Il Governo studia le restrizioni anti-contagio che saranno adottate dopo il 7 gennaio.

Il periodo natalizio è giunto quasi al termine e il Governo è già a lavoro per capire quali saranno le restrizioni che caratterizzeranno il periodo post festivo al fine di contenere il contagio.

Giuseppe conte

Ricordiamo che oggi 4 gennaio l’Italia intera è in zona arancione, il 5 e il 6 si tingerà nuovamente di rosso. Ma quali saranno le misure in vigore dal 7 gennaio?

Il rapporto tra il numero dei positivi e il numero dei tamponi effettuati è nuovamente in rialzo e il Governo è già a lavoro per capire quali saranno le misure più idonee a riportare l’indice di trasmissibilità RT a valori più contenuti.

I dati relativi ai contagi all’alba del nuovo anno non sono per nulla promettenti e l’obiettivo è quello di evitare un nuovo picco.

A tal proposito, il Governo sta valutando due alternative:

  • prorogare le misure attualmente in vigore fino al 15 gennaio. Questa ipotesi vedrebbe la nazione tutta in zona gialla ma con importanti restrizioni: bar e ristoranti chiusi e limitazioni sugli spostamenti tra regioni e comuni.
  • tornare in zona gialla il 7 e 8 gennaio, in zona arancione il 9 e 10 gennaio. Successivamente, sulla base del numero dei contagi locali, si procederà con l’assegnazione dei colori regione per regione con restrizioni attinenti al livello di gravità.

Sempre in ragione dell’aumento dei contagi, l’esecutivo sta valutando la possibilità di abbassare di 0,25 le soglie valori di Rt (indice di trasmissibilità) che decretano il colore delle regioni.

L’ipotesi è quella di assegnare il colore arancione quando l’indice di trasmissibilità regionale Rt è superiore all’1 (invece dell’attuale 1,25) e compreso nell’intervallo di 1,25 e assegnare il colore rosso quando supera l’1,25 (invece dell’attuale 1,50).

Il rapporto tra positivi e tamponi effettuati è cresciuto del 6.7% rispetto allo scorso 23 novembre e quello che preoccupa gli esperti è che la curva possa risalire rapidamente. L’auspicio di tutti è quello di evitare una terza ondata. Saranno sufficienti le misure che il Governo adotterà nei prossimi giorni?

giuseppe conte

Ricordiamo che oggi 4 gennaio l’Italia intera è in zona arancione, il 5 e il 6 si tingerà nuovamente di rosso. Ma quali saranno le misure in vigore dal 7 gennaio?

Il rapporto tra il numero dei positivi e il numero dei tamponi effettuati è nuovamente in rialzo e il Governo è già a lavoro per capire quali saranno le misure più idonee a riportare l’indice di trasmissibilità RT a valori più contenuti.

I dati relativi ai contagi all’alba del nuovo anno non sono per nulla promettenti e l’obiettivo è quello di evitare un nuovo picco.

A tal proposito, il Governo sta valutando due alternative:

  • prorogare le misure attualmente in vigore fino al 15 gennaio. Questa ipotesi vedrebbe la nazione tutta in zona gialla ma con importanti restrizioni: bar e ristoranti chiusi e limitazioni sugli spostamenti tra regioni e comuni.
  • tornare in zona gialla il 7 e 8 gennaio, in zona arancione il 9 e 10 gennaio. Successivamente, sulla base del numero dei contagi locali, si procederà con l’assegnazione dei colori regione per regione con restrizioni attinenti al livello di gravità.

Sempre in ragione dell’aumento dei contagi, l’esecutivo sta valutando la possibilità di abbassare di 0,25 le soglie valori di Rt (indice di trasmissibilità) che decretano il colore delle regioni.

L’ipotesi è quella di assegnare il colore arancione quando l’indice di trasmissibilità regionale Rt è superiore all’1 (invece dell’attuale 1,25) e compreso nell’intervallo di 1,25 e assegnare il colore rosso quando supera l’1,25 (invece dell’attuale 1,50).

Il rapporto tra positivi e tamponi effettuati è cresciuto del 6.7% rispetto allo scorso 23 novembre e quello che preoccupa gli esperti è che la curva possa risalire rapidamente. L’auspicio di tutti è quello di evitare una terza ondata. Saranno sufficienti le misure che il Governo adotterà nei prossimi giorni?

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747