Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Arriva “IO”, l’app per interagire con le Pubbliche Amministrazioni

cashback

Continua il processo di digitalizzazione per le nostre PA: con l’app “Io” i cittadini potranno sottoscrivere autocertificazioni, effettuare dichiarazioni, istanze e pagamenti PagoPA

Il decreto Semplificazione porta in seno l’obbligo per gli Enti pubblici di rendere disponibili on-line i propri servizi, e per questo il governo ha fornito l’applicazione “Io” alle PA come strumento di offerta telematica per fornire determinati servizi.

Obbligati ad utilizzarla non saranno solo le città ed i comuni ma anche le autorità di sistema portuale e quelle amministrative indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione.

Non sono soggette all’obbligo, invece,  i gestori dei servizi pubblici e le società a controllo pubblico.

Obiettivo della manovra è quello di semplificare e velocizzare il rapporto tra pubbliche amministrazioni e cittadini mirando ad eliminare le file davanti agli sportelli e puntando ad una massiva digitalizzazione di tutti gli elementi cartacei dei procedimenti amministrativi.

Tutti gli enti interessati dovranno impegnarsi a rendere disponibili i proprio servizi online entro il 28 febbraio 2021, nel caso in cui tale dead-line non dovesse essere rispettata sarà applicata una sanzione ai dirigenti responsabili consistente nella riduzione, non inferiore al 30% della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale, oltre al divieto di attribuire premi o incentivi nell’ambito delle medesime strutture.

cashback

Continua il processo di digitalizzazione per le nostre PA: con l’app “Io” i cittadini potranno sottoscrivere autocertificazioni, effettuare dichiarazioni, istanze e pagamenti PagoPA

Il decreto Semplificazione porta in seno l’obbligo per gli Enti pubblici di rendere disponibili on-line i propri servizi, e per questo il governo ha fornito l’applicazione “Io” alle PA come strumento di offerta telematica per fornire determinati servizi.

Obbligati ad utilizzarla non saranno solo le città ed i comuni ma anche le autorità di sistema portuale e quelle amministrative indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione.

Non sono soggette all’obbligo, invece,  i gestori dei servizi pubblici e le società a controllo pubblico.

Obiettivo della manovra è quello di semplificare e velocizzare il rapporto tra pubbliche amministrazioni e cittadini mirando ad eliminare le file davanti agli sportelli e puntando ad una massiva digitalizzazione di tutti gli elementi cartacei dei procedimenti amministrativi.

Tutti gli enti interessati dovranno impegnarsi a rendere disponibili i proprio servizi online entro il 28 febbraio 2021, nel caso in cui tale dead-line non dovesse essere rispettata sarà applicata una sanzione ai dirigenti responsabili consistente nella riduzione, non inferiore al 30% della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale, oltre al divieto di attribuire premi o incentivi nell’ambito delle medesime strutture.

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati