Il difensore dell’imputato

La figura del difensore dell’imputato riveste una posizione di cruciale importanza nel processo penale. Basti pensare che, a differenza del processo civile, secondo l’art. 99 c.p.p. i diritti e le facoltà che spettano all’imputato dovranno essere estese anche al suo difensore. Inoltre, la figura del difensore assume carattere di obbligatorietà per la legge penale.

1. Cenni generali

Come accennato nella parte introduttiva, la figura dell’avvocato nel processo penale è di importanza cruciale per il nostro ordinamento. Come previsto dagli artt. 96 e 97 c.p.p., infatti, la difesa tecnica nel processo penale è obbligatoria. Inoltre, nell’ipotesi in cui l’imputato ricopra anche la posizione professionale di avvocato, non potrà difendere se stesso.
La scelta del difensore, quindi, se non viene effettuata direttamente dall’imputato, a questi gli viene assegnato un difensore d’ufficio.
Qualora i redditi dell’imputato siano al di sotto di una determinata soglia stabilita dalla legge, questi potrà chiedere di essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato.

2. Nomina del difensore di fiducia

Con riferimento alle modalità con cui dovrà essere nominato il proprio difensore di fiducia, la disciplina è rubricata all’art. 96 c.p.p. Ai sensi del predetto articolo, infatti, la persona imputata dovrà procedere alla nomina del proprio difensore attraverso una dichiarazione resa all’autorità procedente o tramite dichiarazione consegnata, sempre all’autorità, ma direttamente da parte del difensore.
Allo stesso modo il difensore di fiducia potrà essere nominato direttamente da un congiunto dell’imputato qualora quest’ultimo, poiché sottoposto ad arresto o ad altra misura cautelare, non vi abbia ancora provveduto.
Infine, sempre ai sensi della medesima norma, è previsto che l’imputato non potrà comunque nominare più di due difensori.

3. Nomina del difensore d’ufficio

Nel caso in cui, invece, l’imputato non abbia provveduto alla nomina di un difensore, questi dovrà essere assistito da un difensore nominato d’ufficio. Il difensore da assegnare all’imputato viene individuato tra quelli iscritti nell’elenco nazionale previsto dall’art. 29 delle norme di attuazione del codice di procedura penale.
Il difensore d’ufficio, una volta ricevuto l’incarico, a meno che non sussista un giustificato motivo, è obbligato a prestare la propria assistenza e, qualora dovesse intervenire la nomina del difensore di fiducia, cesserà di prestare la propria assistenza professionale.

4. Le garanzie di libertà del difensore

Il legislatore, al fine di ottimizzare il diritto di difesa così come costituzionalmente garantito, ha voluto predisporre un impianto normativo che pone, a vantaggio del difensore, precisi limiti ai poteri investigativi degli organi inquirenti.
Si pensi alla possibilità di procedere a ispezione o perquisizione presso lo studio di un avvocato. Tali procedimenti non sono per legge consentiti, a meno che l’avvocato rivesta la qualità di imputato o quando vi è la necessità di rilevare tracce o altri effetti materiali del reato o per cercare cose o persone.
Anche le corrispondenze e le conversazioni che intercorrono tra imputato e difensore, non possono essere oggetto di intercettazione da parte degli agenti investigativi.
Qualora gli uffici preposti alle attività di indagini, utilizzino le informazioni ottenute in violazione dei diritti fin qui indicati, tali informazioni non potranno produrre alcun effetto in sede processuale.

5. Il colloquio tra difensore e imputato in regime di detenzione

La normativa attuale consente all’imputato il diritto ad avere immediatamente un primo colloquio con il difensore. Qualora non dovesse avvenire immediatamente, dovrà comunque avvenire non oltre sette giorni a far data dal provvedimento restrittivo della libertà personale.
In presenza di specifiche ed eccezionali ragioni di cautela è consentito dilazionare il colloquio tra le parti, per un termine non superiore a cinque giorni.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747