetti di favore prodotti per i fatti concomitanti, essendo questa regola diretta derivazione del principio di irretroattività sfavorevole.
Il descritto quadro di rapporti di diritto intertemporale tra leggi disciplinanti illeciti amministrativi si complica in caso di depenalizzazione.

3. La depenalizzazione

Ricorre depenalizzazione, secondo la lettura maggioritaria (33), allorquando un fatto, prima costituente reato, viene trasformato in illecito amministrativo dalla legge posteriore. La depenalizzazione è quindi il “declassamento” dell’illecito penale in illecito amministrativo, con la sostituzione della precedetene sanzione penale con una nuova sanzione amministrativa. Quando si verifica una depenalizzazione il legislatore esclude il rilievo penale di una condotta prima penalmente rilevante. La depenalizzazione dà, dunque, luogo ad un fenomeno abrogativo della legge penale a norma dell’articolo 2, comma 2, c.p. Pertanto, al fatto illecito posto in essere prima dell’intervento legislativo non potranno più essere applicate le pene previste dalla legge previgente e, se vi è stata sentenza penale di condanna, ne cessano l’esecuzione e tutti gli effetti penali. La nuova sanzione amministrativa si applicherà, invece, a tutti i fatti posti in essere dopo l’entrata in vigore della legge di depenalizzazione. È, però, controverso se, ai fatti commessi sotto il vigore della norma penale incriminatrice possa applicarsi la sanzione amministrativa introdotta dopo. La risposta all’interrogativo presuppone una preliminare distinzione tra l’ipotesi in cui il legislatore abbia previsto un regime transitorio e quella in cui difetti una norma transitoria per i fatti pregressi.
Laddove il legislatore manchi di introdurre apposita norma transitoria disponente l’applicazione della nuova sanzione amministrativa ai fatti posti in essere prima, ci si chiede se le condotte tenute all’epoca in cui il fatto costituiva reato possano o meno essere assoggettate alle nuove sanzioni amministrative, ferma l’inapplicabilità della pena precedentemente prevista. In altri termini, intervenuta una depenalizzazione, in mancanza di apposita norma sul punto, è controverso se il giudice penale, nel dichiarare che il fatto non è più previsto dalla legge come reato, sia tenuto a trasmettere gli atti alla competente autorità amministrativa affinché applichi le sanzioni amministrative introdotte in luogo della depenalizzazione o se, invece, debba limitarsi a revocare le sanzioni penali eventualmente comminate e ad adottare i conseguenti provvedimenti.
Sul punto, secondo un primo orientamento (34), ai fatti pregressi dovrebbero essere sempre applicate le sanzioni introdotte con la depenalizzazione, sul duplice ed implicito presupposto che il fatto era già illecito prima della modifica legislativa (ed invero per esso era dettata una pena) e che la sanzione amministrativa è di norma più mite della sanzione penale. Con la depenalizzazione, infatti, il legislatore non esclude ogni rilevanza del fatto ma si limita a trasformarlo in un illecito amministrativo. Si ritiene, allora, che in simili ipotesi venga a mancare la ratio di tutela della libertà di autodeterminazione del soggetto cui è ispirato il principio di irretroattività sfavorevole. Si osserva, inoltre, che la soluzione opposta sarebbe contraria ai principi di giustizia sostanziale e ragionevolezza, lasciando impunito il fatto commesso nel tempo in cui era valutato più gravemente dall’ordinamento giuridico e punendolo al tempo in cui è considerato un mero illecito amministrativo (35). La tesi in parola fa, inoltre, leva sul disposto degli articoli 40 e 41 della citata legge 689/1981 per affermare la regola della generale applicazione retroattiva delle sanzioni amministrative introdotte in presenza di una depenalizzazione (36). Gli articoli in questione, infatti, prevedono l’applicazione delle sanzioni amministrative ivi previste ai fatti precedenti alla depenalizzazione e, per l’orientamento in commento, hanno portata generale e si applicano a tutte le ipotesi di depenalizzazione. In questo senso, per l’indirizzo al vaglio, (37) la depenalizzazione costituisce una sorta di impropria successione modificativa della legge nel tempo ex articolo 2, comma 4, c.p. al cui ricorrere deve sempre applicarsi la disciplina successiva in quanto più favorevole per l’autore del fatto.
