Il patto di famiglia per anticipare la successione dell’imprenditore

Patto di famiglia eredità

Le aziende italiane frequentemente sono a conduzione familiare e per agevolare il “passaggio generazionale”, nel 2006 nel codice civile è stato introdotto il “contratto di patto di famiglia” all’articolo 768-bis.

Il patto di famiglia è un contratto, stipulato necessariamente per atto pubblico,  con cui l’imprenditore anticipa la propria successione per quanto riguarda il trasferimento della proprietà dell’azienda o di partecipazioni societarie ai discendenti, per garantire la continuità familiare nella gestione dei propri affari.

Indice
1. I soggetti coinvolti
2. Scioglimento del patto
3. Impugnazione del contratto di patto di famiglia

I soggetti coinvolti

Al contratto devono partecipare tutti quei soggetti che sarebbero legittimari se, in quel momento, si aprisse la successione testamentaria dell’imprenditore, quindi il coniuge dell’imprenditore ed eventuali figli.

I beneficiari del patto, detti “assegnatari”, devono liquidare il coniuge e i legittimari  con una somma il cui valore viene imputato alla quota di legittima, anticipando così l’eredità.

 La liquidazione può avvenire anche con un contratto successivo, purché collegato al patto di famiglia e con la presenza degli stessi partecipanti.

Scioglimento del patto

Il contratto con il quale viene stipulato il patto di famiglia può essere sciolto o modificato con un nuovo patto o, se il contratto lo prevede, con l’esercizio del diritto di recesso da parte di un partecipante al patto.

 Scioglimento e modifica richiedono la necessaria partecipazione dei medesimi soggetti coinvolti nel primo patto di famiglia.

Impugnazione del contratto di patto di famiglia

Una peculiarità del contratto di patto di famiglia è che quanto ricevuto dal coniuge e dai legittimari non può essere oggetto di collazione o di un’azione di riduzione

L’azione di annullamento del patto è esperibile da ciascun partecipante (quindi non solo da parte del coniuge o dei legittimari, ma anche da parte dell’imprenditore o dei figli assegnatari), ma entro il termine prescrizionale di un anno. 

 Se il coniuge o alcuni legittimari non partecipano al patto di famiglia, in caso di morte dell’imprenditore , i soggetti esclusi possono chiedere ai figli assegnatari la corresponsione della somma dovuta a titolo di liquidazione più gli interessi legali: se i figli non versano tale somma, il patto di famiglia può essere impugnato, sempre nel breve termine di un anno.

patto di famiglia eredità

Le aziende italiane frequentemente sono a conduzione familiare e per agevolare il “passaggio generazionale”, nel 2006 nel codice civile è stato introdotto il “contratto di patto di famiglia” all’articolo 768-bis.

Il patto di famiglia è un contratto, stipulato necessariamente per atto pubblico,  con cui l’imprenditore anticipa la propria successione per quanto riguarda il trasferimento della proprietà dell’azienda o di partecipazioni societarie ai discendenti, per garantire la continuità familiare nella gestione dei propri affari.

Indice
1. I soggetti coinvolti
2. Scioglimento del patto
3. Impugnazione del contratto di patto di famiglia

I soggetti coinvolti

Al contratto devono partecipare tutti quei soggetti che sarebbero legittimari se, in quel momento, si aprisse la successione testamentaria dell’imprenditore, quindi il coniuge dell’imprenditore ed eventuali figli.

I beneficiari del patto, detti “assegnatari”, devono liquidare il coniuge e i legittimari  con una somma il cui valore viene imputato alla quota di legittima, anticipando così l’eredità.

 La liquidazione può avvenire anche con un contratto successivo, purché collegato al patto di famiglia e con la presenza degli stessi partecipanti.

Scioglimento del patto

Il contratto con il quale viene stipulato il patto di famiglia può essere sciolto o modificato con un nuovo patto o, se il contratto lo prevede, con l’esercizio del diritto di recesso da parte di un partecipante al patto.

 Scioglimento e modifica richiedono la necessaria partecipazione dei medesimi soggetti coinvolti nel primo patto di famiglia.

Impugnazione del contratto di patto di famiglia

Una peculiarità del contratto di patto di famiglia è che quanto ricevuto dal coniuge e dai legittimari non può essere oggetto di collazione o di un’azione di riduzione

L’azione di annullamento del patto è esperibile da ciascun partecipante (quindi non solo da parte del coniuge o dei legittimari, ma anche da parte dell’imprenditore o dei figli assegnatari), ma entro il termine prescrizionale di un anno. 

 Se il coniuge o alcuni legittimari non partecipano al patto di famiglia, in caso di morte dell’imprenditore , i soggetti esclusi possono chiedere ai figli assegnatari la corresponsione della somma dovuta a titolo di liquidazione più gli interessi legali: se i figli non versano tale somma, il patto di famiglia può essere impugnato, sempre nel breve termine di un anno.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747