Creditore privilegiato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

La figura del creditore privilegiato, al pari di quella del creditore chirografario, è prevista dal nostro ordinamento con il fine di stabilire un ordine in caso di ripartizione di crediti fra più creditori.

1. Nozioni sul creditore privilegiato

Il creditore privilegiato viene qualificato come tale proprio per la posizione di privilegio che assume qualora il suo debitore venga assoggettato ad un procedimento esecutivo.
In caso di pluralità di creditori in linea di massima il codice civile, all’art. 2741, impone il principio della par condicio creditorum, ovvero l’egual diritto alla soddisfazione del credito tra gli intervenuti nel procedimento concorsuale.
Tuttavia, sempre ai sensi del medesimo articolo, vengono anteposti all’intera massa dei creditori, quei crediti muniti di legittime cause di prelazione.
L’acquisizione dello status di privilegiato nei confronti del debitore avviene in maniera automatica secondo le forme previste dal nostro ordinamento, sulla base della natura del credito (es. crediti prededucibili).
Questa categoria di creditori, quindi, non nasce da un pregresso accordo delle parti, ma nasce sulla base della natura del credito vantato da una parte, e per la quale la legge prevede primaria tutela.

2. Tipologie di privilegio

L’articolo 2746 c.c. impone una distinzione dei privilegi in base ai beni su cui può essere esercitato tale diritto. Pertanto viene operata una netta distinzione tra:

  • Privilegio generale: consistente in un diritto di privilegio su tutti i beni mobili del debitore;
  • Privilegio speciale: consistente in un diritto di privilegio, su specifici beni del debitore.

Nel caso in cui dovessero concorrere più creditori privilegiati all’interno della medesima procedura, l’ordine di preferenza viene dato dalla natura del credito e non dal momento di intervento nella procedura.

3. Vantaggi del creditore privilegiato

Dalla categoria in cui rientra il proprio credito privilegiato derivano effetti diversi. Tale efficacia è disciplinata dagli artt. 2747 e successivi del codice civile.
Vengono altresì disciplinate le ipotesi di conflitto tra il privilegio, il pegno e le ipoteche. Nel caso del privilegio speciale sui beni mobili, questo non può esercitarsi in pregiudizio del creditore pignoratizio. I creditori che, invece, hanno privilegio sui beni immobili sono preferiti ai creditori ipotecari se la legge non dispone in maniera diversa.
L’intera e peculiare trattazione di questo argomento è contenuta nel libro VI, titolo III del codice civile.

4. Privilegio sui beni immobili

Per quel che concerne i beni immobili, godono di privilegio:

  • Crediti per spese di giustizia fatte nell’interesse dei creditori;
  • Crediti dello Stato per imposte sul reddito e alcuni contributi indiretti;
  • Crediti del promissario acquirente derivanti dal contratto preliminare.

L’ordine di privilegio sugli immobili è disciplinato dall’art. 2780 c.c.

Codici e leggi

CEDU (Convenzione Europea dei Diritti Umani)

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

GDPR (679/2016)

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge sul Divorzio

Legge sul Processo Amministrativo

Legge Testamento Biologico

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico sull’immigrazione

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Altre leggi

Codici Deontologici

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747