L’espropriazione forzata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Attraverso l’espropriazione forzata uno o più beni vengono sottratti coattivamente al debitore, da parte del creditore, per essere convertiti in denaro e saldare, quindi, la propria posizione debitoria.

1. Cenni generali sull’espropriazione forzata

Questo genere di procedimento esecutivo è definito a forma generica, poiché non riguarda una espropriazione diretta su un bene specificatamente dovuto, ma riguarda la conversione di un bene nella somma di denaro dovuta (che corrisponde a un bene fungibile, cioè privo di individualità specifica).
La procedura di espropriazione forzata si attiva dinanzi al Tribunale, quindi per questo genere di attività non è prevista la figura del Giudice di Pace.
In base all’oggetto dell’esproprio, sono previste dal nostro ordinamento tre tipologie di esecuzione, ovvero:

  • L’espropriazione mobiliare: se effettuata su denaro o altri beni mobili;
  • L’espropriazione Immobiliare: quindi che ha per oggetto beni immobili;
  • L’espropriazione presso terzi: se riguarda beni mobili nella disponibilità di terzi (es. stipendio).

Il creditore ha la facoltà di avvalersi in maniera cumulativa di tutti gli strumenti di espropriazione previsti dalla legge. Nel caso in cui dovesse rivelarsi un abuso nell’utilizzo di questi strumenti, il debitore può proporvi opposizione e, il giudice, interverrà con ordinanza non impugnabile.

2. La procedura di espropriazione forzata

Come già accennato nel paragrafo precedente, la procedura dell’espropriazione forzata viene avviata presso il Tribunale dinanzi al giudice dell’esecuzione. Il giudice inteso come persona fisica che dovrà materialmente occuparsi dell’intero procedimento, viene di volta in volta nominato dal Presidente del Tribunale.
L’atto di impulso utile all’avvio della procedura è l’atto di pignoramento. Infatti, con il deposito del pignoramento presso la cancelleria del Tribunale, il cancelliere forma il relativo fascicolo che, ai sensi dell’art. 488 c.p.c. dovrà contenere:

  • Gli atti compiuti dal giudice;
  • Gli atti compiuti dal cancelliere;
  • Gli atti compiuti dall’ufficiale giudiziario;
  • I documenti depositati dalle parti.

Anche se si è in presenza di un giudizio di cognizione, il giudice dell’esecuzione, quando lo ritiene utile, può disporre la convocazione sia del creditore che del debitore ai fini di una loro audizione.

2.1 Pubblicità dell’atto esecutivo

Vi sono dei casi espressamente previsti dalla legge che impongono che dell’atto esecutivo debba esserne data pubblica notizia. Tutti i dati dell’atto che possono essere oggetto di pubblico interesse, quindi, deve essere inserito sul portale delle vendite pubbliche del Ministero della giustizia.
Nel caso di mobili registrati per un valore superiore a 25.000,00 euro o di beni immobili, l’ordinanza di vendita del giudice e la successiva perizia di stima sui beni dovranno essere pubblicati, su diversi siti previsti dalla legge, almeno 45 giorni prima della presentazione delle offerte o della data dell’incanto.
In via non obbligata dal codice, il giudice potrà disporre anche la pubblicazione dell’avviso sui quotidiani locali di maggiore diffusione.

2.2 Scelta dei beni da pignorare

Fatta eccezione delle ipotesi di limitazione della pignorabilità poste dalla legge, il creditore può scegliere liberamente quali beni inserire nell’atto di pignoramento, tra quelli nella disponibilità del debitore.
Il debitore, potrà comunque evitare la sottrazione dei beni, nelle seguenti modalità:

  • versando nelle mani dell’ufficiale giudiziario preposto alla concreta attuazione del pignoramento;
  • chiedendo la conversione dei beni pignorati in una somma di denaro.

Inoltre, nell’ipotesi in cui il valore dei beni pignorati superi in maniera irragionevole l’importo del credito, il debitore può chiedere al giudice una riduzione dell’intero pignoramento, riducendolo fino al valore necessario a soddisfare le pretese creditorie.

2.3 Intervento di altri eventuali creditori

Alla procedura concorsuale attivata da parte di un creditore è prevista la possibilità che possano intervenire anche altri creditori del medesimo debitore.
L’ulteriore creditore potrà intervenire nella procedura esecutiva mediante:

  • Partecipazione all’atto di pignoramento;
  • Intervento successivo all’atto di pignoramento munito di uno dei titoli di legge previsti dall’art. 499 c.p.c.

Il secondo comma del predetto articolo esplica le modalità con cui dovrà essere presentato l’intervento, ovvero tramite ricorso, che dovrà essere presentato prima che sia disposta la vendita o l’assegnazione.

2.3.1 Contenuto del ricorso per la compartecipazione alla procedura esecutiva

Ai fini di una corretta compartecipazione alla procedura concorsuale, il ricorso dovrà contenere:

  • l’indicazione esatta dell’ammontare del credito;
  • il titolo su cui si fonda la pretesa creditoria;
  • richiesta di partecipazione alla distribuzione della somma ricavata dalla vendita dei beni;
  • dichiarazione di residenza o elezione di domicilio.

Al debitore saranno comunque concesse tutte le controdeduzioni previste dal nostro ordinamento.

2.4 Distribuzione della somma ricavata

Al termine delle operazioni di vendita, che potrà avvenire con incanto o senza incanto, si passa all’ultima fase del procedimento, ovvero alla ripartizione della somma ricavata dalla vendita forzata in favore dei creditori intervenuti nella procedura.

La ripartizione dovrà avvenire nelle forme previste dall’art. 510 c.p.c., ovvero nel caso di:

  • singolo creditore: il giudice dispone in favore del creditore il pagamento della sorte capitale, degli interessi e delle spese procedurali;
  • pluralità di creditori intervenuti: il giudice procede alla ripartizione dei crediti secondo le modalità previste dalla legge (tenendo in considerazione, privilegi, gradi di ipoteca ecc.).

3. Spese procedurali

Le spese sostenute dal creditore per l’intera procedura esecutiva, sono poste a carico del debitore così come previsto dall’art. 95 c.p.c.

Note

  1. “L’espropriazione forzata immobiliare” di Giovanni Campese – 2006

Codici e leggi

CEDU (Convenzione Europea dei Diritti Umani)

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

GDPR (679/2016)

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge sul Divorzio

Legge sul Processo Amministrativo

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico sull’immigrazione

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Altre leggi