Va, però, evidenziato che un diverso orientamento dottrinale e giurisprudenziale (38) giunge a conclusioni diametralmente opposte. Per l’orientamento di cui si discorre (39), con la depenalizzazione non si assiste ad una degradazione dell’illecito penale in illecito amministrativo ma ad un’abrogazione del reato con contestuale introduzione di un nuovo e autonomo illecito amministrativo. Per questa posizione, cioè, con la depenalizzazione il legislatore non si limita a trasformare un reato in illecito amministrativo ma introduce un nuovo illecito. Ad avviso di questa interpretazione, perciò, all’illecito oggetto dell’intervento legislativo, da un lato non possono applicarsi, per effetto dell’intervenuta abolitio criminis, le sanzioni penali previste dalla precedente legge e, dall’altro, non possono essere applicate le sanzioni amministrative di nuova introduzione in quanto inapplicabili retroattivamente. Secondo questa linea di pensiero, poi, dagli articolo 40 e 41 della legge 689/1981 non può ricavarsi una regola generale valevole in ogni caso di depenalizzazione, sia perché dai lavori preparatori della legge non parrebbe desumibile l’intenzione del legislatore di dare a tali articoli valenza generale, sia perché successive leggi di depenalizzazione si sono munite di disposizioni transitorie di analogo contenuto, della cui necessità di sarebbe potuto fare a meno se tali norme fossero state applicabili (40). Anzi, proprio tali disposizioni inducono l’indirizzo al vaglio a ritenere che, solo ove espressamente previsto, le sanzioni amministrative introdotte in luogo di una depenalizzazione possono ritenersi applicabili retroattivamente, non negli altri casi. D’altronde, la riqualificazione dell’illecito amministrativo come penale secondo le norme CEDU è consentita solo in bonam partem, ritenere invece in detti casi l’illecito sostanzialmente penale, e perciò soggiacente alle regole di cui alla CEDU, finisce per rendere applicabile una disciplina in concreto sfavorevole per il soggetto. A valore applicare la regola della retroattività favorevole, infatti, si giunge a comminare una sanzione amministrativa, laddove al contrario il soggetto resterebbe impunito. La tesi conclude, dunque, per l’inapplicabilità delle sanzioni amministrative, in assenza di apposita norma sul punto, ai fatti precedenti anche se commessi al vigore della legge penale, con la conseguente impunità dei relativi autori (41).
Non è raro, però, come si è detto, che il legislatore in sede di depenalizzazione predisponga norme transitorie volte a consentire l’applicazione della nuova sanzione amministrativa ai fatti pregressi, commessi sotto la vigenza della legge penale. In dottrina ed in giurisprudenza, al riguardo, ci si è domandato se tali norme, nella misura in cui derogano al principio di irretroattività sfavorevole, siano costituzionalmente legittime Al riguardo, secondo un primo orientamento (42), tali disposizioni sono da considerarsi sempre legittime essendo la sanzione amministrativa più favorevole della pregressa pena. Per questa lettura, poi, il principio di irretroattività sfavorevole in materia di illecito amministrativo non è costituzionalizzato e, dunque, è derogabile (43). In ogni caso, avverte questa interpretazione, in presenza di una depenalizzazione difetta comunque la ratio sottesa al principio di irretroattività sfavorevole: se l’agente ha commesso il fatto sotto il vigore della più severa sanzione penale è indubitabile che lo avrebbe commesso anche in presenza di una più mite sanzione amministrativa.
Un più recente orientamento di pensiero (44), al contrario, ha osservato come le sanzioni amministrative, se in astratto e sotto un profilo meramente nominalistico, possono ritenersi meno gravi dell’illecito penale e della relativa sanzione, in concreto potrebbe essere vero il contrario.
Certamente, in linea di principio, la sanzione penale è più severa della sanzione amministrativa; anche la semplice sanzione penale pecuniaria (mula o ammenda) è di regola più afflittiva della sanzione amministrativa, essa sola potendo essere convertita in sanzione limitativa della libertà personale in caso di incapienza del patrimonio. Solo la sanzione penale, e non anche la sanzione amministrativa, può determinare infatti una compressione della libertà del soggetto (fatta eccezione per la sanzione amministrativa dell’espulsione dello straniero dal territorio dello Stato (45)).Le pena produce, inoltre, conseguenze stigmatizzanti sulla condotta umana tenuta dal soggetto, effetti di cui di regola è priva la sanzione amministrativa (46).
Se questo è vero, tuttavia, anche la sanzione amministrativa può risultare in concreto fortemente punitiva, in misura uguale se non addirittura maggiore della sanzione penale. Ci si riferisce, ovviamente, agli illeciti amministrativi riqualificabili come penali secondo i criteri Engel. Potrebbe, pertanto, accadere che la sanzione amministrativa introdotta in luogo della depenalizzazione sia di fatto più severa della pregressa pena. In tal caso, risultando la stessa sostanzialmente penale (anche in coerenza con il principio che fa del diritto penale l’extrema ratio) l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa posteriore può finire per contrastare con il principio di irretroattività sfavorevole. Per questa impostazione ermeneutica, dunque, in presenza di una depenalizzazione occorre valutare di volta in volta se la sanzione amministrativa di nuova introduzione sia in concreto più mite della precedente sanzione penale, dovendosi certamente escludere l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa ove più sfavorevole della precedente pena. In questi casi, anzi, è d’uopo rimettere la questione di legittimità della norma transitoria alla Corte Costituzionale per contrarietà con l’articolo 117 della Costituzione, nella parte in cui elude l’applicazione del canone dell’articolo 7 della CEDU.
La soluzione descritta è stata valorizzata dalla Corte Costituzionale con la pronuncia n. 223 del 2018 in materia di insider trading secondario. Come è noto, la disciplina dell’insider trading è stata oggetto di frequenti interventi legislativi nel tempo, per lo più a recepimento di direttive dell’UE (47). Le più importanti modifiche che hanno interessato la figura nel nostro ordinamento sono state però quelle apportate dalle riforme del 2005 e del 2018, con cui il legislatore ha depenalizzato l’illecito di insider trading secondario introducendo una serie di sanzioni amministrative, espressamente applicabili anche ai fatti pregressi (nonché applicabili, in aggiunta alle sanzioni penali, agli autori del reato di insider trading primario). Le sanzioni amministrative previste dalle leggi di depenalizzazione, però, sono risultate fortemente repressive ed incidenti sui diritti del destinatario. L’illecito di insider trading secondario è stato, infatti, assoggettato a sanzioni amministrative pecuniarie di elevatissimo ammontare (48), nonché a sanzioni interdittive, accompagnate dalla confisca non solo diretta ma anche per equivalente del prodotto e del profitto dell’illecito, in aggiunta alla pubblicazione della sentenza sui siti istituzionali della Banca d’Italia e della Consob (con conseguente effetto stigmatizzante). Diversamente dall’autore del reato di insider trading primario, l’autore dell’illecito di insider trading secondario, a seguito della depenalizzazione del 2005, evidenzia la Corte Costituzionale, non può beneficiare della sospensione condizionale della pena né, ratione temporis, avrebbe potuto godere dell’indulto previsto dalla legge 31 luglio 2006, n. 241. Investita della questione di legittimità della norma transitoria disponente l’applicazione retroattiva delle sanzioni amministrative successive, la Corte Costituzionale ha chiarito che le nuove sanzioni amministrative risultano in sostanza più afflittive delle sanzioni penali pregresse. Per questo, il Giudice delle Leggi ha dichiarato la parziale incostituzionalità della disciplina dell’insider trading nella parte in cui prevede l’applicazione ai fatti precedenti della sanzione amministrativa introdotta con la depenalizzazione. Invero, la pronuncia della Corte Costituzionale ha ad oggetto la sola sanzione della confisca per equivalente, unico profilo di legittimità rimessole dal giudice a quo. Essa è, tuttavia, destinata ad essere apprezzata in senso più ampio, in relazione a tutte le ipotesi di depenalizzazione. La Corte sembra affermare che, sebbene tendenzialmente la sanzione amministrativa sia più mite della pena penale, la maggiore afflittività della prima rispetto alla seconda non può essere esclusa, atteso che l’illecito formalmente amministrativo può celare una natura sostanzialmente penale secondo i criteri Engel. In simili casi, allora, la norma disponente l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa posteriore è da ritenersi incostituzionale. In tale ultima ipotesi, resta fermo però che  ai fatti pregressi, a cui è inapplicabile la sanzione amministrava di nuova introduzione più gravosa della precedente pena, sia inapplicabile anche la pregressa sanzione penale oggetto di abolitio criminis.
Il superamento della presunzione assoluta di maggior favore della sanzione amministrativa rispetto alla sanzione penale è stato recentemente recepito dallo stesso legislatore penale, in occasione della depenalizzazione operata dal D.lgs. n.8/2016. L’articolo 8, comma 1, di tale disposizione (49), infatti, ha previsto l’applicazione retroattiva delle nuove sanzioni amministrative ai fatti pregressi solo a condizione che si svelino più favorevoli delle precedenti pene. Naturalmente, la norma si riferisce ai soli illeciti amministrativi ivi depenalizzati e non ha carattere generale. Essa è, nondimeno, sintomatica del consolidarsi della nuova e più garantista lettura sviluppatasi intorno alle sanzioni amministrative inserite in un intervento di depenalizzazione.
Segue: La depenalizzazione della sanzione accessoria
Diverso da quanto finora esposto, è il fenomeno che si verifica allorquando il legislatore depenalizza la sola sanzione accessoria prevista per un reato. In tal caso, il reato resta tale perché ad essere sostituita con una sanzione amministrativa non è la pena principale ma quella accessoria. Si pensi alla norma con cui il legislatore ha reso sanzione amministrativa la confisca del veicolo per guida in stato di ebbrezza (50). In dette ipotesi, ci si chiede se operi o meno quanto finora affermato per la depenalizzazione del reato. Ovviamente, se il legislatore ha introdotto una norma transitoria che disponga l’applicazione retroattiva della sanzione amministrativa, non sussistono problemi di diritto intertemporale. Quando però manca una norma transitoria, potrebbe ipotizzarsi l’applicabilità della stessa regola prevista per la depenalizzazione del reato in assenza di apposita previsione, con la conseguenza che la sanzione amministrativa non potrebbe più essere applicata ai fatti pregressi. Poiché, però, in detti casi non si assiste ad una depenalizzazione dell’illecito ma della sola sanzione accessoria, non è da escludere l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria anche i fatti accaduti prima.

4. La penalizzazione

Solo un cenno merita, infine, l’ipotesi inversa in cui ad un illecito amministrativo il legislatore sostituisca un reato (cd. penalizzazione). In questo caso, certamente il reato di nuova introduzione non può essere applicato retroattivamente a norma dell’articolo 25 della Costituzione e dell’articolo 2, comma 1 c.p. Ai fatti posti in essere prima della nuova incriminazione, quindi, continueranno ad essere applicate le sanzioni amministrative vigenti all’epoca della commissione del fatto. A ben guardare, però, potrebbe prospettarsi una soluzione differente nel caso in cui l’illecito penalizzato si presenti, già prima del formale intervento legislativo, sostanzialmente penale secondo i criteri Engel. In tale caso, infatti, potrebbero essere applicate le normali regole operanti per il diritto penale in presenza di una successione di leggi nel tempo. Così, se il nuovo reato è più mite della sanzione amministrativa precedente, ai fatti commessi prima della penalizzazione ma non ancora definiti, potrebbero essere applicate le sanzioni penali successive in virtù del principio di retroattività favorevole.


Note

1 Vedi: R. Giovagnoli, M. Fratini, Le sanzioni amministrative. Raccolta completa commentata con dottrine e giurisprudenza, Giuffrè Editore, Milano, 2009.
2 G. Rossi, Principi di Diritto Amministrativo, pag.345, IV ed., Giappichelli, Torino 2020.
3 G.Ripa, A. Lattanzi, Le sanzioni amministrative. La tipologia delle disposizioni sanzionatorie: da quelle proprie alle improprie, pag. 1, inserto in ItaliaOggi7 del 14 Maggio 2018.
4 E. De Mita, Interesse fiscale e tutela del contribuente: le garanzie costituzionali, pag.121, Giuffrè editore, Milano 2006.
5 C.E. Paliero, A. Travi, La sanzione amministrativa, Profili sistematici, pagg. 181 e ss., Milano, 1988.
6 A meno di non voler ritenere il principio non revisionabile, ai sensi dell’articolo 139 della Costituzione, anche per gli illeciti amministrativi, come è previsto in materia penale.
