Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Le differenze tra comunicazione e notifica

Un atto giudiziario, per avere un valore processuale, deve considerarsi correttamente notificato alla parte destinataria. Senza una valida prova di avvenuta consegna, infatti, l’atto giudiziario è da considerarsi privo di ogni efficacia, a meno che, non intervengano determinate ipotesi che analizzeremo di seguito. Nella stessa sezione del nostro codice di procedura civile viene anche disciplinato l’utilizzo della comunicazione, istituto simile ma totalmente diverso per scopo di utilizzo e contenuti.

1. Cenni generali sulla comunicazione

Dalla quarta sezione del libro del codice di procedura civile ci vengono fornite le disposizioni generali, previste dal nostro ordinamento, sulle comunicazioni e sulle notificazioni.

Le comunicazioni sono previste dall’art. 136 c.p.c. e sono volte a rendere “più spedita” la messa a conoscenza del destinatario, su determinati provvedimenti relativi al processo di cui è parte.

Per il secondo comma del predetto articolo, gli strumenti di comunicazione utilizzabili sono il telefax e la posta elettronica.

2. Nozioni generali sulla notifica

Discorso di ben più ampia trattazione merita la disciplina delle notificazioni, in quanto si tratta di uno strumento molto delicato dal quale potrebbe derivare, ad esempio, anche la nullità di un intero procedimento giudiziario.

La notificazione viene effettuata su istanza di una parte interessata al processo, su richiesta del pubblico ministero o su richiesta del cancelliere e serve a mettere a conoscenza la parte interessata di un documento di un atto processuale.

I mezzi utilizzati in questo caso sono l’ufficiale giudiziario o la posta elettronica certificata.

La compiuta e corretta notifica dell’atto giudiziario viene provata con la relata di notifica, che consiste in un documento comprovante l’avvenuta notifica alla parte cui era indirizzato l’atto.

Sono diverse le modalità di notifica di un atto giudiziario previste dal nostro ordinamento.

3. Differenze tra comunicazione e notifica

Le differenze di maggiore rilievo tra questi due strumenti si rinvengono nel fatto che:

  • le comunicazioni vengono effettuate solo dalla cancelleria, mentre le notificazioni oltre che dalla cancelleria vengono utilizzate soprattutto dalle parti;
  • l’errata procedura comunicativa non comporta mai la nullità di un procedimento giudiziario, ipotesi che può invece accadere per il caso di non corretta notifica.
Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati