Il Governo dovrà restituire 49 milioni di euro a Vodafone Omnitel

Sentenza liberalizzazione vodafone stato

Si è chiusa oggi una battaglia legale durata oltre vent’anni con l’ordinanza della Corte di Cassazione n.18603.

Il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo economico aveva ricorso in Cassazione dopo la condanna della Corte di Appello di Roma a restituire a Vodafone Omnitel i 49 milioni di euro che erano stati versati nel 1998 per il canone di concessione per l’esercizio delle attività di telecomunicazioni.

La Suprema Corte ha evidenziato il contrasto tra la direttiva UE 97/13-CE e l’obbligo di pagamento comparato al 3% del fatturato annuo stabilito ex lege n. 49 del 1998.

A rafforzare la posizione di Vodafone Omnitel nei confronti dello Stato italiano vi è anche l’attuazione della liberalizzazione del settore delle telecomunicazioni con cessazione del regime di concessione statale a partire dal 1998.

La Corte d’Appello di Roma, infatti, quando è stata chiamata a pronunciarsi nel 2014 aveva sancito che il pagamento del canone di concessione “deve ritenersi, dopo il 31- 12-1997, in contrasto con l’ordinamento comunitario” e che “i vecchi concessionari dei servizi di telefonia, titolari o meno che fossero di diritti esclusivi, non potevano più esser considerati come titolari di una concessione amministrativa nel periodo transitorio successivo a tale data, né poteva esser loro imposta alcuna prestazione che non fosse quantificabile secondo l’art. 11 della direttiva medesima”.

La Sezione Prima della Corte di Cassazione Civile ha ripreso totalmente la decisione presa dall’organo territoriale ed ha rigettato il ricorso.

sentenza liberalizzazione vodafone stato

Si è chiusa oggi una battaglia legale durata oltre vent’anni con l’ordinanza della Corte di Cassazione n.18603.

Il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo economico aveva ricorso in Cassazione dopo la condanna della Corte di Appello di Roma a restituire a Vodafone Omnitel i 49 milioni di euro che erano stati versati nel 1998 per il canone di concessione per l’esercizio delle attività di telecomunicazioni.

La Suprema Corte ha evidenziato il contrasto tra la direttiva UE 97/13-CE e l’obbligo di pagamento comparato al 3% del fatturato annuo stabilito ex lege n. 49 del 1998.

A rafforzare la posizione di Vodafone Omnitel nei confronti dello Stato italiano vi è anche l’attuazione della liberalizzazione del settore delle telecomunicazioni con cessazione del regime di concessione statale a partire dal 1998.

La Corte d’Appello di Roma, infatti, quando è stata chiamata a pronunciarsi nel 2014 aveva sancito che il pagamento del canone di concessione “deve ritenersi, dopo il 31- 12-1997, in contrasto con l’ordinamento comunitario” e che “i vecchi concessionari dei servizi di telefonia, titolari o meno che fossero di diritti esclusivi, non potevano più esser considerati come titolari di una concessione amministrativa nel periodo transitorio successivo a tale data, né poteva esser loro imposta alcuna prestazione che non fosse quantificabile secondo l’art. 11 della direttiva medesima”.

La Sezione Prima della Corte di Cassazione Civile ha ripreso totalmente la decisione presa dall’organo territoriale ed ha rigettato il ricorso.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747