7 Ci si riferisce a F. Mantovani, Diritto penale. Parte generale, pagg. 952 e 953, Cedam,X ed.2017.
8 In questo senso, v. Corte Costituzionale, 23 ottobre 2018, n. 223.
9 Così, Corte Costituzionale, 4 Giugno 2010, n. 196.
10 Sul punto, G. De Vero, Corso di diritto penale, vol. I, 2a ed., pag.49, Torino, 2012
11 Tribunale ordinario di Varese, ordinanza del 9 febbraio 2016, n. 90.
12 M.A. Sandulli, Le sanzioni amministrative pecuniarie. Principi sostanziali e procedimentali, pag. 3, Napoli, 1983.
13 In questo senso, v. Corte Costituzionale, 23 settembre 2021, n.185.
14 Corte Costituzionale, 23 ottobre 2018, n. 223.
15 Corte eur. dir. uomo, Plenaria, 8 giugno 1976, caso n. 5100/71, Engel and Others v. the Netherlands, in tema di sanzioni detentive disciplinari-militari.
16 Per una ricostruzione completa cfr. S. Cimini, Il potere sanzionatorio delle amministrazioni pubbliche, Editoriale Scientifica, Napoli 2017.
17 Corte eur. dir. uomo, Plenaria, 21 febbraio 1984, caso n. 8544/79, Öztürk v. Germany;Corte eur. dir. uomo, sez. II, 4 marzo 2014, casi nn. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10 e 18698/10, Grande Stevens and Others v. Italy.
18 Corte EDU Grande Stevens and Others v. Italy
19 F. Mantovani, Diritto penale. Parte generale, pag 953,cit.; Corte Costituzionale 193/16; E. Casetta, (voce) Sanzione Amministrativa, in Dig. pubbl., vol. XII, pag. 601, Torino, 1997.
20 Corte Costituzionale, sentenza 68/84.
21 Si vedano: M. Scoletta, Materia penale e retroattività favorevole: il ‘caso’ delle sanzioni amministrative, in Giur. cost., 2016, p. 115 ss; N. Mazzacuva, Le pene nascoste. Topografia delle sanzioni punitive e modulazione dello statuto garantistico, cap. II, Giappichelli, 2017; Corte Costituzionale, sentenza 63/2019.
22 Ci si riferisce al Tribunale ordinario di Como che, con l’ordinanza del 27 marzo 2015, ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge 24 novembre 1981, n. 689 nella parte in cui non prevede l’applicazione all’autore dell’illecito amministrativo della legge successiva più favorevole.
23 Corte Costituzionale, sentenza del 27 Luglio 2016, n. 193.
24 M. Galdi, La Corte esclude ancora l’estensione generalizzata alle sanzioni amministrative dell’applicazione retroattiva del trattamento più favorevole, ma apre la porta a valutazioni caso per caso, in Osservatorio Costituzionale dell’AIC, fasc. 3/2016.
25 P. Provenzano, Sanzioni amministrative e retroattività in mitius: un timido passo in avanti, in Dir. pen. cont – Riv. trim. n. 3/2016.
26 M. Galdi, La Corte esclude ancora l’estensione generalizzata alle sanzioni amministrative dell’applicazione retroattiva del trattamento più favorevole, ma apre la porta a valutazioni caso per caso,pag. 5 cit.;
27 Si veda A. Pisaneschi, Le sanzioni amministrative della Consob e della Banca d’Italia: gli indirizzi delle giurisdizioni sovranazionali e le problematiche applicative interne, pagg. 81 ss, in Riv. Trim Dir. Economia, (Supplemento 2) 2020.
28 A. Chibelli, La problematica applicabilità del principio di retroattività favorevole alle sanzioni amministrative, in Dir. pen. cont – Riv. trim., n. 3/2016.
29 Tra le altre, Corte edu, 1 marzo 2006, Sejdovi c. Italia; Corte edu, 17 settembre 2009, Scoppola c. Italia.
30 Trib. Milano, g.i.p. dott. Crepaldi, ordinanza del 4 febbraio 2020 che ha rimesso la questione alla Corte costituzionale. La questione di legittimità sollevata dal Tribunale in parola è stata accolta dalla Corte Costituzionale con la recente sentenza del 16 aprile 2021, n. 68, nondimeno il Giudice delle leggi ha accolto la censura di legittimità prospettata dal remittente con primario e specifico riferimento all’art. 3 Cost. (con conseguente assorbimento delle censure relative agli altri parametri invocati), cioè rilevando la irragionevole disparità di trattamento (rispetto alla generale revocabilità di sanzioni illegittime a carattere punitivo).
31 Corte Costituzionale, sentenza del 10 gennaio 2017 n. 43.
32 Corte Costituzionale, sentenza del 10 gennaio 2017 n. 43.
33 F. Bricola, La depenalizzazione nella legge 689/1981: una svolta reale nella politica criminale? , in Pol. dir., 1982, pag. 359. L’autore distingue in proposito la ‘depenalizzazione’ intesa come trasformazione dell’illecito da penale in amministrativo dalla ‘decriminalizzazione’ intesa come “procedimento dal quale non residua alcuna forma di illiceità”.
34 Corte Costituzionale, sentenza n. 223 del 2018.
35 Corte di Cassazione, seconda sezione penale, sentenza n. 7180 del 2006.
36 Corte di Cassazione, S.U., sentenza 15629/2009
37 D. Bianchi, Il problema della “successione impropria”: un’occasione di (rinnovata?) riflessione sul sistema del diritto punitivo, pagg. 323 ss in Riv. it. Dir. e proc. Pen., 2014.
38 Corte Costituzionale, sentenza del 25 novembre 2018 n. 223. Vedi: G.L. Gatta, Non sempre ‘depenalizzazione’ equivale a ‘mitigazione’. La Corte Costituzionale sull’irretroattività delle sanzioni amministrative ‘punitive’ più sfavorevoli di quelle penali (a proposito della confisca per equivalente per l’insider trading secondario ) in Dir. pen. cont – Riv. Trim., 27/1/2019.
39 Corte di Cassazione, S.U., sentenza n. 25457 del 2012.
40 Corte di Cassazione, S.U., sentenza n. 25457 del 2012.
41 Sulla possibilità che si diano siffatti vuoti di tutela, cfr. G.L. Gatta, Non sempre ‘depenalizzazione’ equivale a ‘mitigazione’, cit., pag. 8.
42 Corte Costituzionale, sentenza n. 68 del 2017.
43 Corte Costituzionale, sentenza 68/1984.
44 Corte Costituzionale, sentenza del 5 dicembre 2018 n. 223.
45 Sulla natura amministrativa di questa sanzione, Corte Costituzionale ordinanza n. 369/1999.
46 In questi termini, ancora Corte Costituzionale, sentenza del 5 dicembre 2018 n. 223.
47 La prima regolamentazione della fattispecie criminosa dell’insider trading in Italia risale ai primi anni del 1990 con la promulgazione della Legge n. 157 del 1991 introdotta in recepimento della c.d. direttiva comunitaria i nsider trading (direttiva 89/592/CEE del Parlamento europeo e del Consiglio del 13 novembre 1989). Tale norma ha incriminato per la prima volta l’abuso di informazioni privilegiate e di comunicazione illecita di informazioni privilegiate posto in essere sia da coloro che siano entrati in possesso dell’informazione in ragione dell’attività svolta nella società sia da coloro che abbiano direttamente o indirettamente ottenuto informazioni, consapevoli del carattere riservato delle stesse, da soggetti che dette informazioni posseggano in ragione dell’esercizio della loro funzione, professione o ufficio. La legge dell’insider trading ha, quindi, da subito operato un distinguo tra coloro che hanno acquisito informazioni segrete in ragione della qualità rivestita o dell’attività svolta nell’organigramma aziendale (c.d. insiders primari) e coloro che siano venuti a conoscenza dell’inside information in via mediata, a seguito di una comunicazione volontaria da parte di un insider primario ovvero mediante altre forme di acquisizione passiva o casuale (c.d. insiders secondari). Per entrambi la Legge n. 157 del 1991 prevedeva la reclusione fino ad un anno e la multa da dieci milioni a trecento milioni di lire, lasciando inoltre la facoltà al giudice competente di aumentare la multa fino