Covid e green pass: le nuove misure adottate dal Governo

Prosegue l’opera di contenimento del coronavirus: sono state deliberate dal Consiglio dei Ministri ulteriori restrizioni per limitare la circolazione del virus sia al chiuso che all’aperto. Vediamo di cosa si tratta.

Covid e green pass

Indice

1. Cosa si potrà fare dopo l’emanazione di questo nuovo decreto legge?
1.1 Terza dose dopo quattro mesi
1.2 Restrizione della durata del green pass
1.3 Maggiore utilizzo del green pass rafforzato
1.4 Obbligo di utilizzare le mascherine anche all’aperto
1.5 Divieto di consumare cibo e bevande all’interno di cinema e teatri
1.6 Stop alle discoteche
1.7 Tamponi di ingresso per le RSA
1.8 Viaggi all’estero
1.9 Test e tracciamento presso gli istituti scolastici
1.10 Proroga per le farmacie di somministrare vaccini fino al del 2022
1.11 Obbligo vaccinale per i dipendenti della pubblica amministrazione
1.12 Scarica il testo integrale del DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221

Il governo, attraverso il Consiglio dei Ministri n. 51 (1) ha recentemente approvato un decreto-legge che conduce innanzitutto ad una proroga dello stato di emergenza nazionale e poi elenca una serie di misure ritenute utili per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022.
Prorogati quindi i poteri derivanti dallo stato di emergenza al Capo del Dipartimento della Protezione Civile e, allo stesso modo, è stata prorogata la struttura del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica.
Continuano a restare in vigore le norme relative all’utilizzo del Green Pass e del Green Pass rafforzato, oltre ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati.
È stato decisa anche l’estensione, sino al 31 marzo 2022, della norma di legge secondo cui il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

1. Cosa si potrà fare dopo l’emanazione di questo nuovo decreto legge?

Si riportano di seguito le novità introdotte dal decreto e le restrizioni più importanti:

1.1 Terza dose dopo quattro mesi

Il periodo minimo per poter effettuare la terza dose di vaccino anti Covid, previo via libera dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco (2), potrà essere ridotto a quattro mesi. Quindi, con una interessante riduzione rispetto a quanto previsto prima.

1.2 Restrizione della durata del Green Pass

A far data dal 1° febbraio 2022 la durata del green pass sarà ridotta a 6 mesi dalla somministrazione dell’ultima dose. Da ora, quindi, cittadini che hanno già effettuato la seconda dose potranno procedere con la prenotazione della terza.

1.3 Maggiore utilizzo del Green Pass rafforzato

Sebbene prima dell’introduzione del nuovo decreto, il green pass rafforzato trovava applicazione in casi più ristretti, ora il suo possesso è indispensabile per accedere a:

  • Musei e mostre;
  • Parchi tematici e parchi di divertimento;
  • Centri sociali;
  • Sale gioco, sale scommesse e sale bingo;
  • Ristoranti al chiuso al banco.

Per bar resta l’obbligo del normale green pass.
Restano sollevati da quest’obbligo i cittadini minori di 12 anni e coloro i quali sono esentati dalla somministrazione del vaccino.

1.4. Obbligo di utilizzare le mascherine anche all’aperto

È previsto, altresì, l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in tutte le regioni. Quindi, nessuna differenza tra zona bianca ed eventuali zone gialle o rosse.
La mascherina riconosciuta come idonea è la Ffp2, e dovrà essere utilizzata:

  • Al cinema, al teatro, e negli stadi;
  • Ad eventi sportivi al chiuso;
  • Su treni, aerei, navi, bus, metropolitane;

1.5. Divieto di consumare cibo e bevande all’interno di cinema e teatri

È fatto divieto di consumare cibi e bevande al chiuso, al cinema, ai teatri e a qualsiasi evento sportivo.

1.6 Stop alle discoteche

Le discoteche dovranno restare chiuse fino al 31 gennaio. Anche attività equiparabili, come le sale da ballo, saranno assoggettate alle stesse restrizioni. Non sarà consentito nemmeno organizzare feste all’aperto. Sempre fino alla stessa data non sarà possibile organizzare feste in piazza all’aperto che comportino assembramenti.

1.7. Tamponi di ingresso per le RSA

Chi vorrà accedere presso strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice dovrà essere in possesso di regolare green pass “rafforzato”, e, se non ha ancora ricevuto la terza dose, sarà obbligato a sottoporsi a tampone. In quest’ultima ipotesi, in caso di esito negativo, si potrà accedere in struttura.

1.8. Viaggi all’estero

Continua a restare in vigore la regola del tampone obbligatorio per chi proviene dall’estero anche se ha completato il ciclo vaccinale.
Saranno effettuati controlli a campione all’ingresso in Italia e, qualora dovesse risultare un tampone positivo, il soggetto dovrà sottoporsi a isolamento fiduciario della durata di dieci giorni. In caso di mancata disponibilità di alloggio, l’isolamento potrà essere consumato presso apposito Covid Hotel.

1.9. Test e tracciamento presso gli istituti scolastici

A fronte di uno stanziamento pari a 9 milioni di euro, sarà effettuato un’opera di individuazione tracciamento di casi di positività all’interno delle scuole.

1.10. Proroga per le farmacie di somministrare vaccini fino al del 2022

Prorogate fino al termine dell’anno 2022 le misure che consentono alle farmacie di somministrare vaccini anti-Covid. Sono stati messi a bilancio, per lo scopo, circa 4.800.000,00 di euro.

1.11 Obbligo vaccinale per i dipendenti della pubblica amministrazione

Risulta attualmente sospesa l’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale ai dipendenti della pubblica amministrazione. Attualmente gli unici dipendenti pubblici obbligati sono quelli che esercitano la propria professione nel comparto della salute e dell’istruzione.
Ad ogni modo, qualora la curva dei contagi dovesse continuare a destare preoccupazioni, resta una ipotesi di primaria scelta per il governo. Un provvedimento che creerebbe parecchie frizioni con quelli che ancora oggi ritengono che il green pass sia uno strumento incostituzionale

1.12.Scarica il testo integrale del DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221

Se vuoi leggere il testo integrale del decreto Proroga dello stato di emergenza nazionale e ulteriori misure per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-1 clicca qui.

covid e green pass

Indice

1. Cosa si potrà fare dopo l’emanazione di questo nuovo decreto legge?
1.1 Terza dose dopo quattro mesi
1.2 Restrizione della durata del green pass
1.3 Maggiore utilizzo del green pass rafforzato
1.4 Obbligo di utilizzare le mascherine anche all’aperto
1.5 Divieto di consumare cibo e bevande all’interno di cinema e teatri
1.6 Stop alle discoteche
1.7 Tamponi di ingresso per le RSA
1.8 Viaggi all’estero
1.9 Test e tracciamento presso gli istituti scolastici
1.10 Proroga per le farmacie di somministrare vaccini fino al del 2022
1.11 Obbligo vaccinale per i dipendenti della pubblica amministrazione
1.12 Scarica il testo integrale del DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221

Il governo, attraverso il Consiglio dei Ministri n. 51 (1) ha recentemente approvato un decreto-legge che conduce innanzitutto ad una proroga dello stato di emergenza nazionale e poi elenca una serie di misure ritenute utili per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022.
Prorogati quindi i poteri derivanti dallo stato di emergenza al Capo del Dipartimento della Protezione Civile e, allo stesso modo, è stata prorogata la struttura del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica.
Continuano a restare in vigore le norme relative all’utilizzo del Green Pass e del Green Pass rafforzato, oltre ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati.
È stato decisa anche l’estensione, sino al 31 marzo 2022, della norma di legge secondo cui il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

1. Cosa si potrà fare dopo l’emanazione di questo nuovo decreto legge?

Si riportano di seguito le novità introdotte dal decreto e le restrizioni più importanti:

1.1 Terza dose dopo quattro mesi

Il periodo minimo per poter effettuare la terza dose di vaccino anti Covid, previo via libera dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco (2), potrà essere ridotto a quattro mesi. Quindi, con una interessante riduzione rispetto a quanto previsto prima.

1.2 Restrizione della durata del Green Pass

A far data dal 1° febbraio 2022 la durata del green pass sarà ridotta a 6 mesi dalla somministrazione dell’ultima dose. Da ora, quindi, cittadini che hanno già effettuato la seconda dose potranno procedere con la prenotazione della terza.

1.3 Maggiore utilizzo del Green Pass rafforzato

Sebbene prima dell’introduzione del nuovo decreto, il green pass rafforzato trovava applicazione in casi più ristretti, ora il suo possesso è indispensabile per accedere a:

  • Musei e mostre;
  • Parchi tematici e parchi di divertimento;
  • Centri sociali;
  • Sale gioco, sale scommesse e sale bingo;
  • Ristoranti al chiuso al banco.

Per bar resta l’obbligo del normale green pass.
Restano sollevati da quest’obbligo i cittadini minori di 12 anni e coloro i quali sono esentati dalla somministrazione del vaccino.

1.4. Obbligo di utilizzare le mascherine anche all’aperto

È previsto, altresì, l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in tutte le regioni. Quindi, nessuna differenza tra zona bianca ed eventuali zone gialle o rosse.
La mascherina riconosciuta come idonea è la Ffp2, e dovrà essere utilizzata:

  • Al cinema, al teatro, e negli stadi;
  • Ad eventi sportivi al chiuso;
  • Su treni, aerei, navi, bus, metropolitane;

1.5. Divieto di consumare cibo e bevande all’interno di cinema e teatri

È fatto divieto di consumare cibi e bevande al chiuso, al cinema, ai teatri e a qualsiasi evento sportivo.

1.6 Stop alle discoteche

Le discoteche dovranno restare chiuse fino al 31 gennaio. Anche attività equiparabili, come le sale da ballo, saranno assoggettate alle stesse restrizioni. Non sarà consentito nemmeno organizzare feste all’aperto. Sempre fino alla stessa data non sarà possibile organizzare feste in piazza all’aperto che comportino assembramenti.

1.7. Tamponi di ingresso per le RSA

Chi vorrà accedere presso strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice dovrà essere in possesso di regolare green pass “rafforzato”, e, se non ha ancora ricevuto la terza dose, sarà obbligato a sottoporsi a tampone. In quest’ultima ipotesi, in caso di esito negativo, si potrà accedere in struttura.

1.8. Viaggi all’estero

Continua a restare in vigore la regola del tampone obbligatorio per chi proviene dall’estero anche se ha completato il ciclo vaccinale.
Saranno effettuati controlli a campione all’ingresso in Italia e, qualora dovesse risultare un tampone positivo, il soggetto dovrà sottoporsi a isolamento fiduciario della durata di dieci giorni. In caso di mancata disponibilità di alloggio, l’isolamento potrà essere consumato presso apposito Covid Hotel.

1.9. Test e tracciamento presso gli istituti scolastici

A fronte di uno stanziamento pari a 9 milioni di euro, sarà effettuato un’opera di individuazione tracciamento di casi di positività all’interno delle scuole.

1.10. Proroga per le farmacie di somministrare vaccini fino al del 2022

Prorogate fino al termine dell’anno 2022 le misure che consentono alle farmacie di somministrare vaccini anti-Covid. Sono stati messi a bilancio, per lo scopo, circa 4.800.000,00 di euro.

1.11 Obbligo vaccinale per i dipendenti della pubblica amministrazione

Risulta attualmente sospesa l’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale ai dipendenti della pubblica amministrazione. Attualmente gli unici dipendenti pubblici obbligati sono quelli che esercitano la propria professione nel comparto della salute e dell’istruzione.
Ad ogni modo, qualora la curva dei contagi dovesse continuare a destare preoccupazioni, resta una ipotesi di primaria scelta per il governo. Un provvedimento che creerebbe parecchie frizioni con quelli che ancora oggi ritengono che il green pass sia uno strumento incostituzionale

1.12.Scarica il testo integrale del DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221

Se vuoi leggere il testo integrale del decreto Proroga dello stato di emergenza nazionale e ulteriori misure per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-1 clicca qui.

Note

(1) Comunicato dal sito del governo https://www.governo.it/it/coronavirus-misure-del-governo
(2) Agenzia italiana del farmaco https://www.aifa.gov.it/

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747