Il cancelliere giudiziario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Il cancelliere giudiziario svolge funzioni amministrative di supporto a quella che è l’attività del giudice.

1. Caratteristiche del cancelliere

Il cancelliere è il primo collaboratore del giudice e le attività da lui svolte integrano l’intera attività di un organo giudiziario.
Ogni giudice è dotato di un proprio ufficio di cancelleria ove vengono custoditi e registrati gli atti giudiziari.
La figura del cancelliere è, tra l’altro, espressamente prevista dagli artt. 57 e 58 del nostro codice di procedura civile.
All’interno dei predetti articoli viene riportata quella che deve essere l’attività svolta dal cancelliere e che sarà oggetto di trattazione del paragrafo successivo.

2. Compiti e doveri del cancelliere

Al funzionario di cancelleria è demandato lo svolgimento di importanti compiti che conducono ad un corretto svolgimento del processo e ad una ottimale conservazione della documentazione processuale.
Ai sensi dell’art. 57 c.p.c. viene posto in risalto il suo ruolo di documentare le sue attività e quella dell’organo giudiziario, nonché l’attività delle parti coinvolte.
Ha il compito di assistere il giudice in tutti gli atti dei quali deve essere formato processo verbale. Nella consuetudine, infatti, al termine di ogni verbale di udienza, oltre alla firma del giudice, che “sigilla” il suo dispositivo finale, è necessaria anche l’apposizione della firma del cancelliere.

Il cancelliere, inoltre, è anche competente per:

  • il rilascio di copie ed estratti autentici di documenti prodotti;
  • iscrizione a ruolo della causa;
  • formazione del fascicolo di causa;
  • conservazione del fascicolo;
  • alle comunicazioni richieste dal giudice;
  • accettazione di eventuali depositi delle parti in causa, nei casi previsti dalla legge.

3. Responsabilità civile del funzionario di cancelleria

Il nostro codice di procedura civile, infine, all’art. 60 del codice di procedura civile prevede anche in quali casi il cancelliere potrà essere ritenuto civilmente responsabile in funzione del suo operato.
Siffatta ipotesi si rinviene, infatti, nei casi in cui:

  • senza un fondato motivo si rifiuta di compiere atti che rientrano nella sua sfera di competenza o se non li compie nei termini di legge;
  • compia un atto nullo in maniera dolosa o con colpa grave.

Codici e leggi

CEDU (Convenzione Europea dei Diritti Umani)

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

GDPR (679/2016)

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge sul Divorzio

Legge sul Processo Amministrativo

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico sull’immigrazione

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Altre leggi