al triplo quando, per la rilevante gravità del fatto, essa potesse ritenersi inadeguata anche se applicata nel massimo. La fattispecie delittuosa è stata poi modificata nel 1998 con l’entrata in vigore del TUF, il quale ha inasprito il regime sanzionatorio prescritto per il fatto di reato in questione, aumentando la pena detentiva da uno a due anni di reclusione e raddoppiando l’ammontare della pena pecuniaria sia nel minimo che nel massimo edittale. Ma la più significativa innovazione alla disciplina dell’istituto è stata apportata nel 2005 dalla Legge di recepimento della direttiva 2003/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2003 per mezzo della quale sono state introdotte nel TUF due distinte figure di insider trading: quella penalmente rilevante, disciplinata dell’articolo 184, e quella, nuova, di illecito amministrativo, prevista dall’articolo 187 bis. In particolare, il legislatore del 2005, nell’innovare la normativa dell’abuso di informazioni privilegiate, ha depenalizzato la condotta abusiva dell’insider secondario prevedendo, all’articolo
187 bis del TUF, per tali fatti, esclusivamente sanzioni amministrative. Nondimeno, le stesse sanzioni
amministrative sono state estese altresì all’insider primario in aggiunta a – e non in sostituzione di- quelle penali. Parallelamente, la Legge del 18 aprile 2005, n. 62, ha ampliato la platea degli insiders primari includendo in tale categoria il c.d. criminal insider, per esso intendendosi colui che, entrato in possesso delle informazioni privilegiate «a motivo della preparazione o esecuzione di attività delittuose», compia taluna delle azioni di insider trading incriminate. La riforma del 2005, quindi, ha introdotto un doppio sistema di sanzioni, caratterizzato da sanzioni penali (articolo 184 T.U.F.) e da sanzioni amministrative (articolo 187 bis T.U.F.) per l’insider primario (insider diretto e criminal insider) e ha depenalizzato la condotta di abuso di inside information dell’insider secondario. La normativa dell’abuso di informazioni privilegiate e di comunicazione illecita di informazioni privilegiate è stata, infine, ulteriormente modificata nel 2018, con il decreto legislativo 107 in adeguamento alle modifiche apportate a livello comunitario alla disciplina degli abusi di mercato dal regolamento MAR che ha significativamente inasprito le sanzioni. Per un approfondimento si veda: F. Mucciarelli, L ’abuso di informazioni privilegiate: delitto e illecito amministrativo, pagg. 1466 e ss., in Dir.pen. e processo, 2005.
48 L’articolo 187 bis del T.U.I.F. dispone, oggi, una sanzione amministrativa compresa tra ventimila Euro e cinque milioni di Euro, aumentabili ai sensi del comma 5 dello stesso articolo fino al triplo (e dunque fino a quindici milioni di Euro) o fino al maggiore importo di dieci volte il profitto conseguito ovvero le perdite evitate per effetto dell’illecito.
49 Tale comma recita “le disposizioni del presente decreto che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative si applicano anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto stesso, sempre che il procedimento penale non sia stato definito con sentenza o con decreto divenuti irrevocabili”.
50 Legge 29 luglio 2010 n. 120.

Bibliografia

Bianchi D., Il problema della “successione impropria”: un’occasione di (rinnovata?) riflessione sul sistema del diritto punitivo, in Riv. it. Dir. e proc. Pen., 2014. 1997.
Bricola F., La depenalizzazione nella legge 689/1981: una svolta reale nella politica criminale?, in Pol. Dir., 1982. Casetta E., (voce) Sanzione Amministrativa, in Dig. pubbl., vol. XII, Torino,
Chibelli A. , La problematica applicabilità del principio di retroattività favorevole alle sanzioni amministrative, in Dir. pen. cont – Riv. trim., n. 3/2016.
Cimini S., Il potere sanzionatorio delle amministrazioni pubbliche, Napoli, Editoriale Scientifica, 2017, pagine 544.
De Mita E. Interesse fiscale e tutela del contribuente: le garanzie costituzionali,Milano, Giuffrè editore, 2006.pagine 657.
De Vero G., Corso di diritto penale, vol. I, Torino, Giappichelli, II ed., 2012, pagine 718.
