L’archiviazione del procedimento penale

All’esito delle indagini preliminari il pubblico ministero può presentare o una richiesta di rinvio a giudizio o una richiesta di archiviazione della notizia di reato. Nei paragrafi seguenti verrà approfondita la circostanza dell’archiviazione.

1. Motivi per la richiesta di archiviazione

La richiesta di archiviazione di una notizia reato, può avvenire, essenzialmente, per le seguenti ragioni:

  • Questa risulta essere totalmente infondata poiché gli elementi acquisiti nelle indagini preliminari non sono idonei a sostenere l’accusa in giudizio;
  • Quando manca una tra le condizioni di procedibilità previste dalla legge;
  • Se il fatto non è previsto dalla legge come reato o è estinto;
  • Se l’autore o gli autori restano ignoti;
  • Se nel corso delle indagini preliminari la Corte di Cassazione ha dichiarato l’insussistenza a carico dell’indagato dei gravi indizi di colpevolezza previsti dall’art. 273 c.p.p.

2. Procedimento per la richiesta di archiviazione

Insieme alla richiesta di archiviazione, il pubblico ministero trasmette al giudice il fascicolo delle indagini contenente la notizia di reato, la documentazione delle indagini espletate ed i verbali degli atti compiuti davanti al giudice per le indagini preliminari.
Il giudice, se accoglie la richiesta, dispone l’archiviazione con decreto motivato e restituisce gli atti al pubblico ministero.
L’intera disciplina è chiarita dall’articolo 408 c.p.p.

3. Fissazione dell’udienza in camera di consiglio

Il giudice può in alternativa fissare davanti a sé un’udienza in camera di consiglio a norma dell’art. 127 c.p.p., della quale fa dare avviso al pubblico ministero, alla persona sottoposta alle indagini, al suo difensore, alla persona offesa e, infine, al procuratore generale presso la Corte d’Appello competente affinché questi possa disporre l’avocazione.
All’esito dell’udienza, esercitata nelle forme appena indicate, il giudice emette ordinanza attraverso la quale:

  • Dispone l’archiviazione e restituisce gli atti al PM;
  • Indica al PM le ulteriori attività di indagine che ritiene necessarie con contestuale fissazione del termine entro il quale dovranno essere espletate;
  • Dispone l’iscrizione del nome del presunto autore del reato, nelle forme previste dall’art. 335 c.p.p., se la richiesta di archiviazione è stata avanzata dal pubblico ministero sul presupposto che gli autori del reato risultano essere ignoti, mentre secondo il giudice, dall’attività di indagine emerge già il nome del presunto colpevole;
  • Ritenendo che le indagini preliminari abbiano fatto emergere elementi idonei a sostenere l’accusa in giudizio, ordina al pubblico ministero di formulare i capi di imputazione nel termine massimo di 10 giorni.


Nel caso di richiesta di rinvio a giudizio, conseguente all’ordinanza emanata dal giudice, questi fissa l’udienza preliminare con decreto che indica: le generalità delle parti coinvolte nel reato; i capi di imputazione; le fonti di prova acquisite. Il contenuto del decreto viene notificato sia all’imputato che alla persona offesa del reato.
In caso di definitiva archiviazione, quindi, è notificato alla persona sottoposta alle indagini preliminari che, qualora dovesse rilevare la non corretta espletazione dell’attività di indagine, potrà proporre opposizione nelle forme e con i limiti previsti dalla legge.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747