Galdi M., La Corte esclude ancora l’estensione generalizzata alle sanzioni amministrative dell’applicazione retroattiva del trattamento più favorevole, ma apre la porta a valutazioni caso per caso, in Osservatorio Costituzionale dell’AIC, fasc. 3/2016.
Gatta G.L., Non sempre ‘depenalizzazione’ equivale a ‘mitigazione’. La Corte Costituzionale sull’irretroattività delle sanzioni amministrative ‘punitive’ più sfavorevoli di quelle penali (a proposito della confisca per equivalente per l’insider trading secondario) in Dir. pen. cont – Riv. Trim., 27/1/2019.
Giovagnoli R. Fratini M. Le sanzioni amministrative. Raccolta completa commentata con dottrine e giurisprudenza,, Milano, Giuffrè Editore, 2009, pagine LXIV-3208.
Mantovani F., Diritto penale. Parte generale, Milano, Cedam, X ed., 2017, pagine 980.
Mazzacuva N., Le pene nascoste. Topografia delle sanzioni punitive e modulazione dello statuto garantistico, cap.II, Torino, Giappichelli, 2017, pagine 417.
Mucciarelli F., L’abuso di informazioni privilegiate: delitto e illecito amministrativo, in Dir.pen. e processo, 2005. Paliero C.E., Travi A., La sanzione amministrativa, Profili sistematici, Milano, Giuffrè Editore, 1988, pagine 356.
Pisaneschi A., Le sanzioni amministrative della Consob e della Banca d’Italia: gli indirizzi delle giurisdizioni sovranazionali e le problematiche applicative interne, in Riv. Trim Dir. Economia, (Supplemento 2) 2020.
Provenzano P., Sanzioni amministrative e retroattività in mitius: un timido passo in avanti, in Dir. pen. cont – Riv. trim. n. 3/2016.
Ripa G., Lattanzi A., Le sanzioni amministrative. La tipologia delle disposizioni sanzionatorie: da quelle proprie alle improprie, inserto in ItaliaOggi7 del 14 Maggio 2018, pagine 12.
Rossi G., Principi di Diritto Amministrativo, Torino, Giappichelli, IV ed., 2020, pagine 544.
Sandulli M.A., Le sanzioni amministrative pecuniarie. Principi sostanziali e procedimentali, Napoli, Jovene, 1983, pagine 276 .
Scoletta M., Materia penale e retroattività favorevole: il ‘caso’ delle sanzioni amministrative, in Giur. Cost., 2016.

Giurisprudenza
Corte Europea dei diritti dell’Uomo, Plenaria, 8 giugno 1976, caso n. 5100/71, Engel and Others v. the Netherlands.
Corte Europea dei diritti dell’Uomo, Plenaria, 21 febbraio 1984, caso n. 8544/79, Öztürk v. Germany. Corte Costituzionale, sentenza del 14 Marzo 1984, n. 68.
Corte Costituzionale ordinanza del 28 Luglio 1999, n.369.
Corte Europea dei diritti dell’Uomo, 1 marzo 2006, Sejdovi c. Italia. Corte di Cassazione, Seconda Sezione penale, sentenza n. 7180 del 2006. Corte di Cassazione, S.U., sentenza del 10 Aprile 2009, n. 15629.
Corte Europea dei diritti dell’Uomo, 17 settembre 2009, Scoppola c. Italia. Corte Costituzionale, sentenza del 4 Giugno 2010, n. 196.
Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 25457 del 2012
Corte Europea dei diritti dell’Uomo sez. II, 4 marzo 2014, casi nn. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10, 18698/10, Grande Stevens and Others v. Italy.
Tribunale ordinario di Como, ordinanza del 27 marzo 2015 Tribunale ordinario di Varese, ordinanza del 9 febbraio 2016, n. 90. Corte Costituzionale, sentenza del 27 Luglio 2016, n. 193.
Corte Costituzionale, sentenza del 10 gennaio 2017 n. 43 Corte Costituzionale, sentenza del 07 Febbraio 2017, n.68. Corte Costituzionale, 23 ottobre 2018, n. 223.
Corte Costituzionale, sentenza del 21 Marzo 2019, n. 63.
Tribunale di Milano, g.i.p. dott. Crepaldi, ordinanza del 4 febbraio 2020. Corte Costituzionale, 23 settembre 2021, n.185.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747